Domenica , 22 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Quando la vita è una “domandina”
24 Febbraio 2006
 

Daniela de Robert

Sembrano proprio come noi

Frammenti di vita prigioniera

Bollati Boringhieri, 2006, pagg. 160, € 15,00



Volete ben spendere quindici euro? Andate in libreria, e chiedete Sembrano proprio come noi, un libro pubblicato da Bollati Boringhieri di Daniela de Robert. Daniela è una giornalista, e il suo è un reportage intelligente e partecipe della realtà carceraria italiana. Libro prezioso, che racconta quello che possiamo immaginare: l’inferno dantesco che sono le carceri italiane, il loro sovraffollamento da cui ogni anno una cinquantina di detenuti “evadono” togliendosi la vita; con il caldo torrido che opprime le celle d’estate, e le finestre non si possono aprire perché i letti a castello lo impediscono; la burocrazia e le regole assurde che tutti sono tenuti a rispettare e nessuno sa dire il perché; il personale che manca, e soprattutto gli educatori e gli psicologi che tanto potrebbero fare per impostare reali percorsi di recupero. Sa bene di cosa scrive, oltre che scriverne bene, Daniela: perché quando smette i panni della giornalista, indossa quelli della volontaria, dentro il carcere; e lo fa da vent’anni. È un’“ingenua”, una di quelle persone che ci credono che ognuno di noi deve fare la sua parte, per cambiare le cose, e dalle cose cerca di non farsi cambiare.

E così nasce Sembrano proprio come noi. Già: Daniela ci dà (o ci conferma) questa letterale “inaudita” notizia: in carcere ci sono uomini e donne, persone: che hanno commesso errori, a volte anche gravi e irreparabili. E che come noi però non vengono trattati. Alla carcerazione – spesso ingiusta, preventiva, che si rivela non meritata – c’è un supplemento di sofferenza, di degradazione, di disperazione cui lo Stato (noi) dovrebbe porre rimedio e sanare. Ma abbiamo il ministro che abbiamo, i governanti che abbiamo, le logiche sono quelle della vendetta e dell’indifferenza nel migliore dei casi.

Ci racconta delle piccole cose, che però bisogna vivere in corpore vili, per rendersi conto di quanto sono importanti e centrali. Si prenda, per fare un esempio, la “domandina”. In realtà il suo nome vero, in carcerburocratese è «Modulario G.G.-A.P.-120 mod. 393 Amm.Penit.»; e già questo fa intuire tanto. Ci sono da qualche parte altri, precedenti 392 moduli dell’Amm.Penit.? E seguiti da quanti altri? Fatto è che in carcere tutti la chiamano “domandina”. Vai a capire l’origine del diminutivo. E poi: se uno chiede di poter incontrare il cappellano del carcere o uno psicologo, di avere un colloquio con il magistrato o di poter ottenere il certificato che attesti il suo essere tossicodipendente, di poter comprare (comprare!) un francobollo, o di far uscire un orsacchiotto di peluche per il figlio che compie gli anni, perché “domandina”? Non fa parte dei diritti di cui è titolare anche, perfino, Totò Riina o il “mostro” di qualsivoglia strage?

Certo, una logica c’è: “domandina” significa certificare subito, anche nelle piccole insignificanti cose, che nulla è scontato, nulla è dovuto, tutto è elargito, tutto è sottoposto a vaglio di giudizio altrui e che dunque di questo il detenuto ne tenga il debito e rispettoso conto.

La “domandina” diventa insomma la metafora della condizione carceraria, e tutto dipende da quel modulo e da chi quel modulo riceve. La “domandina” viene compilata e consegnata, e questo punto tutto diventa scommessa. Controllarne l’iter burocratico non è facile, non è semplice. Si può bloccare per un tempo infinito, a causa di una formalità burocratica; può essere respinta, può perdersi. E mentre qualcuno o qualcosa ferma o manda avanti la “domandina” l’anziana madre malata che si voleva andare a vedere l’ultima volta, nel frattempo muore; oppure il figlio fa gli anni e il regalo pensato non viene recapitato.

Sembrano proprio come noi è un libro che sarebbe auspicabile fosse letto dal signor ministro della Giustizia e da quanti si dicono convinti che il carcere più che luogo di pena e di pene sia un albergo, un luogo di vacanza. E certo la realtà carceraria è complessa e per fortuna variegata, non è solo una cajenna come a Poggioreale o all’Ucciardone. Ma è pur vero che ci sono carceri dove i volontari non hanno il permesso di entrare o dove c’è un solo assistente per tutto l’istituto. Luoghi che non offrono alternative al continuare a delinquere; e, per paradossale che possa sembrare, luoghi che per molti diventano “sicuri”. Daniela racconta per esempio il panico che afferra alcuni detenuti al primo permesso premio; di altri detenuti che chiedono di rientrare; e riflette su quanti suicidi in carcere avvengano alla vigilia della fine pena. Perché c’è la dura, intollerabile realtà del carcere, cui si accompagna la non meno dura e intollerabile realtà del post-carcere, quando senza alternative ci si ritrova con il marchio del detenuto e non si sa come uscire da questa perversa spirale. Certo, ci sono detenuti letteralmente infami, e ci sono poveri diavoli chissà come e perché precipitati in quell’inferno. Ogni detenuto ha una sua storia, una sua tragedia, un suo percorso. Tutti sono stati sfregiati dalla vita, ma molti ci hanno messo del loro per esserlo. Il libro di Daniela racconta tanto e racconta bene. Alla fine, vuoi vedere che là dentro più che sembrare, sono davvero proprio come noi?


Gualtiero Vecellio

(da Notizie radicali, 24 febbraio 2006)


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Ancora un tentato suicidio in carcere. Il flop del vaccino virus A/H1N1
  Caso Cucchi. Ci voleva il morto per modificare una disposizione disumana
  Tredicesimo giorno di sciopero della fame di Marco Pannella
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  Vetrina/ 2. Letti
  Carcere Sollicciano. Grande senso di responsabilità della comunità penitenziaria. Lo scandalo della carenza di organico
  Valter Vecellio. La terrificante situazione carceraria
  Rita Bernardini. Signor presidente del Consiglio, si faccia un giro nelle carceri italiane…
  Michele Minorita. Carceri: il nulla del ministro Alfano, la demagogia di Lega e Italia dei Valori
  Vetrina/ 4. Supplizio
  Carceri. Regione Toscana istituisca urgentemente garante detenuti
  Pannella si rivolge a Prodi per una grande marcia di Natale per l'amnistia, la giustizia e la libertà
  Carcere e transessuali. La struttura di Empoli, già pronta, non parte? Interrogazione
  Carceri. Che fine ha fatto il ddl Alfano?
  Staderini e Perduca. Carcere Grosseto struttura vecchia da dismettere
  Radio Carcere. Il voto inutile
  Vetrina/ 3. È qui
  Vincenzo Donvito. Tossicodipendenza e carcere: L'Italia è un Paese in cui il binomio vuol dire morte...
  La giustizia nel paese di Alice
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Ferragosto in carcere. Domani 15 agosto a Volterra con Donatella Poretti
  Carceri. Tre morti per pestaggi in un mese
  "Ferragosto in carcere"
  Carceri assassine: è avvenuto oggi il primo suicidio del 2014
  Una storia di “giustizia” ordinaria, Giuseppe Misso
  Carcere e carenza di soldi. Interrogazione
  Rita Bernardini. Ecco perché proseguo il satyagraha
  Roberto Fantini. Ancora suicidi nelle carceri italiane
  Alessandro Gallucci. Carceri di Puglia: si continua a morire. Urgente la nomina del garante dei detenuti
  Claudia Osmetti. Abuso cautelare
  In una scuola di criminalità il sovraffollamento è sempre l'emergenza
  Guido Biancardi. La Gomorra carceraria
  Carceri/Prato: suicidio marocchino. Si faccia luce subito
  “Detenuto Ignoto”: Basta strage continua! 2010 sia anno di riforme agognate
  Renato Pierri. Dignità della persona
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Anche Sondrio fra le visite del secondo ferragosto in carcere
  Valter Vecellio. Fatti e cifre di un’emergenza colpevolmente ignorata
  Carceri. Appello ad autorità locali perché visitino Sollicciano
  Visita carcere Sollicciano di Firenze. Tortura di Stato!
  Carceri. Radicali su detenuto iracheno morto per sciopero della fame a L'Aquila
  Carcere di San Sebastiano. Ci mancava solo la mancanza d'acqua!
  Carceri. Ferragosto e la necessità di assumersi le responsabilità di un sistema illegale
  Benedetto Della Vedova. Carceri: quando il controcanto è leghista...
  La lettera del Comitato Marcia di Natale
  Carceri. Tentativi di suicidio e atti di autolesionismo a Sanremo. Interrogazione
  Milano. Radicali e MiLeft organizzano una fiaccolata nonviolenta
  Amnistia/Carceri. Raccolte le firme per la convocazione straordinaria della Camera dei deputati - Il sindaco di Roma Walter Veltroni aderisce alla Marcia di Natale
  Carceri. Il decreto-legge della ministra Cancellieri è in vigore da oggi
  Il "Palazzo" affossa amnistia e indulto
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Marco Pannella e Rita Bernardini trascorreranno la notte di Capodanno nel carcere di Padova
  Ottenuta la pubblicazione dei dati sulle carceri
  Detenuto autolesionista dato per espatriato da Firenze in Marocco... è in carcere ad Arezzo
  Sollicciano: Senatori Radicali si appellano a Rossi, Renzi e Gheri perché vengano garantiti corsi scolastici
  Claudia Osmetti. Mettere mano al portafoglio per non farlo alla coscienza
  Carcere Arezzo. Nuova visita ispettiva dopo la rivolta e alcuni risultati si ottengono
  Rita Bernardini. Car­ce­ri, risolto il pro­ble­ma con la 117?
  Carcere di Volterra. Un istituto che nonostante sia in Italia rispetta la legge e la Costituzione
  Vetrina/ 1. Centinaia
  “AMNISTIA PER NATALE”
  Ferragosto in carcere. Con Donatella Poretti, la delegazione radicale in visita alla casa circondariale di Arezzo
  Detenuto malato si uccide a San Vittore. Perché stava in quella cella?
  Carcere di Arezzo. Dopo l'ispezione del 14 agosto e la rivolta del 15, nuova ispezione il 18 agosto
  AMNISTIA. Dalla mezzanotte di oggi una giornata di digiuno a favore di un atto di clemenza
  Solliciano: “Ci appelliamo a Comune e Regione perché certi di attenzione”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy