Domenica , 25 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Salvatore Ambrosi, PD Sondrio: L'estiva lezione di turismo di Salvini
L
L'albergatore bormino con un suo ospite (foto 'Famiglia Cristiana', primavera 2015) 
28 Agosto 2015
 

Il “tourantirifugiati” di Matteo Salvini ha finalmente fatto tappa anche da noi; nella sua uscita a Bormio il Nostro ha ribadito tutte le sue ormai note proposte per risolvere il problema dei profughi che in misura sempre maggiore stanno arrivando in Italia e oramai non più solo via mare.

Alle esternazioni razziste e populiste, cui siamo ormai abituati, stavolta ha aggiunto una lezione di marketing turistico (e questo già ci sembra singolare) oltre ad una pesante e pericolosa richiesta: la chiusura di un albergo che sta ospitando una sessantina di immigrati perché ciò recherebbe danni importanti al turismo della zona! Ci chiediamo con quale diritto possa avanzare una tale richiesta, insinuando che l’albergatore voglia lucrare sul “business dell’immigrazione” solo perché non sarebbe in grado di campare con il turismo “normale”.

Certamente soffiare sul fuoco è uno sport nel quale la Lega e Salvini si sanno distinguere molto bene e se questo serve per esasperare il comportamento di chi già per sua natura vede nel problema dell’immigrazione un pericolo per sé e per il proprio territorio ben venga per lui alimentare e alzare il livello della polemica. Nessuno vuole minimizzare la gravità e le difficoltà della situazione ma certamente non riteniamo sia con i proclami razzisti e con la teoria del respingimento che si può pensare di risolvere il problema. Può darsi che Salvini e con lui tutti i suoi sodali siano convinti che le loro proposte possano pagare elettoralmente ma poiché pensiamo che le elezioni siano ancora piuttosto lontane, riteniamo invece che sia il caso ed il momento di pensare a risolvere il problema in modo molto più umano o almeno razionale se umani non si sa essere.

Il coinvolgimento dell’Europa si sta sempre più concretizzando visto che oramai il fenomeno non interessa più solo l’Italia e non ci pare che l’Europa sia sulla linea di Salvini e c.

Bene ha fatto il Presidente del Consiglio Matteo Renzi a ribadire la volontà di affrontare il problema nei termini dell’accoglienza e del trattamento umanitario dei profughi, anche se ciò potrebbe comportare la perdita di qualche voto; non è il momento di pensare a tornaconti elettorali quando di mezzo c’è la vita di migliaia di bambini, donne e uomini che stanno fuggendo da situazioni drammatiche di guerra, ingiustizie, miseria e fame.

Di fronte a questi scenari Salvini chiede di chiudere un albergo perché ospitando qualche decina di profughi rovina il decoro di un territorio! Ci verrebbe da dire: “Ma ci faccia il piacere!!” C’è poi da essere commossi nel sentire come si atteggi a difendere i soldi e i figli degli “Italiani”, chi fino all’altro ieri sottolineava di essere padano prima che italiano. L’invito sberleffo di Salvini è che chi vuol essere disponibile versoi rifugiati (cioè non razzista, perché di questo si tratta) può ospitare a casa sua i profughi. Il contro invito reale che gli si può fare è che vada lui in Libia, magari con le sue fedelissime camicie verdi, ed in prima persona organizzi quei campi di smistamento profughi che con tanta leggerezza, almeno al momento, propone come soluzione per impedire gli sbarchi in Italia. Ma poi dovrebbe spostarsi in Siria, in Iraq, in Turchia e ovunque è presente la cosiddetta invasione.

I pericolosi discorsi da bar che la Lega diffonde con il solo fine di esasperare gli animi trovano risposta molto seria, garbata e civile nelle parole e nel comportamento dell’albergatore che sta ospitando i 70 profughi a Bormio e che assieme a tanti volontari li sta aiutando ad integrarsi in una realtà alquanto diversa da quella da cui provengono.

 

Salvatore Ambrosi

Segretario prov. PD


Articoli correlati

  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lenzuola di nuvole...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Qualche volta ho pregato il Cielo...
  Anche a Gioiosa i migranti puliscono il paese
  Morbegno. “Migranti e accoglienza”
  Roberto Malini. In viaggio con Alex verso un mondo giusto e accogliente
  Anna Lanzetta. Di fronte alla morte di Aylan, bimbo siriano
  Lidia Menapace. La cancelliera federale germanica
  Padova. Libdem: La libertà è ancora di moda?
  La marcia delle donne e degli uomini scalzi
  L’11 settembre marceremo scalzi a Gioiosa in solidarietà coi migranti
  Gino Songini. Zibaldone estivo
  Carlotta Caldonazzo. Abbattere un muro per costruirne cento?
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La canzone dei migranti che furono
  Luigi Fioravanti. Migranti, tanto peggio tanto meglio per Salvini & Co.
  Lidia Menapace. Una modesta proposta
  Vetrina/ Pino Dell'Ago. Se qualcuno al bar o in grigi
  Gordiano Lupi. Generazione 'tipo'
  Marco Lombardi. La CEI e gli esami di coscienza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy