Lunedì , 30 Marzo 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bruna Spagnuolo. La guerra dell’ambiente
15 Luglio 2008
 

L’uomo ha cercato di migliorare le sue condizioni di vita, sin dalla sua comparsa sulla terra. Ciò rientra nella giusta vivacità della sua mente, fatta per raccogliere sfide e per uscirne vittoriosa, ed è una caratteristica di cui il genere umano dovrebbe andare orgoglioso. Per molto, molto, molto tempo, infatti, ne è andato orgoglioso, ma può essere ancora così…?

Raccogliere le sfide della natura significa prepararsi a sostenerne la prorompente forza d’impatto (per sopravvivere e convivere con esse). L’uomo dei giorni nostri, ormai, non si limita più a fare questo. Si è spinto ben oltre il rapporto consentito tra la natura e le sue creature e ben oltre la linea di demarcazione tra il cogito ergo sum e l’esatto contrario di esso. L’uomo dei nostri tempi ha dimenticato il senso e persino l’esistenza di parole come ‘etica’, ‘prudenza’, ‘sopravvivenza’, ‘pensare’, ‘scegliere’; si è costruito un ego a misura di universo, vi si è collocato al centro e si è avventurato oltre frontiere che non avrebbe mai dovuto varcare. Ha partorito mostruosità di cui invano misconosce la paternità (e che lo inseguono, chiamandolo ‘padre’). Ha reso possibili cose terribili, di cui la guerra dell’ambiente è un esempio dalla portata imprevedibile e immensa.

Ogni singolo ingegno dedito allo studio, alla ricerca e alla scoperta non avrebbe mai immaginato l’impiego riprovevole del frutto dei suoi sacrifici (se lo avesse fatto, forse, avrebbe distrutto ogni traccia delle sue scoperte). L’uomo, oggi, grazie agli scienziati (che credevano di fare doni incommensurabili all’umanità) è in grado di scatenare tsunami, terremoti e trombe d’aria di proposito; con l’uso di trivellazioni e di bombardamenti mini-nuke o di vario tipo, è in grado di agire sullo strato di ozono, sulla terra e sul mare; è in grado di rivoltare le forze della natura contro intere popolazioni inermi e innocenti e di provocare catastrofi infinite e vere e proprie apocalissi.

Mai la storia dell’umanità ha conosciuto mostri e mostruosità di simile entità…

 

La guerra tra popoli è sempre esistita, ma il potere devastante di cui l’uomo contemporaneo si può servire (subdolamente e diabolicamente) sconfigge qualsiasi potenziale descrittivo degl’idiomi terrestri. Coloro che hanno osato arrivare a simili estremi hanno ucciso l’urlo del guerriero/ la tensione scultorea dei muscoli degli audaci tesi nello spasimo della lotta per la vita/ i Gengis Khan della steppa/ gli Achille e gli Ettore del mito/ la carica epica delle cavallerie di tutti i tempi/ l’eroismo dei cuori votati alla morte per spirito di corpo, per una patria-una famiglia-una bandiera/ le strategie che prevedevano un campo di battaglia, impassibile-immemore-immutato-immutabile testimone delle stragi reiterate degli avvicendamenti-formicai umani.

Hanno ucciso anche Superman e gli attacchi in picchiata dell’aquila rostro adunco; hanno spazzato via tutto, insieme alla stessa guerra e ai piccoli uomini che la combattevano. Ciò che hanno lasciato è talmente macroscopico che non può entrare nei piccoli cervelli umani (spesso, purtroppo, abbastanza idrocefali).

Vedere gli esseri umani morire come mosche in tragedie apocalittiche è terrificante, ma doversi anche chiedere se tali tragedie siano volute e/o causate da altri esseri umani è al di là di qualsiasi possibile sopportazione. Sedotta, tradita e vilipesa, la scienza s’interroga sugli alfabeti-saggezza necessari a far rinsavire il bipede umano ormai impazzito. Chi ha ancora un’anima si domanda se esista ancora l’uomo, i. e. se l’essere vivente capace di ‘tanto’ possa ancora chiamarsi ‘uomo’. Sarebbe, forse, il caso di decretare l’inizio di una nuova era ‘abitata’ da una nuova specie dal genoma bacato. Tale specie potrebbe essere chiamata ‘genobaca’. Coloro che non si riconoscono nella specie dei Genobaca e che ritengono di potersi ancora chiamare ‘uomini’ molto avranno da patire e da lottare, se vorranno invertire il count down innescato dai Genobaca. La terra è stata teatro di lotta per la sopravvivenza da sempre ed è arrivata al punto in cui due soltanto saranno gli schieramenti contrapposti, sulla sua superficie sferica: quello dei suoi nemici e quello dei suoi amici. I Genobaca sono nemici della terra e di ogni forma di vita su di essa, gli ‘uomini’ sono gli amici su cui la terra e tutte le forme di vita possono contare. Non resta che chiamare tutti gli ‘uomini’, ovunque sparsi, a prestare servizio attivo, in qualsiasi postazione, e a non cedere terreno agli oppositori, perché la posta in gioco va oltre la piccola monade individuale e anche oltre la monade collettiva estesa al vicinato, alla città, alla regione, alla nazione, alle altre nazioni, al pianeta…

 

Bruna Spagnuolo


Articoli correlati

  Bruna Spagnuolo: Si vis pacem para bellum -Post Scriptum
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 1. Ganzu
  Bruna Spagnuolo. Il segreto dei grandi
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Seconda parte
  Bruna Spagnuolo: Samoa/ Indonesia/ Filippine/ Messina
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (3)
  Bruna Spagnuolo: L’Afghanistan, i nostri caduti (e le inevitabili ‘cogitazioni‘)
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (2)
  Bruna Spagnuolo: Il primo passo verso il crimine storico è la negazione della storia
  Bruna Spagnuolo: Cina, Olimpiadi e sangue... il Tibet piange e il mondo che fa?
  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (2)
  Bruna Spagnuolo: Uno sguardo ai Balcani/ Kosovo... (2)
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Terza parte
  Bruna Spagnuolo: “Il Protocollo di Kyoto” nel dettaglio
  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (1)
  Bruna Spagnuolo: Barack Obama ovvero politico come esempio, politico come personaggio
  Bruna Spagnuolo: Pistorius non correrà alle Olimpiadi
  Bruna Spagnuolo: Il mondo? un treno su binari senza prosecuzione
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 1
  Bruna Spagnuolo: Sul rapporto parola-immagine in Tellusfolio
  Bruna Spagnuolo: Birmania. Figli di nessuno del 3° millennio.
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 2
  Bruna Spagnuolo: Dietro lo schermo della televisione
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 3
  Bruna Spagnuolo: Il frastuono della guerra giustizia gli echi del Vangelo.
  Bruna Spagnuolo: ‘Si vis pacem, para bellum’. Auguri agl’Italiani 2
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (1)
  Bruna Spagnuolo: Terremoto in Cina. Gocce piccole per speranze grandi.
  Bruna Spagnuolo: Fiaccola olimpica in manette. Il Tibet piange 2
  Carlo Forin. La valenza archeologica del nome TEL LUS
  Bruna Spagnuolo: La valenza incredibile del nome ‘TELLUS’
  Bruna Spagnuolo: Banchettano gli sciacalli sulle spoglie dei vinti (1)
  Bruna Spagnuolo: La fine del mondo ad Haiti e nelle isole caraibiche
  Bruna Spagnuolo: Sguardo ai Balcani e al fiume Ibar in Kosovo (1)
  Bruna Spagnuolo: Selezione della specie. Sull'aborto.
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Prima parte
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 2. Tongyuang, Xining e i templi
  Bruna Spagnuolo: 25 XI giornata contro la violenza sulle donne
  Bruna Spagnuolo: “Mamma e papà” come fantasmi da cancellare
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy