Sabato , 11 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bruna Spagnuolo: Il mondo? un treno su binari senza prosecuzione
13 Marzo 2008
 

Temo che tutti i politici del mondo si siano messi d'accordo per estinguere la razza umana. Quelli delle 'potenze' e quelli delle 'non potenze' parlano allo stesso modo. “Corrono” (da soli o in compagnia), ma... dove vanno?!? Almeno loro sanno dove stanno andando?!? Sembrano fatti tutti con lo stampo: parlano, con aria assennata, con toni convincenti e picchi di 'sincerità' sconvolgenti, imboniscono le folle e se stessi, arringano e si arringano e il cittadino piccolo piccolo (che non ha visibilità e non ha voce) si sente invadere dalla disperazione: “Sì, ma io.../ e i miei figli..., la loro vita...., la loro sicurezza..., il loro futuro...?/ E i miei nipoti...? Come vivremo-vivranno..., per quanto...” I politici sembrano in preda al delirio, mentre indossano (tutti) occhiali-tornaconto visibili solo dall'esterno. Non ce n'è uno che parli di vita, di morte e di sopravvivenza. L'America ne ha pochi che “corrono per le presidenziali”, noi ne abbiamo intere mute agguerrite. Corrono tutti contro la vita. Non ho sentito un solo discorso, un solo programma che parli delle molteplici direzioni che potrebbero aprire uno spiraglio per il futuro e per la vita. Somigliano tutti a macchinisti che, sapendo di essere su un treno lanciato in velocità su binari senza prosecuzione, si scarmiglino e si aggroviglino, disputandosi gli arredi e le 'ricchezze' contenute nei vagoni occupati dai passeggeri, immemori della direzione del treno su cui viaggiano, della responsabilità nei confronti delle vite umane loro affidate e del fatto che il treno precipiterà e si frantumerà nel burrone dopo alcuni chilometri, trucidandoli tutti. Pensando ai miei nipotini non ancora nati, mi sento stringere il cuore, anche perché non vedo schiarite-speranza. Siamo ridotti a dover sperare che gli Alieni esistano e che vogliano intervenire per far cessare almeno i delitti contro la natura, perché i popoli sono inermi da sempre, simbiondi del mexica Motecuzoma (Montezuma nella pronuncia spagnola errata): colui che potrebbe annientare i quattro straccioni arrivati dal mare e che si toglie le scarpe e gli va incontro a piedi nudi... La speranza è un bene prezioso. Non voglio che i nostri figli la perdano..., ma non so fare altro che rivolgere il pensiero a Dio e, onestamente, non so bene neanche che cosa chiedergli, perché dovrei chiedergli troppe cose. I miracoli da ottenere sarebbero davvero tanti, uno per ogni mente di coloro che comandano. Dio dovrebbe impadronirsi delle menti di tutti i politici della terra e dirigerle verso le decisioni risananti... I sogni sono possibili, comunque... Non ci restano che quelli e... le preghiere... In fondo, Dio è il solo che tutto può (chissà, magari farà scendere lo Spirito Santo sul popolo e lo farà sollevare contro le demagogie fuorviate/fuorvianti prima che l'intero gregge finisca nel burrone a capo chino...).

 

A Napoli, la gente ha cominciato a ribellarsi..., il resto del popolo non comprende... (cui prodest?). Il problema “sarà affrontato” e la gente se ne dimenticherà, istupidita e ipnotizzata dai vari placebo-Grandi Fratello (per le mandrie produttrici di eco-balle- perché “eco” poi, se tutto sono fuorché ecologiche). “Sarà affrontato” (?!?): ciò che conta è che la gente non veda più l'immondizia sulle strade, altro non le interessa. ‘Risolto’ il problema non sarà, per molto, molto tempo (perché l’immondizia è stata/è anche fabbrica d’oro, per chi in lingotti ha saputo/ sa trasformarla - specialmente se ha tanto pelo sullo stomaco, da attutirvi l’impatto con la realtà dell’immondizia-fabbrica di diossina e di morte). Il tanto blaterare ha ventilato la necessità dei termovalorizzatori e della raccolta differenziata e ha ‘poeticamente’ quantificato il potenziale letale della diossina da falò selvaggio e di quella da ciminiera di termovalorizzatori. La scelta fornita alla vita umana è quella tra il male maggiore e il male minore. Né più, né meno. Bruciando l’immondizia con il fai da te, si muore di tumore in tanti e più in fretta, perché si produce la diossina e la si sparge attorno subito e in abbondanza. Bruciando l’immondizia con termovalorizzatori, si muore di tumori più lentamente, perché si produce meno diossina e la si deposita/accumula attorno nel tempo. È terribile ciò che la capacità di imbonitore dell’essere umano riesce a far accettare alla mente dei suoi simili…! Siamo davvero a un passo dall’estinzione, se possiamo accettare che si parli della vita umana in termini di statistiche e di numeri più o meno appariscenti o spaventosi.

Il problema non è quanta diossina/quanti tumori/quante vite umane… Il problema è: crea diossina? Provoca tumori? Uccide vite umane? Perché anche una sola vita umana è un prezzo troppo alto da pagare!!!

 

La conclusione, allora, è: l’immondizia in sé non ha mai ucciso nessuno; ciò che la rende letale è la plastica che vi è mescolata. La raccolta differenziata risolve il problema? No!!! Perché ricicla soltanto la plastica di un certo tipo, ma lascia nell’immondizia i sacchetti, le vaschette e gl’imballaggi (a perdere) vari. Ben venga la raccolta differenziata: è necessaria, per riciclare il molto che è riciclabile, ma non basta e risolve meno della metà del problema. I vari parlatori-imbonitori, dunque, devono dire che è tempo di pensare a sopravvivere e che ciò non è possibile senza smettere di gettare nella spazzatura tonnellate e tonnellate giornaliere di imballaggi tossici. Occorre smettere di fabbricarli e di distribuirli con le varie merci, senza dare al cittadino molte chance di scelta. Chiudere le fabbriche relative sarebbe disastroso, per l’economia… Occorre, allora, diversificare la produzione delle varie industrie produttrici degli imballaggi tossici.

Capisco che il 'pil' famoso sia lavoro, benessere e cibo per tutti, ma capisco anche che ai morti di tumore non serva né pil né cibo. È tempo di trovare un’alternativa alla fabbricazione di imballaggi dannosi. I sacchetti di plastica stanno deturpando il mondo (e vi assicuro che persino l’Africa ne è ammorbata). È tempo di smettere di fabbricarli, toglierli dalla circolazione e sostituirli con sacchetti di stoffa o almeno di mater. Dobbiamo cominciare a tornare sui nostri passi, se vogliamo sopravvivere. Ci siamo spinti fin troppo in là…

 

Bruna Spagnuolo


Articoli correlati

  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (3)
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (2)
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 1. Ganzu
  Bruna Spagnuolo: Cina, Olimpiadi e sangue... il Tibet piange e il mondo che fa?
  Bruna Spagnuolo: Dietro lo schermo della televisione
  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (2)
  Bruna Spagnuolo: Uno sguardo ai Balcani/ Kosovo... (2)
  Bruna Spagnuolo: L’Afghanistan, i nostri caduti (e le inevitabili ‘cogitazioni‘)
  Bruna Spagnuolo: Si vis pacem para bellum -Post Scriptum
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Seconda parte
  Bruna Spagnuolo: “Il Protocollo di Kyoto” nel dettaglio
  Bruna Spagnuolo: Barack Obama ovvero politico come esempio, politico come personaggio
  Bruna Spagnuolo: Pistorius non correrà alle Olimpiadi
  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (1)
  Bruna Spagnuolo. La guerra dell’ambiente
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Prima parte
  Bruna Spagnuolo: La valenza incredibile del nome ‘TELLUS’
  Bruna Spagnuolo: Birmania. Figli di nessuno del 3° millennio.
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 2
  Bruna Spagnuolo: Sguardo ai Balcani e al fiume Ibar in Kosovo (1)
  Bruna Spagnuolo: Il frastuono della guerra giustizia gli echi del Vangelo.
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 3
  Bruna Spagnuolo: ‘Si vis pacem, para bellum’. Auguri agl’Italiani 2
  Bruna Spagnuolo. Il segreto dei grandi
  Bruna Spagnuolo: Sul rapporto parola-immagine in Tellusfolio
  Bruna Spagnuolo: Terremoto in Cina. Gocce piccole per speranze grandi.
  Bruna Spagnuolo: Fiaccola olimpica in manette. Il Tibet piange 2
  Carlo Forin. La valenza archeologica del nome TEL LUS
  Bruna Spagnuolo: Banchettano gli sciacalli sulle spoglie dei vinti (1)
  Bruna Spagnuolo: 25 XI giornata contro la violenza sulle donne
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Terza parte
  Bruna Spagnuolo: La fine del mondo ad Haiti e nelle isole caraibiche
  Bruna Spagnuolo: Samoa/ Indonesia/ Filippine/ Messina
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (1)
  Bruna Spagnuolo: Selezione della specie. Sull'aborto.
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 2. Tongyuang, Xining e i templi
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 1
  Bruna Spagnuolo: “Mamma e papà” come fantasmi da cancellare
  Bruna Spagnuolo: Il primo passo verso il crimine storico è la negazione della storia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy