Domenica , 15 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. Di fronte alla morte di Aylan, bimbo siriano
Käthe Kollwitz (Königsberg, 1867 - Moritzburg, 1945)
Käthe Kollwitz (Königsberg, 1867 - Moritzburg, 1945) 
05 Settembre 2015
 

È sempre l’infanzia a strapparci dal nostro torpore, a dirci che la nostra negligenza unita all’indifferenza sta massacrando le nostre coscienze e sta spezzando i nostri cuori.

Cosa chiede quel bimbo senza vita, solo, abbandonato sulla spiaggia al sonno della morte? Forse una ninna nanna? Forse il sorriso della mamma o il calore di un abbraccio? Forse una speranza di vita per tanti altri bambini vittime di guerre, di violenze e di odio?

Troppi sono i corpi finiti in fondo al mare, persone fuggite dalla propria terra per una possibilità di vita, per una speranza per i propri figli.

Troppi corpi accusano l’intera umanità di follia e di cecità.

E se fossimo noi costretti a bussare senza che nessun uscio si aprisse a una possibilità di vita?

Immagini strazianti ci accusano ma ciò che colpisce parimenti è che non si vede ancora nessuna seria soluzione al problema.

Non commuoviamoci soltanto di fronte al bambino trovato morto ma fermiamoci per pensare e riflettere in un profondo mea culpa perché si ponga fine a tale scempio.

Il mare si veste a lutto in un mormorio doloroso come un pianto antico di cui ci credevamo immuni.

Il mare perde i suoi magnifici colori e non dona refrigerio, pregno di presenze che ci gridano la nostra disumanità.

Il pianto si infittisce tra le onde a scaglie e appaiono volti di mamme lacere, di bimbi che chiedono solo una scodella di latte. Le mamme stringono a sé i figli in un dolore disperato, in una ricerca di aiuto negata.

I tanti corpi disseminati mostrano la nostra infamia. Non si ode più il lento e dolce mormorio del mare mutato in agonia.

Non possiamo dissociarci! Non dobbiamo! Troppi morti invadono la nostra ragione restia e le scaglie dorate del mare si coprono di livido orrore. Ogni volta che si affonda un piede tra le onde, si ritira istantaneo per timore che un corpo affiori o che un bimbo ci tenda la mano per un soffio di vita.

Il contatto con le acque ci riporta immagini di morte: bimbi strappati alle loro madri, braccia di madri strette ai propri figli.

Le madri nel mondo che lottano per la vita sono uguali, senza confini e senza colori. Tutti i bambini che bussano a un uscio sono uguali quando tendono un braccio perché una scodella si riempia. Ogni bambino che muore è un crimine contro l’umanità che ci coinvolge tutti e scuote le nostre coscienze. Non possiamo più restare muti di fronte a tale scempio. Ogni bambino reclama la sua scodella e nel mondo ce n’è per tutti e si potrebbero soddisfare le esigenze di tutti se solo si ripartissero in modo equo le ricchezze, se si riscoprisse quell’umanità che ci contrassegna come uomini.

È solo ignoranza quella che allontana dai propri doveri, è la paura del dare. Sono i tempi bui che generano rancore, diffidenza, che ci allontanano da quella carità che ci rende uniti e fratelli.

La disperazione di chi ci chiede aiuto è dietro il nostro uscio e ad ogni nostro boccone un bimbo piange per una scodella che non può stringere.

Quei vagoni riportano ad un passato triste da riguardare così come i numeri segnati con pennarelli. Non dimentichiamo la nostra storia. Non dimentichiamo chi siamo. Non siamo diversi, noi siamo fratelli e il grido di dolore che ci sovrasta deve essere raccolto per togliere dal mondo una vergogna che sta scuotendo fortemente le coscienze si spera (se non vogliono annoverarsi come bestie) anche di coloro che considerano chi chiede aiuto carne da macello.

Non rendiamoci ancora più colpevoli!

È sempre presente nella società il monito di Goya da non dimenticare: Il sonno della ragione genera mostri affinché nulla del passato si ripeta a nostra ignominia.

 

Anna Lanzetta


Articoli correlati

  La Siria e la crisi dei rifugiati in Europa spiegate in un video
  Asmae Dachan. Diritti umani violati in Siria
  Siria, tra macerie e speranza: incontro a Recanati
  Roberto Fantini. Bombardamenti russi sulla Siria: le denunce di Amnesty International
  Asmae Dachan. “Ma io non so disegnare…”
  Asmae Dachan. Aylan e quella volta che il mondo ha urlato “Mai più”
  Asmae Dachan. Douma, neonato estratto vivo dalle macerie. Decine di bimbi feriti
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
  Un’informazione malata è un pericolo per la democrazia
  Siria-Italia. Greta e Vanessa, il coraggio contro l’indifferenza
  Asmae Dachan. Il coraggio delle bambine siriane: “Non potrete ucciderci con l’ignoranza”
  Asmae Dachan. “Perdere la propria libertà per la libertà degli altri”
  Ordine Giornalisti Marche. Il premio "A passo di notizia" ad Asmae Dachan
  Mauro Raimondi. “Siriani in transito” nei Civici Corsi di Idoneità
  Asmae Dachan. L’ottobre rosso in Siria: 40 massacri denunciati dal SNHR
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Notti stellate da incendi...
  Maria Lanciotti. Non in mio nome
  Salvatore Ambrosi, PD Sondrio: L'estiva lezione di turismo di Salvini
  Gino Songini. Zibaldone estivo
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Qualche volta ho pregato il Cielo...
  Gordiano Lupi. Generazione 'tipo'
  Marco Lombardi. La CEI e gli esami di coscienza
  Padova. Libdem: La libertà è ancora di moda?
  Roberto Malini. In viaggio con Alex verso un mondo giusto e accogliente
  La marcia delle donne e degli uomini scalzi
  Lidia Menapace. La cancelliera federale germanica
  Vetrina/ Pino Dell'Ago. Se qualcuno al bar o in grigi
  Anche a Gioiosa i migranti puliscono il paese
  Morbegno. “Migranti e accoglienza”
  Luigi Fioravanti. Migranti, tanto peggio tanto meglio per Salvini & Co.
  Carlotta Caldonazzo. Abbattere un muro per costruirne cento?
  L’11 settembre marceremo scalzi a Gioiosa in solidarietà coi migranti
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lenzuola di nuvole...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La canzone dei migranti che furono
  Lidia Menapace. Una modesta proposta
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy