Domenica , 17 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Benedetto Della Vedova. Carceri: quando il controcanto è leghista...
07 Maggio 2010
 

Non so a quale copione si ispiri il “racconto” del dibattito interno alla maggioranza. Ma è sempre più da teatro dell'assurdo. Se all'interno del partito di maggioranza le posizioni riflettono un pluralismo non solo auspicabile, ma fisiologico (di qualunque tema si tratti: dalla bioetica all'immigrazione, dalle politiche fiscali alle riforme costituzionali) chi è “fuori-linea” rispetto all'impostazione prevalente è indiziato di ostruzionismo o sabotaggio. Se invece un ministro, dopo averci pensato per qualche mesetto, attacca ad alzo zero un disegno di legge presentato da un altro ministro e approvato all'unanimità dal Consiglio dei ministri, al dissenziente non viene rimproverata né la contraddizione logica né la slealtà. Purché il dissenziente sia leghista.

La recente polemica sul ddl “svuota-carceri” del ministro degli Interni Maroni contro il provvedimento voluto dal ministro della Giustizia Alfano deve comunque rientrare nello schema di questa narrazione. I leghisti rimangono “alleati fedeli” e quelli che vogliono bilanciare il peso della Lega potenziali “traditori”.

Alfano si è posto una questione di civiltà giuridica e di buon governo, quella delle condizioni di detenzione sostanzialmente “illegali” in cui versa la gran parte delle carceri italiane, costrette ad ospitare un numero dei detenuti di più di un terzo superiore a quello previsto (quasi settantamila contro circa quarantaquattromila). Di fronte a una vulgata, che presenta l'invivibilità del carcere come una sorta di pena accessoria a carico dei detenuti, il ministro della Giustizia ha spiegato che il “disagio” peggiora e rende intollerabili anche le condizioni di lavoro degli agenti di polizia penitenziaria e pregiudica la funzione rieducativa che la nostra Costituzione assegna alla detenzione, esponendo il nostro paese alle ricorrenti censure della Corte europea dei diritti dell'uomo.

Dunque, accanto ad un intervento straordinario di edilizia penitenziaria, Angelino Alfano ha previsto una misura emergenziale - non la prima e certo non l'ultima visto il ritardo con cui si sono messi in cantiere interventi più strutturali. In particolare, il disegno di legge del governo prevede l'esecuzione domiciliare delle pene detentive fino ad un anno (anche residue di una pena maggiore) ed esclude dal beneficio i condannati per i reati più gravi, i delinquenti abituali e i soggetti a cui sia già stata revocata la detenzione domiciliare. Non si tratta di un “indulto mascherato”, come sostiene Roberto Maroni, perché non estingue la pena e neppure ne sospende la esecuzione. E non è un provvedimento che “rimette in strada” i detenuti visto che, per ciascuno di essi, andrà indicata l'abitazione o il luogo pubblico e privato di cura e di assistenza in cui sarà scontato il periodo di detenzione domiciliare.

Nel settembre del 2009, al trentadue per cento dei detenuti condannati con sentenza definitiva mancava un anno al fine-pena. E, anche volendo ragionare in termini economici, il costo pro-capite - diretto e indiretto - della loro sorveglianza a domicilio è di gran lunga inferiore a quello della loro detenzione. La Lega Nord - non a caso alleata, in questo, dell'Italia dei Valori di Antonio Di Pietro - non pensa a come risolvere, ma a come usare un problema che fa comprensibilmente breccia nelle paure dell'opinione pubblica, a cui ben pochi spiegano che il tasso di recidiva dei detenuti beneficiati da misure alternative è comunque inferiore a quello di chi sconta in carcere anche fino all'ultimo giorno di pena. Con questo atteggiamento il Carroccio punta, come spesso accade, a scaricare la responsabilità di misure tanto ragionevoli quanto impopolari sul Popolo della libertà, ricavando per sé il ruolo di chi difende demagogicamente “l'ordine” e la “legge” anche contro l'esecutivo di cui fa parte. La solita Lega “di lotta e di governo”. Questo gioco non deve stupire e non può essere demonizzato: deve essere però contrastato e non passivamente subito, arginato sul piano dell'azione e non del ripiegamento. Il provvedimento proposto dal ministro Alfano, insomma, può essere modificato, ma per essere reso più coerente con i suoi presupposti, non per consentire alla Lega di staccare un dividendo di immagine.

In tutto questo, peraltro è evidente la contraddizione con la fermezza con cui si vuole arginare la competizione all'interno del Popolo della libertà, che, una volta accettata e incanalata su binari da tutti condivisi, non indebolirebbe ma rafforzerebbe Silvio Berlusconi e il suo governo di centrodestra.

 

Benedetto Della Vedova

(dal Secolo d'Italia, 7 maggio 2010)


Articoli correlati

  Carceri. Il decreto-legge della ministra Cancellieri è in vigore da oggi
  Alessandro Gallucci. Carceri di Puglia: si continua a morire. Urgente la nomina del garante dei detenuti
  Amnistia/Carceri. Raccolte le firme per la convocazione straordinaria della Camera dei deputati - Il sindaco di Roma Walter Veltroni aderisce alla Marcia di Natale
  Tredicesimo giorno di sciopero della fame di Marco Pannella
  Ferragosto in carcere. Domani 15 agosto a Volterra con Donatella Poretti
  Claudia Osmetti. Mettere mano al portafoglio per non farlo alla coscienza
  Il "Palazzo" affossa amnistia e indulto
  Carcere di San Sebastiano. Ci mancava solo la mancanza d'acqua!
  Valter Vecellio. Ancora un tentato suicidio in carcere. Il flop del vaccino virus A/H1N1
  Valter Vecellio. La terrificante situazione carceraria
  Michele Minorita. Carceri: il nulla del ministro Alfano, la demagogia di Lega e Italia dei Valori
  Vetrina/ 4. Supplizio
  Carcere e transessuali. La struttura di Empoli, già pronta, non parte? Interrogazione
  Milano. Radicali e MiLeft organizzano una fiaccolata nonviolenta
  Staderini e Perduca. Carcere Grosseto struttura vecchia da dismettere
  Rita Bernardini. Signor presidente del Consiglio, si faccia un giro nelle carceri italiane…
  Vincenzo Donvito. Tossicodipendenza e carcere: L'Italia è un Paese in cui il binomio vuol dire morte...
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Radio Carcere. Il voto inutile
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Carceri assassine: è avvenuto oggi il primo suicidio del 2014
  Carceri. Regione Toscana istituisca urgentemente garante detenuti
  Carcere Sollicciano. Grande senso di responsabilità della comunità penitenziaria. Lo scandalo della carenza di organico
  Caso Cucchi. Ci voleva il morto per modificare una disposizione disumana
  Una storia di “giustizia” ordinaria, Giuseppe Misso
  Rita Bernardini. Ecco perché proseguo il satyagraha
  Carceri. Che fine ha fatto il ddl Alfano?
  Roberto Fantini. Ancora suicidi nelle carceri italiane
  Claudia Osmetti. Abuso cautelare
  In una scuola di criminalità il sovraffollamento è sempre l'emergenza
  Guido Biancardi. La Gomorra carceraria
  Solliciano: “Ci appelliamo a Comune e Regione perché certi di attenzione”
  "Ferragosto in carcere"
  “Detenuto Ignoto”: Basta strage continua! 2010 sia anno di riforme agognate
  Quando la vita è una “domandina”
  Carceri. Tentativi di suicidio e atti di autolesionismo a Sanremo. Interrogazione
  Carcere e carenza di soldi. Interrogazione
  La giustizia nel paese di Alice
  Carceri. Radicali su detenuto iracheno morto per sciopero della fame a L'Aquila
  Rita Bernardini. Car­ce­ri, risolto il pro­ble­ma con la 117?
  Anche Sondrio fra le visite del secondo ferragosto in carcere
  Valter Vecellio. Fatti e cifre di un’emergenza colpevolmente ignorata
  Carceri. Ferragosto e la necessità di assumersi le responsabilità di un sistema illegale
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  La lettera del Comitato Marcia di Natale
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  Vetrina/ 3. È qui
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Detenuto autolesionista dato per espatriato da Firenze in Marocco... è in carcere ad Arezzo
  Renato Pierri. Dignità della persona
  Sollicciano: Senatori Radicali si appellano a Rossi, Renzi e Gheri perché vengano garantiti corsi scolastici
  Carceri/Prato: suicidio marocchino. Si faccia luce subito
  Ottenuta la pubblicazione dei dati sulle carceri
  Visita carcere Sollicciano di Firenze. Tortura di Stato!
  Carceri. Tre morti per pestaggi in un mese
  Carceri. Appello ad autorità locali perché visitino Sollicciano
  Carcere Arezzo. Nuova visita ispettiva dopo la rivolta e alcuni risultati si ottengono
  Marco Pannella e Rita Bernardini trascorreranno la notte di Capodanno nel carcere di Padova
  Vetrina/ 1. Centinaia
  Carcere di Volterra. Un istituto che nonostante sia in Italia rispetta la legge e la Costituzione
  “AMNISTIA PER NATALE”
  Pannella si rivolge a Prodi per una grande marcia di Natale per l'amnistia, la giustizia e la libertà
  Detenuto malato si uccide a San Vittore. Perché stava in quella cella?
  Carcere di Arezzo. Dopo l'ispezione del 14 agosto e la rivolta del 15, nuova ispezione il 18 agosto
  Vetrina/ 2. Letti
  AMNISTIA. Dalla mezzanotte di oggi una giornata di digiuno a favore di un atto di clemenza
  Ferragosto in carcere. Con Donatella Poretti, la delegazione radicale in visita alla casa circondariale di Arezzo
  In Valtellina a discutere di politica...
  Benedetto Della Vedova. Dopo il congresso si conclude la mia esperienza in Scelta Civica. Ecco perché
  Vedovo di Monti?
  Privatizzazione Rai. Fli presenta proposta di legge Della Vedova
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy