Sabato , 11 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bruna Spagnuolo: Si vis pacem para bellum -Post Scriptum
24 Maggio 2008
 

Ho auspicato, nell’articolo precedente, la nascita (o la ‘rinascita’) di politici ‘illuminati’. Speriamo che tali siano, soprattutto, quelli che ‘decidono’ della vita e della morte dei cittadini. La polemica infuria, in Italia, sui bruciatori (denominati impropriamente ‘termovalorizzatori’) e lo sconcerto che invade la gente non accenna a diminuire… Perché, for God’s sake, perché i politici sono così determinati a proseguire nella direzione sbagliata? Quali misteri nascosti impediscono ‘la schiusa’ di un minimo di lungimiranza…? L’immondizia c’è, è tanta, va gestita bene e in fretta, per non trasformare le città in tante Napoli invase dalla lordura, Ok! Occorrono questi famosi bruciatori, Ok! Si facciano, ma… se esistono già quelli ‘sicuri’ (come in San Francisco e altrove), perché intestardirsi a non prenderne atto? Perché non installare ‘quelli’? Perché installare ‘a tutti i costi’ quelli che trattengono (alla luce degli ultimi improvement)  il 66%  dei veleni cancerogeni? Non capisco, non capisco proprio: se la tipologia sicura della soluzione del problema offre ‘zero emissioni’ e prezzi più contenuti di installazione (e, in più, offre anche un numero maggiore di posti di lavoro), perché non la si prende in considerazione? A chi torna scomoda tale direzione? Quali segreti interessi-tornaconto si nascondono dietro lo smaltimento dei rifiuti per ‘combustione’? Ci sono barlumi di speranza, però, devo dire (ma speriamo che essi possano allargarsi alle scelte sul nucleare e che non debbano richiedere dei ‘Savonarola’). Ho sentito Di Pietro dire che, poiché l’emissione non è zero, accetta a malincuore i ‘termovalorizzatori’ come il male minore (rispetto all’invasione dell’immondizia) e come soluzione temporanea, in attesa di una ottimizzazione della raccolta differenziata e di una diminuzione degl’imballaggi dannosi. È un buon inizio, non c’è che dire: se sono in molti a pensarla come lui, siamo già a buon punto. La saggezza parziale contenuta nelle sue parole sarebbe completa se egli propendesse per le installazioni come quelle di San Francisco.

  

Non capisco, invece, quale molla spinga altri politici a bendarsi del tutto gli occhi, a sprecare tempo ed energie preziose in futili scontri verbali e in reciproci attacchi vacui. Non capisco il perché della loro resistenza all’evidenza e la loro tenacia nel voler essere contro la vita (poco importa che lo siano del 40%  o del 66%- se anche lo fossero dell’1% sarebbero comunque colpevoli, dal momento che ‘possono’ scegliere di portare il rischio a ‘zero’ e non lo fanno ‘con piena avvertenza e deliberato consenso’ e dal momento che la vita umana non si mercanteggia e che anche una sola vita sacrificata è un prezzo troppo alto da pagare). Prego i lettori di non attribuirmi apologie di nessuna natura: è tempo che cittadini e ‘governanti’ capiscano che il colore politico e i conflitti d’interesse di vario peso-spessore-provenienza-consistenza che ne derivano sono zavorra letale sulle mani di chi si avvicenda ‘al timone’ di una nave assediata da rapide impazzite (e sono zavorra sui cuori degl’indifesi che affollano la nave). La cittadinanza si sganci dalla sua funzione di elettorato passivo e impotente; non si faccia distrarre dai politici che restano abbarbicati alle vecchie vie ‘lavandaie’ (con tutto il rispetto per la categoria che ha generato il detto) tese a screditare ‘il nemico’ (sempre e comunque) anche quando egli potrebbe rappresentare eventualmente la voce della Divina Provvidenza. Il ‘popolino’ (che non ha mai visto il timone e che non saprebbe come gestirlo) non ha bisogno di saper governare; deve soltanto difendere il suo diritto primario (alla vita), far sentire la sua voce e pretendere che i ‘ timonieri’ (che ha assoldato) l’ascoltino. Siamo esseri umani moderni abituati alle comodità e ce le vogliamo tenere (nessuno tornerebbe ai caminetti e alle candele o alle spelonche), ma, se esistono vie da percorrere, per ‘bonificare’ le comodità, dobbiamo pretendere che si percorrano. La ‘vecchia’ politica impera ancora allo stesso modo, parla lo stesso linguaggio, scala le stesse gradinate tortuose del potere, guarda in faccia gli stessi compromessi-interessi (pocket o pil), in casa nostra come oltreoceano (basta dare un’occhiata ai Media, per rendersene conto). Ciò è devastantemente scoraggiante, in questo terzo millennio che ha bisogno di sfide disinteressate e di difese della vita in senso lato. Il cittadino si chiede: che fare?!? 

    

Pregare, oserei dire,  perché Dio ‘illumini’ i politici, ma, ove e quando occorra, gridare abbastanza perché essi non ‘girino un orecchio sordo’. Occorre che le popolazioni dimentichino di essere ‘elettorato’ / non si lascino ipnotizzare da nessuna ‘fazione’/e non perdano di vista il bene comune. Occorre, in altri termini, che le genti lascino da parte ‘colori’ e ideologie, si facciano ‘trasparenti’ e riflettano i disagi della natura e le minacce alla sopravvivenza.  

Altieri mi permetta di parafrasare il suo ‘il tempo degli eserciti è finito’: il tempo dei rivali in politica è finito. È tempo che i vari popoli comincino a sentirsi ‘terrestri’, tutti uguali, tutti figli dello stesso Dio (maggiore o ‘minore’ che sia), tutti esposti agli stessi pericoli e… all’estinzione (è tempo che il genere umano si svegli presto e bene, la smetta di fare come l’ubriaco che gira attorno all’albero e che non sa come invertire la direzione per trovare la via di casa e del vasto mondo attorno).

   

Bruna Spagnuolo

 

 

 

 


Articoli correlati

  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (3)
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (2)
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 1. Ganzu
  Bruna Spagnuolo: Cina, Olimpiadi e sangue... il Tibet piange e il mondo che fa?
  Bruna Spagnuolo: Dietro lo schermo della televisione
  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (2)
  Bruna Spagnuolo: Uno sguardo ai Balcani/ Kosovo... (2)
  Bruna Spagnuolo: L’Afghanistan, i nostri caduti (e le inevitabili ‘cogitazioni‘)
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Seconda parte
  Bruna Spagnuolo: “Il Protocollo di Kyoto” nel dettaglio
  Bruna Spagnuolo: Barack Obama ovvero politico come esempio, politico come personaggio
  Bruna Spagnuolo: Pistorius non correrà alle Olimpiadi
  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (1)
  Bruna Spagnuolo. La guerra dell’ambiente
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Prima parte
  Bruna Spagnuolo: La valenza incredibile del nome ‘TELLUS’
  Bruna Spagnuolo: Birmania. Figli di nessuno del 3° millennio.
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 2
  Bruna Spagnuolo: Sguardo ai Balcani e al fiume Ibar in Kosovo (1)
  Bruna Spagnuolo: Il frastuono della guerra giustizia gli echi del Vangelo.
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 3
  Bruna Spagnuolo: ‘Si vis pacem, para bellum’. Auguri agl’Italiani 2
  Bruna Spagnuolo. Il segreto dei grandi
  Bruna Spagnuolo: Sul rapporto parola-immagine in Tellusfolio
  Bruna Spagnuolo: Il mondo? un treno su binari senza prosecuzione
  Bruna Spagnuolo: Terremoto in Cina. Gocce piccole per speranze grandi.
  Bruna Spagnuolo: Fiaccola olimpica in manette. Il Tibet piange 2
  Carlo Forin. La valenza archeologica del nome TEL LUS
  Bruna Spagnuolo: Banchettano gli sciacalli sulle spoglie dei vinti (1)
  Bruna Spagnuolo: 25 XI giornata contro la violenza sulle donne
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Terza parte
  Bruna Spagnuolo: La fine del mondo ad Haiti e nelle isole caraibiche
  Bruna Spagnuolo: Samoa/ Indonesia/ Filippine/ Messina
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (1)
  Bruna Spagnuolo: Selezione della specie. Sull'aborto.
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 2. Tongyuang, Xining e i templi
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 1
  Bruna Spagnuolo: “Mamma e papà” come fantasmi da cancellare
  Bruna Spagnuolo: Il primo passo verso il crimine storico è la negazione della storia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy