Giovedì , 09 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Raúl Castro: “Il futuro è nel privato! Ma siamo ancora socialisti...”
21 Dicembre 2010
 

Raúl Castro ha affermato nel corso di duro e critico discorso tenuto davanti all'Assemblea nazionale che il paese e i suoi dirigenti devono rettificare gli errori commessi. Se questo non accadrà, sarà stato vano lo sforzo di intere generazioni e la Rivoluzione ne uscirà fuori a pezzi.

«Se non rettifichiamo gli errori in tempo, sprofonderemo in un baratro e sarà stato tutto inutile. Sarà la fine...», ha riferito ai parlamentari in termini drammatici.

Il discorso di Raúl è durato oltre due ore - un tempo insolitamente lungo per un Capo di Sato che al contrario del fratello non è certo un oratore - e ha preso in esame numerosi errori commessi in passato. Prima di tutto ha criticato le cattive interpretazioni del socialismo e ha detto che, in vista del processo di riforme che interesserà l'isola, bisogna pretendere un maggior impegno dai dirigenti.

«Il segreto e le menzogne non devono più avere cittadinanza tra i quadri dirigenti del paese. Chi mente deve essere allontanato dall'incarico che occupa e deve essere espulso dal Partito Comunista. Le misure previste dal Governo non restare lettera morta, perché continuare a ripetere gli stesi errori pone a rischio l'esistenza stessa della Rivoluzione», ha aggiunto.

Raúl ha citato in varie occasioni il fratello Fidel per dire che alcune sue istruzioni in materia economica non sono state seguite come avrebbero dovuto. Secondo il Presidente cubano è mancata la coesione, l'organizzazione e il coordinamento tra il Partito e il Governo.

«Il Partito deve dirigere e controllare, non interferire nelle attività del Governo», ha affermato.

In merito alle riforme si è detto fiducioso che il piano previsto possa servire a migliorare la situazione economica del paese. «Non sono stato eletto Presidente per restaurare il capitalismo a Cuba, né per estinguere la Rivoluzione, ma per continuare a perfezionare il socialismo», ha spiegato.

Castro ritiene che uno dei mali principali del sistema sia sempre stato l'egualitarismo. La prima cosa da fare è «ampliare il settore privato», una misura irreversibile, come non può attendere oltre un deciso cambiamento di mentalità.

«I passi che stiamo facendo sono nel senso di un maggior aumento del lavoro privato e su questa strada non torneremo indietro come in passato», ha concluso.

Raúl spera che il settore privato possa assorbire 500.000 impiegati statali, che saranno licenziati dal lavoro nei prossimi mesi per ridurre i costi a carico dello Stato, e soprattutto confida nelle imposte che i nuovi lavoratori privati verseranno nella casse dell'erario. Il problema principale e la tipologia di lavori privati ammessi dal decreto: ristoranti, settore turistico, affitto di camere e appartamenti sono i settori più ambiti, ma mestieri come massaggiatori, lustrascarpe e pagliacci per festività non sembrano il massimo per risolvere i problemi di un'economia allo sbando.

 

Gordiano Lupi


Foto allegate

Raul Castro:
Articoli correlati

  Gorki Águila. “El general”. Arrestato mentre la registrava
  Lula paragona i dissidenti cubani ai delinquenti comuni brasiliani
  Cuba. Meno detenuti politici, ma situazione diritti non migliora
  Cuba, 26 luglio. Raúl Castro non parla
  Aspettando il 26 luglio. Parlerà Fidel o Raúl?
  Gordiano Lupi. Le innovazioni del sistema cubano
  Breve analisi economico-politica del 2009 di Raúl Castro
  Yoani Sánchez. Mi dimeno nell’Olimpo
  Garrincha. Il cambiamento di Raúl
  Cuba. Liberato Lázaro González Adán, in carcere dal 2004
  Raúl Castro apre al lavoro privato ma non parla di libertà
  Raúl Castro convoca per aprile 2011 il 6° Congresso del PCC
  A. Torreguitart. Speedy Gonzales e il socialismo realista
  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  A Cuba reimpasto nel governo
  Yoani Sánchez. Il sermone di José Conrado nella chiesa di legno
  Yoani Sánchez. Che cosa fa un presidente?
  Iniezioni di libero mercato e campi da golf per l'economia cubana
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez. Cuba. Il numero 1.5
  Domenico Vecchioni. “Raúl Castro”
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Valter Vecellio. La situazione. Cuba, come prima, peggio di prima
  Yoani Sánchez. Il peccato originale
  Yoani Sánchez. Assenza di colori
  Reinaldo Escobar. Te l’avevo detto
  Cuba. Stato sociale, forse cade un tabù
  Omar Santana e la situazione cubana
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
  Raúl Castro riapre il settore dei trasporti ai privati
  Yoani Sánchez. La presenza di Fidel unica sorpresa del Congresso
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy