Venerdì , 18 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Stefano Bettera. Emma Bonino: «Una metropoli ecologista e laica»
28 Aprile 2011
 

Ancora pochi giorni e conosceremo il verdetto. Comunque vada, nulla sarà più come prima. Milano, si prepara alle elezioni per rinnovare gli scranni di Palazzo Marino in un clima da battaglia. Quattordici liste e rispettivi candidati sindaco, ma tutti sanno bene che è una partita a tre. Con qualche outsider pronto a giocare il ruolo dell'incognita. Il Pdl mostra evidenti cedimenti, dopo il caso dei manifesti sulle Br e la spaccatura, neanche troppo taciuta, tra il leader maximo Silvio Berlusconi e la sua epigona, l'attuale sindaco Letizia Moratti.

I nervi saltano e i milioni si spendono, a decine, per tentare di oscurare coi lustrini ciò che ormai è evidente a tutti i milanesi. La città è stanca di vent'anni di strapotere clientelare berlusconiano e ciellino e il desiderio di cambiare il clima da basso impero è palpabile durante la campagna elettorale. Giuliano Pisapia, saggiamente non canta vittoria ma scalda i muscoli e il giovane terzopolista Manfredi Palmeri non perde occasione per rinfacciare al sindaco uscente cinque anni di vuoto nel governo della città e di mancate promesse. Un fallimento che è davanti agli occhi di tutti e che nasce, in primo luogo, dal disfacimento di una classe politica, quella del centrodestra, che, piaccia o no, ha interpretato e tradotto in successi incontrastati gli umori del popolo meneghino per ben due decenni.

Ed ora tocca anche ai Radicali cercare di mettere un punto e a capo e tornare ad un modo diverso di governare la città. Una scelta non tradizionale per loro presentarsi alla contesa amministrativa. Ma che hanno fatto scegliendo di appoggiare proprio Pisapia, convinti che l'alternativa sia vera e realizzabile. La strategia radicale per andare oltre la politica degli slogan e riportare Milano al passo con l'Europa parte, ovviamente, dalla legalità, come ci spiega Emma Bonino, candidata insieme a Cappato e Pannella nel capoluogo lombardo.

 

«La prima cosa è il rispetto delle regole. La truffa elettorale sulle liste di Formigoni della coalizione Pdl più Lega ha mostrato la natura da veri “impuniti” di un sistema di potere milanese lombardo che, per legittimarsi, si aggrappa alle paure della gente, a identità artificiali - la “Padania” che non esiste, inni, bandiere e ricorrenze spesso inventate a tavolino - per giustificare il fallimento di un federalismo burocratico e statalista e il tradimento della tanto sbandierata rivoluzione liberale. L'alternativa che serve è quella del federalismo europeo, della laicità e, in particolare, della trasformazione ecologica della città, come chiesto dalla campagna referendaria su Milano ideata da Marco Cappato, e sulla quale abbiamo raccolto con altri circa 24mila firme!».

 

– Milano, come altre realtà della Lombardia, sembrano sempre di più “città private”, dove pochi gruppi controllano sia l'economia, che, in negativo i traffici illeciti. Nei cittadini la percezione di una città insicura è sempre più forte. Non crede che serva innanzi tutto una rivoluzione culturale?

«Serve la rivoluzione delle regole. Mia madre diceva che la buona educazione è rivoluzionaria. In Lombardia, cuore economico del Paese, la vera rivoluzione sarebbe che lo Stato si occupasse di garantire le regole del libero mercato, e il welfare per chi ne ha bisogno. Per farlo, bisogna anche contrastare una rete clientelare che si è estesa come una piovra sui grandi affari dell'Expo e del piano di governo del territorio che, in modo del tutto assurdo, prevede 400mila abitanti in più in una città già sovrappopolata. La rete di Comunione e liberazione e Compagnia delle Opere, con i loro agganci nel mondo delle cooperative e nelle holding alla “Infrastrutture lombarde”, con i loro nominati nei vari consigli d'amministrazione, vanno contrastati con l'arma della trasparenza. Per questo diciamo: anagrafe pubblica degli appalti, degli eletti e dei nominati, e divieto di cumuli di cariche e di stipendi».

 

– Per far ripartire il motore di Milano bisogna liberare le energie positive della città: favorire l'imprenditoria femminile che è motore di cambiamento anche sociale, ripartire dalla cultura da anni ferma al palo e ricreare finalmente liberi spazi di aggregazione per i giovani. Quali sono le proposte con cui si presenta alle prossime elezioni amministrative?

«Oggi il Comune di Milano più che buona amministrazione fa affarismo nei settori più svariati, dagli aeroporti alle autostrade, dall'energia alle mense scolastiche, agli appartamenti di lusso... e poi non ha abbastanza soldi per i senzatetto, per gli anziani, per i disabili. Le risorse vanno convertite sul welfare vero - ad esempio per i centri diurni per anziani e disabili cognitivi, in particolare i malati di Alzheimer - e sugli investimenti per il futuro, come quelli ecologici, sul risparmio energetico e sulle rinnovabili, e sulle nuove tecnologie: male la Moratti sulla svendita di Metro-Web, bene Pisapia su internet e wi-fi gratuito. Bisogna liberalizzare gli orari dei negozi, combattere la burocrazia. La campagna elettorale è sempre più determinata dalle scelte dei candidati in tema di ambiente. Il programma della Moratti alle scorse elezioni era molto innovativo ma si è risolto, di fatto, in una serie di progetti restati per lo più sulla carta. Quali sono le priorità dei radicali in tema di ambiente e per Milano? Vincere i 5 referendum per la qualità della vita e dell'ambiente e poi realizzare per davvero gli obiettivi che si propongono. Questo è il nostro unico programma sull'ambiente, perché è l'unico programma che invece di essere scritto sulla sabbia è stato costruito a partire dalla mobilitazione popolare: scoraggiare l'uso dell'auto attraverso la tariffazione del traffico e l'investimento sui mezzi pubblici e le pedonalizzazioni; garantire un futuro verde dopo l'Expo; risparmio energetico; riapertura dei Navigli. Oggi Letizia Moratti torna a fare le promesse che fece 5 anni fa, su un progetto che lei stessa ha abbandonato e affossato: per questo ha avuto paura di far votare i referendum lo stesso giorno delle amministrative. Infine, il tema della laicità, da sempre una battaglia radicale».

 

– Quali strumenti faranno adottare i Radicali, una volta eletti in Comune, per favorire una Milano più laica e più aperta? Come porteranno la propria battaglia per la legalità, per avere una sanità e un'assistenza più laiche anche in Comune?

«La religione non deve più essere utilizzata come strumento di potere sui corpi e sulla politica, come fa Formigoni quando dice che non consentirà mai che una struttura sanitaria lombarda autorizzi la sospensione della nutrizione forzata - un diritto riconosciuto da una sentenza della Cassazione - oppure quando in Lombardia si pongono limiti illegali all'aborto, con il risultato di favorire quello clandestino... Noi cerchiamo semplicemente di attivare diritti: i registri comunali del testamento biologico e delle unioni civili; l'assistenza ai cittadini tossicodipendenti contro la droga di mafia e di strada; l'informazione sessuale, la lotta alle violenze domestiche e alle mutilazioni genitali femminili nelle comunità che ancora le praticano. La laicità è la vera arma di integrazione, invece dei proclami impotenti degli slogan razzisti, di chi grida “fuori dalle balle” e poi, con la coda tra le gambe, firma 20mila permessi di soggiorno».

 

Stefano Bettera

(dal quotidiano Terra, 28 aprile 2011)


Articoli correlati

  Marco Lombardi. Sacrificarci per il cambiamento
  Milano. La diffamazione ha le gambe corte
  Comunali Milano. Per un’alternativa democratica fondata sul rispetto delle regole...
  Milano Rinnovabile e Solare. Le proposte della Lista Bonino Pannella
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Valter Vecellio. Ministro sguaiato, governo indecente (pensarlo è moralismo?)
  Ne abbiamo le ...STRADE piene! Acchiappabusivi in azione a Milano [video]
  Elezioni Milano. Emma Bonino: la vera partita comincia adesso
  Emma Bonino. Con Pisapia una prima, vera, primavera milanese
  Nicola Vacca. La disfatta del Cavaliere ridanciano
  JurisReport. Milano, il vento è cambiato
  Un colpo di tosse per Milano
  UDIaMILANO. 50E50, Democrazia Paritaria. Anche a Milano si può
  Emma Bonino. Anch'io candidata a Milano con Cappato e Pannella
  Giuliano Pisapia. Succedono cose a Milano
  Lista Bonino-Pannella. Il “metodo Lassini” è la regola a Milano, a partire dal sindaco Moratti
  Rosario Amico Roxas. Milano: …Con la presenza di persone sagge e forti…
  Bonino e Cappato denunciano alla procura Berlusconi e i direttori dei TG che hanno trasmesso le sue pseudo interviste
  Milano. Serata in onore di Harvey Milk con Stuart Milk
  Emma Bonino. Con Pisapia un radicale al comune di Milano
  Milano, ti prego, ritorna! Intervista al candidato indipendente Alberto Figliolia
  La liberazione di Milano, un mese dopo
  Pierfrancesco Majorino. Milano: Manca poco
  Francesco Poirè. Zanzare/Milano: L’incapacità di questa classe politica punge i cittadini
  Enrico Fedrighini. Milano, Festa e Referendum: il 7 giugno in piazza al QT8!
  Marco Cappato. “Mi candido a presidente del Consiglio comunale di Milano, per la legalità e la trasparenza”
  Orange wave for Pisapia
  Un po' d'aria pulita, per vivere meglio a Milano
  “Bella zia! Vota Pisapia” [video] e il gioco sporco con la Scuola “Rinascita – Amleto Livi”
  Marco Cappato. I partiti milanesi paghino gli 8 milioni di euro di multe
  Manifesti abusivi? Quelli legali vanno a pedali!
  Marco Cappato. Nonsolofirme! C'è un'alternativa da creare a Milano
  Vincenzo Servile. Dopo le amministrative i referendum!
  Agenda Coscioni. “Milano chiama Italia, legalizzare e bonificare”
  Parte da Milano la riscossa riformista?
  Milano. “Cambiare è necessario”. Un documento di cristiani sulle elezioni municipali
  Valter Vecellio. Ma al PD hanno capito che a Milano si può vincere?
  Rosario Amico Roxas, con lettera di Guido da Milano
  Fabio Poletti. Emma Bonino: «Berlusconi non può trattare l'Europa come un taxi»
  “Non chiudere gli occhi sui lager dei migranti”. Intervista a Emma Bonino
  Emma Bonino. Non è solo la crisi del berlusconismo, è crisi di regime e di sistema
  Giuseppe Civati. Je suis laïque
  Milano. “Insieme senza muri”
  Lidia Menapace. Cominciare da un FBI europeo?
  Milano. Radicali: Dibattiti e raccolta firme alla festa del PD
  Emma Bonino: “All'Onu c'è un'atmosfera nuova. Dobbiamo esplorare i segnali dall'Iran”
  Emma Bonino: “Tradire la Costituzione porta sempre male”
  Monica Lanfranco. Forse le femministe sono invisibili?
  Emma Bonino. Una riscossa democratica e civile
  Daniela Preziosi. Bonino scalda il partito: non vi libererete di me
  Emma Bonino. La nostra battaglia è solo all'inizio di un'esperienza politica nuova
  Silvia Fumarola, Orazio La Rocca. No all'orazione della Bonino in chiesa
  Enea Sansi. +Europa: Emma Bonino centro del ‘nuovo’ Partito democratico
  Emma Bonino: “Voglio essere speranza ma non vendiamo illusioni”
  Legalità! legalità! legalità! Io sto con Emma
  Lidia Menapace. Emma Bonino
  “Ora una donna al Quirinale: Emma Bonino"
  Valter Vecellio. La situazione...
  Lo ius soli “tempe­ra­to” e “gli schiaffoni in Aula”, la tortura che diventa finalmente reato
  Carlo Lania. “Sull’immigrazione l’Europa ha fallito”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy