Martedì , 22 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“AMNISTIA PER NATALE”  
Il testo dell'Appello e i primi firmatari
Beppe Grillo
Beppe Grillo 
12 Dicembre 2005
 

Questa sera
MARCO PANNELLA a
“Otto e mezzo” su La7


Appello


Amnistia per Natale 2005


Il tema dell’amnistia è certo tra i più scomodi e difficili; non è un caso che in Italia l’ultimo provvedimento di questo genere risalga a 15 anni fa. Sono passati 5 anni dall’anno del Giubileo, quando un ampio “Cartello sociale” promosse la campagna per l’amnistia, l’indulto e un “piano Marshall” per le carceri e per il reinserimento sociale, vera e unica premessa per contrastare la recidiva e garantire maggior sicurezza ai cittadini.

Sono passati 3 anni da quando il Parlamento tutto applaudì ripetutamente e calorosamente Giovanni Paolo II mentre invocava una riduzione delle pene.

Ora, a partire dalle sollecitazioni di Marco Pannella, si torna a parlarne e noi sosteniamo l’iniziativa "AMNISTIA PER NATALE 2005" da lui proposta, volta a ottenere con la massima urgenza un provvedimento di amnistia-indulto, un atto di buon governo ormai necessario e, dati alla mano, assolutamente improcrastinabile.

In assenza di risposte, in questi anni, il problema da grave si è fatto gravissimo, tanto che a denunciare l’insopportabilità della situazione, e spesso a chiedere l’amnistia e l’indulto, sono ormai non solo i detenuti e le associazioni ma tutti gli operatori, la polizia penitenziaria, i medici e gli infermieri, gli educatori e gli assistenti sociali, i direttori, gli avvocati, i magistrati.

Sollevare il problema dell’amnistia comporta silenzi imbarazzati o considerazioni di inopportunità da parte di quasi tutte le forze politiche e comprensibili obiezioni da parte dei tecnici e della stessa opinione pubblica. Amnistiare alcuni reati e condonare una parte delle pene già comminate attraverso l’indulto, infatti, è sempre una forma di rinuncia, di lesione del diritto dei cittadini e delle vittime dei reati a vedere riconosciute e risarcite le proprie ragioni.


I NUMERI CHE MOTIVANO L’AMNISTIA

Ma non tutto ciò che è giusto in astratto lo risulta anche in concreto. Ci pare debba essere conosciuto e riconosciuto un dato di fatto: l’attuale sistema delle pene e dei luoghi preposti alla loro esecuzione non risarcisce nessuno ma costituisce invece una gigantesca farsa, una drammatica messa in scena, una simbolica e ridondante punizione che serve a nascondere il vuoto della giustizia.

Come definire diversamente il fatto che – per limitarsi solo agli ultimi 5 anni, dal 2000 al 2004 – ben 865.073 persone hanno beneficiato della prescrizione dei reati per i quali erano state inquisite?

A fronte, vanno invece valutate le cifre della detenzione: 60.000 persone sono in carcere (un record nella storia della Repubblica), altre 50.000 sono in misura alternativa alla detenzione, ulteriori 70-80.000, già condannate a pene inferiori ai 3 anni (4 nei casi di tossicodipendenza), sono in attesa delle decisioni del giudice circa la possibilità di scontare la condanna in misura alternativa: totale 180-190.000 persone, che significa una crescita esponenziale di 6 volte nel breve volgere di 15 anni. Crescono le carcerazioni ma crescono ancora di più le prescrizioni: da 66.556 nel 1996 a 94.181 nel 2000 a 221.880 nel 2004.

Non è dunque vero che aumentando le carcerazioni si riducono i reati: è vero esattamente il contrario.

Questi opposti numeri, queste linee che crescono all’infinito e in parallelo senza mai incrociarsi, indicano le due facce incomunicanti dell’amministrazione della giustizia: da una parte, l’amnistia strisciante, crescente e nascosta delle prescrizioni e quella di classe ora introdotta dalla approvazione definitiva della legge “Cirielli”; dall’altra parte, il popolo e le cifre dell’esclusione sociale, dei senza avvocati e senza difesa, degli immigrati e dei tossicodipendenti, iperpenalizzati e verso i quali si scarica per intero e inesorabilmente la mano pesante della macchina della giustizia.

Una macchina cieca e ingolfata, stante la mole dei processi pendenti: 8.942.932, di cui 5.580.000 penali. Tra la data del delitto e quella della sentenza la durata media è di 35 mesi per il primo grado del processo e di 65 mesi per il grado di appello.

Ma se molti sono i reati che vengono prescritti (1.066.069 dal 2000 al 2004), assai di più sono quelli neppure perseguiti: nel 2003 le persone denunciate sono state 536.287 e i delitti denunciati per i quali è iniziata l’azione penale sono stati 2.890.629 (erano 2.842.224 nell’anno precedente), ma nell’80,8% (2.334.883) l’autore del reato era ignoto.


CENTRALITÀ DELLA LEGALITÀ

Coloro che finiscono in carcere sono insomma una piccolissima parte degli autori di reato. Il problema della sicurezza e della legalità è questione che riguarda la società libera, ben più che il carcere, ed è lì che va affrontata. Evidenziando altresì quanto le vittime del reato abbiano interessi non dissimili da quelli delle vittime di un sistema della giustizia forte coi deboli e debole con i forti: una giustizia che sia efficace ed efficiente e soprattutto equa è necessità comune, e comunemente dovremmo essere capaci di porla.

Va poi considerato quanto il carcere stesso sia illegale, luogo e sistema dove le leggi spesso sono non applicate, come ad esempio lo stesso Regolamento penitenziario, varato nel 2000 e rimasto in buona parte lettera morta.

O come, viceversa, siano leggi sbagliate e inique a indurre criminalità: basti osservare come sia risibile il numero degli immigrati regolari in carcere, mentre è crescente quello degli immigrati privi di permesso di soggiorno. L’impossibilità di ingresso legale produce illegalità e reati, mentre chi ha possibilità di regolarizzazione dimostra di essere del tutto esente da pratiche illegali e criminali.


LA CRISI DELLA GIUSTIZIA PONE UN’EMERGENZA SOCIALE

Sono questi i numeri che trasformano la questione dell’amnistia e indulto da semplice provvedimento umanitario e razionalizzante in una risposta necessaria a quella che è divenuta una vera e propria EMERGENZA SOCIALE. Una questione che, direttamente o indirettamente, riguarda la vita e le condizioni di milioni di cittadini e di famiglie italiane.

È questo enorme “tappo” che va rimosso, se si vogliono per davvero costruire le condizioni di una nuova giustizia, di una nuova garanzia per tutti i cittadini di vedere tutelati i propri diritti e interessi.

Non c’è altro modo per farlo se non quello di un provvedimento di amnistia.

Così come non c’è altro strumento per affrontare i guasti strutturali del sistema penitenziario che quello dell’indulto, di un provvedimento che consenta di riportare il numero delle presenze a quello delle capienze, vale a dire di ridurre di almeno 15.000 il numero degli attuali detenuti. Perché chi in carcere dovrà restare possa vivere con dignità la propria detenzione e chi in carcere continuerà a lavorarci, agenti di polizia penitenziaria in testa, non sia condannato a farlo nel degrado e nell’abbandono.

Questi due intrecciati provvedimenti legislativi sono la precondizione, la porta stretta nella quale occorre passare se si vuole riformare la giustizia, a partire dal codice penale e dall’ordinamento penitenziario, ridando cioè concretezza e senso, e soprattutto equità, all’amministrazione della giustizia nel nostro Paese. Si tratta di strumenti emergenziali, che non risolvono i problemi strutturali ma consentono di meglio affrontarli.

Per questo, nonostante tutte le difficoltà e l’impopolarità (spesso presunta, sempre fondata sulla non conoscenza dei termini e dei numeri della questione da parte dell’opinione pubblica, regolarmente usata come schermo e scudo dalle forze politiche per declinare responsabilità e decisioni che a esse competono), ci sembra necessario e doveroso farci carico di rinnovare la proposta dell’amnistia e dell’indulto e di sollecitare le forze politiche tutte a un atto di responsabilità, di coraggio e di lungimiranza.

L’amnistia e l’indulto non sono contradditori con un’attenzione ai temi della sicurezza. È questo carcere che produce recidiva, commissione di nuovi reati. Lo dicono i dati e le ricerche: se la percentuale della recidiva è del 75% nei casi di detenuti che scontano per intero la condanna in carcere, si abbassa drasticamente al 27% nel caso di tossicodipendenti condannati che scontano la condanna o una parte di essa in affidamento ai servizi sociali e al 12% nel caso di non tossicodipendenti affidati ai servizi sociali.

Investire sul recupero e sulla prevenzione è la vera politica per la sicurezza, una politica meno costosa socialmente, umanamente ed economicamente: tenere una persona in carcere, peraltro nelle attuali condizioni miserevoli, costa 63.875 euro l`anno, naturalmente in gran parte per la struttura, mentre per il vitto di ogni recluso si spendono mediamente soli 1,58 euro al giorno. Tenere un tossicodipendente in carcere (e sono almeno 18.000) costa il quadruplo che assisterlo in una comunità o affidarlo a un servizio pubblico. E lo stesso vale per tutte le altre “vite a perdere” che sono lì concentrate, immigrati, malati, emarginati.


LE DIFFICOLTÀ E LE NECESSITÀ

Nonostante tutto razionalmente deponga per la necessità e anzi per l’impellenza di una tale provvedimento, non ci nascondiamo le difficoltà – e non le dobbiamo nascondere ai detenuti, al cui senso di responsabilità egualmente ci appelliamo, perché partecipino a questa campagna in modo nonviolento e perché rifuggano dagli opposti rischi dell’illusione e della rassegnazione.

Per essere condiviso e varato (poiché è indispensabile il voto positivo di 2/3 del Parlamento) tale provvedimento va sgravato da strumentalizzazioni, da polemiche pretestuose e sterili, da logiche di scambio.

L’iniziativa AMNISTIA PER NATALE 2005, che sosteniamo – siamo persone assai diverse quanto a collocazioni politiche e riferimenti culturali, il che ci pare significativo -, esprime innanzitutto l’urgenza ma anche la forza chiarificatrice che possono avere le idee e le passioni quando riescono a intrecciarsi con la società e a scuotere la capacità di ascolto della politica.

Noi questo ci aspettiamo: che venga data risposta all’emergenza sociale, che le forze politiche si pronuncino subito, senza ambiguità o rimandi. A coloro che sostengono che tale misura potrà essere presa nella prossima legislatura noi diciamo che l’amnistia è premessa delle riforme e non conseguenza, e in ogni caso invitiamo a un dibattito franco e aperto, a impegni pubblici e trasparenti.

Anche per questo pensiamo necessario organizzare per il 25 dicembre a Roma una grande Marcia di Natale per l'Amnistia, la Giustizia, la Libertà alla quale ci auguriamo possa partecipare anche Adriano Sofri, non solo “in spirito” come prima del suo malore aveva preannunciato, ma anche “in corpo”, forte e libero di camminare.

Una marcia per sostenere questa proposta e questo percorso e per rendere visibile il disagio degli operatori della giustizia e di quelli del carcere, dei detenuti e delle loro famiglie, delle organizzazioni sociali e del volontariato chiamati a supplire al vuoto di politiche e di luoghi capaci di coesione sociale, dei cittadini tutti che non ottengono giustizia e delle fasce sociali più deboli che non vedono egualmente garantiti i loro diritti.


Radicali Italiani - Nessuno tocchi Caino - Il Detenuto Ignoto



I primi firmatari dell'Appello


Francesco Cossiga, senatore a vita, presidente emerito della Repubblica

Cesare Salvi, senatore DS, vicepresidente del Senato

Giuliano Pisapia, deputato PRC

Sergio Segio, direttore Associazione SocietàINformazione e Gruppo Abele di Milano

Emma Bonino, Radicali italiani

Sergio D’Elia, segretario Nessuno Tocchi Caino

Daniele Capezzone, segretario Radicali italiani

Enrico Boselli, segretario SDI

Enrico Buemi, deputato SDI

Pia Locatelli, europarlamentare socialista, Presidente dell'Internazionale delle donne socialiste

Paolo Gentiloni, deputato Margherita Presidente della Commissione di vigilanza

Carlo Leoni, deputato DS

Elettra Deiana, deputato PRC

Luana Zanella, deputato Verdi

Marco Cappato, segretario dell’Associazione Coscioni

Irene Testa, segretaria Ass. Il Detenuto Ignoto

Rita Bernardini, tesoriere Radicali italiani

Gad Lerner, giornalista

Renato Farina, condirettore di Libero

Mario Marazziti, portavoce Comunità di Sant’Egidio

Don Luigi Ciotti, fondatore Gruppo Abele e Libera

Don Andrea Gallo, Fondatore Comunità San Benedetto al Porto di Genova

Maurizio Gubbiotti, coordinatore segreteria nazionale Legambiente

Paolo Beni, presidente nazionale ARCI

Lucio Babolin, Presidente Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza

Patrizio Gonnella, presidente nazionale Antigone

Stefano Anastasia, presidente Conferenza nazionale volontariato giustizia

Ettore Randazzo, presidente Unione delle Camere Penali

Ferdinando Imposimato, ex magistrato e parlamentare

Franco Corleone, presidente Forum Droghe e “Garante dei detenuti” Comune di Firenze

Fabrizio Rossetti, responsabile settore penitenziario CGIL-FP

Sergio Cusani, presidente Banca della Solidarietà

Luigi Manconi, Responsabile Diritti civili dei DS e “Garante dei detenuti” del Comune di Roma

Katia Zanotti, deputato DS

Angiolo Marroni, “Garante dei detenuti” della Regione Lazio

Don Sandro Spriano, cappellano carcere di Rebibbia

Don Salvatore Lo Bue, direttore dell’Associazione Casa dei Giovani

Sergio Stanzani, presidente del Partito radicale

Maurizio Turco, presidente vicario del Partito radicale

Ornella Favero, Ristretti Orizzonti

Marco Poggi, segretario SAI (Sindacato Infermieri Penitenziari)

Lucia Annunziata, giornalista

Luigi Nieri, assessore Regione Lazio

Ciro Pesacane, portavoce nazionale Forum ambientalista

Amalia Navoni, coord. lombardo Nord Sud del Mondo

Silvia Buzzelli, professore di procedura penale europea nell'università di Milano-Bicocca

Licia Roselli, Direttrice AgeSoL Milano

Don Antonio Mazzi, presidente della Fondazione Exodus

Livia Turco, responsabile Welfare dei Democratici di Sinistra

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente dei Verdi

Giuseppe Bortone, Responsabile Settore Tossicodipendenze nella CGIL

Fabio Mariani, vicepresidente del comitato scientifico di Forum Droghe

Eliana Croce, direttore de Il Mensile

Oliviero Toscani, fotografo

Mons. Giorgio Caniato, Ispettore Generale dei Cappellani delle Carceri

Michele Ainis, Professore ordinario di Istituti di Diritto Pubblico Università di Teramo

Silvia Buzzelli, professore di procedura penale europea nell'università di Milano-Bicocca

Paolo Crocchiolo, Presidente Comitato scientifico Forum Droghe

Marco Perduca, segretario Lega Internazionale Antiproibizionista

Elisabetta Zamparutti, Tesoriera di Nessuno tocchi Caino

Don Andrea Gallo, fondatore Comunità San Benedetto al Porto di Genova
Pierluigi Diaco, giornalista

Barbara Palombelli, giornalista

Arturo Diaconale, giornalista

Giuseppe Cruciani, giornalista

Imma Battaglia, Presidente Di'Gay Project Onlus

Mario Mieli, giornalista

Vittorio Sgarbi, parlamentare

Alessandro Cecchi Paone, giornalista

Furio Colombo, giornalista

Sergio Castellitto, attore

Margaret Mazzantini, attrice

Matteo Bartocci, giornalista

Marco Taradash, giornalista

Francesca Scopellitti, già senatrice, assessore del Comune di Grosseto

Luca Sofri, giornalista

Daria Bignardi, giornalista

Andrea Colombo, giornalista

Iaia Vantaggiato, giornalista

Donato Robilotta, capogruppo Nuovo Psi Regione Lazio

Riccardo Bonacina, direttore di Vita

Massimo Barra, presidente Fondazione Villa Maraini

Luciana Littizzetti, showgirl

I Fichi d'India, attori

Massimo Lopez, attore

Claudio Lippi, presentatore

Maurio Costanzo, giornalista

Beppe Grillo, attore

Lillo di Mauro, presidente consulta penitenziaria di Roma


(da Notizie Radicali Speciale “Amnistia per Natale”, 11 dicembre 2005)


Articoli correlati

  Visita carcere Sollicciano di Firenze. Tortura di Stato!
  Carceri. Appello ad autorità locali perché visitino Sollicciano
  Carceri. Regione Toscana istituisca urgentemente garante detenuti
  Tredicesimo giorno di sciopero della fame di Marco Pannella
  Valter Vecellio. Ancora un tentato suicidio in carcere. Il flop del vaccino virus A/H1N1
  Alessandro Gallucci. Carceri di Puglia: si continua a morire. Urgente la nomina del garante dei detenuti
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  Radio Carcere. Il voto inutile
  Rita Bernardini. Car­ce­ri, risolto il pro­ble­ma con la 117?
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Ferragosto in carcere. Con Donatella Poretti, la delegazione radicale in visita alla casa circondariale di Arezzo
  Valter Vecellio. La terrificante situazione carceraria
  Michele Minorita. Carceri: il nulla del ministro Alfano, la demagogia di Lega e Italia dei Valori
  Carceri. Radicali su detenuto iracheno morto per sciopero della fame a L'Aquila
  "Ferragosto in carcere"
  Carceri assassine: è avvenuto oggi il primo suicidio del 2014
  Sollicciano: Senatori Radicali si appellano a Rossi, Renzi e Gheri perché vengano garantiti corsi scolastici
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  Pannella si rivolge a Prodi per una grande marcia di Natale per l'amnistia, la giustizia e la libertà
  Carcere e transessuali. La struttura di Empoli, già pronta, non parte? Interrogazione
  Vetrina/ 1. Centinaia
  Milano. Radicali e MiLeft organizzano una fiaccolata nonviolenta
  Staderini e Perduca. Carcere Grosseto struttura vecchia da dismettere
  Vincenzo Donvito. Tossicodipendenza e carcere: L'Italia è un Paese in cui il binomio vuol dire morte...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Vetrina/ 2. Letti
  Carcere Sollicciano. Grande senso di responsabilità della comunità penitenziaria. Lo scandalo della carenza di organico
  Rita Bernardini. Signor presidente del Consiglio, si faccia un giro nelle carceri italiane…
  Carcere di Arezzo. Dopo l'ispezione del 14 agosto e la rivolta del 15, nuova ispezione il 18 agosto
  Renato Pierri. Dignità della persona
  Una storia di “giustizia” ordinaria, Giuseppe Misso
  Carceri/Prato: suicidio marocchino. Si faccia luce subito
  Rita Bernardini. Ecco perché proseguo il satyagraha
  Roberto Fantini. Ancora suicidi nelle carceri italiane
  Claudia Osmetti. Abuso cautelare
  In una scuola di criminalità il sovraffollamento è sempre l'emergenza
  Guido Biancardi. La Gomorra carceraria
  Carceri. Che fine ha fatto il ddl Alfano?
  “Detenuto Ignoto”: Basta strage continua! 2010 sia anno di riforme agognate
  Quando la vita è una “domandina”
  Carcere e carenza di soldi. Interrogazione
  Solliciano: “Ci appelliamo a Comune e Regione perché certi di attenzione”
  Marco Pannella e Rita Bernardini trascorreranno la notte di Capodanno nel carcere di Padova
  La giustizia nel paese di Alice
  Anche Sondrio fra le visite del secondo ferragosto in carcere
  Valter Vecellio. Fatti e cifre di un’emergenza colpevolmente ignorata
  Carcere di San Sebastiano. Ci mancava solo la mancanza d'acqua!
  Carceri. Ferragosto e la necessità di assumersi le responsabilità di un sistema illegale
  Benedetto Della Vedova. Carceri: quando il controcanto è leghista...
  La lettera del Comitato Marcia di Natale
  Ferragosto in carcere. Domani 15 agosto a Volterra con Donatella Poretti
  Vetrina/ 3. È qui
  Amnistia/Carceri. Raccolte le firme per la convocazione straordinaria della Camera dei deputati - Il sindaco di Roma Walter Veltroni aderisce alla Marcia di Natale
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Carceri. Il decreto-legge della ministra Cancellieri è in vigore da oggi
  Il "Palazzo" affossa amnistia e indulto
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Detenuto autolesionista dato per espatriato da Firenze in Marocco... è in carcere ad Arezzo
  Carceri. Tre morti per pestaggi in un mese
  Claudia Osmetti. Mettere mano al portafoglio per non farlo alla coscienza
  Carcere Arezzo. Nuova visita ispettiva dopo la rivolta e alcuni risultati si ottengono
  Carcere di Volterra. Un istituto che nonostante sia in Italia rispetta la legge e la Costituzione
  Vetrina/ 4. Supplizio
  Detenuto malato si uccide a San Vittore. Perché stava in quella cella?
  AMNISTIA. Dalla mezzanotte di oggi una giornata di digiuno a favore di un atto di clemenza
  Caso Cucchi. Ci voleva il morto per modificare una disposizione disumana
  Carceri. Tentativi di suicidio e atti di autolesionismo a Sanremo. Interrogazione
  Ottenuta la pubblicazione dei dati sulle carceri
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy