Domenica , 12 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
10 Luglio 2007
 

Malik Zarin è un signore della guerra. Viene dal Kunar, una piccola provincia dell’Afghanistan situata lungo il confine con il Pakistan, caratterizzata da impervie montagne e da una frontiera porosa che continua a suscitare lo sdegno dei popoli di etnia pashtun. Malik combatte da una vita. Ha partecipato alla resistenza contro l’Unione Sovietica (1979-1989), ha attaccato il governo Najibullah negli anni convulsi dopo il collasso del regime comunista (1989-1992), ha difeso il governo di Rabbani e Masoud durante la guerra civile (1992-1996) e ha condotto operazioni sovversive su larga scala contro il regime talebano (1996-2001). Grande esperto di tattiche insurrezionali ed anti-insurrezionali, Malik si è conquistato sul campo lo strapotere politico sulla provincia di Kunar. E quando nel 2001 ha preso le parti degli americani e di Karzai, sembrava che il suo potere potesse solo aumentare.

Quando sono andato a far visita a Malik, l’ho trovato in un palazzone fatiscente alla periferia di Kabul. All’interno del suo appartamento, al sesto e ultimo piano, tutte le tende erano tirate e diversi uomini si aggiravano nella penombra. Uno di loro mi ha pilotato in un ampio soggiorno, arredato esclusivamente con tappeti e cuscini. Una decina di uomini seduti a gambe incrociate parlavano animatamente fra di loro sorseggiando tè verde. Portavano barbe lunghe e i vestiti tradizionali del Kunar. Qualche minuto dopo sono apparsi due uomini armati di Kalashnikov e dietro di loro Malik. Tutti i presenti sono sprofondati in un deferente silenzio. Dopo avermi lanciato una rapida occhiata Malik ha congedato le sue guardie del corpo senza lasciare che mi perquisissero e mi ha invitato a seguirlo in un'altra stanza dove avremmo avuto modo di parlare a tu per tu.

«Poco dopo l’11 Settembre, io e molti altri comandanti dell’Alleanza del Nord siamo andati in Italia per parlare con gli americani. Mi ricordo che io consigliai agli americani di non invadere l’Afghanistan ma di servirsi dell’Alleanza del Nord per abbattere il regime talebano. Per prendere Kabul a noi sarebbero bastati un po’ di armamenti moderni, magari qualche giorno di appoggio aereo. Niente di più. Ma gli americani decisero di invadere e di occupare l’Afghanistan. Un brutto errore». Ho chiesto a Malik quali altri errori abbiano commesso gli americani una volta entrati in Afghanistan. Lui ha risposto deciso: «Gli americani si sono alleati con le persone sbagliate. Hanno creduto alle menzogne di questi falsi amici ed hanno perseguitato molte persone innocenti. Per paura e inesperienza, hanno colpito civili inermi. E adesso gli afgani si stanno ribellando».

Ho chiesto a Malik se ritiene che gli eserciti stranieri debbano ritirarsi dall’Afghanistan. A questa domanda ha esitato un attimo. Poi ha detto: «No, non possono andare via così. I talebani sono partiti alla ribalta e se gli americani dovessero ritirarsi… qui scoppierebbe un’altra guerra civile». Ho pensato che fosse una risposta piuttosto strana per uno che in guerra ha sempre ammassato potere e ricchezze, arrivando a soggiogare un’intera provincia e a diventarne il signore indiscusso. Ma evidentemente questa volta Malik ha paura di perdere. Infatti, se gli americani si ritirassero, i talebani potrebbero prendere la provincia di Kunar abbastanza facilmente. Con tutte quelle montagne, con decine di comunità pro-taliban subito lì, dall’altra parte della frontiera, Kunar rimane una delle province più vulnerabili di tutto l’Afghanistan.

Malik storce la bocca: «Si, i talebani sono già nelle montagne di Kunar. E il governo pakistano li sta aiutando. Lascia loro piena libertà d’azione nei villaggi dalla parte pakistana del confine. Ma io non lascerò che ritornino al potere in Afghanistan. Avranno pane per i loro denti». Improvvisamente, mi viene un sospetto. Malik sta cercando di farsi bello agli occhi di un giornalista straniero. Vuole dimostrare che è ancora importante, proprio come ai tempi dell’invasione americana. Ma in questo periodo tanto difficile, con i talebani già presenti in forza sulle sue montagne, perché Malik se ne sta arroccato in un palazzone fatiscente di Kabul, circondato da guardie del corpo?

Ovviamente Malik non ammetterebbe mai di essere stato estromesso dal suo feudo, quindi non glielo domando nemmeno. Ma una cosa è certa. Se gli eserciti stranieri si dovessero ritirare dall’Afghanistan, il governo Karzai non sarebbe più in grado di mantenere il controllo della situazione ed entro pochi mesi le province più vulnerabili dell’Afghanistan ritornerebbero sotto il dominio talebano, una ad una. In quelle province cadrebbero molte teste, le teste di coloro che hanno appoggiato gli americani e sostenuto la legittimità del governo Karzai. E una di quelle teste appartiene a Malik.

 

Federico Manfredi

(da Notizie radicali, 9 luglio 2007)


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Un bel mercoledì
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Droga. Rapporto INCB
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy