Martedì , 13 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Il blog di Alejandro
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A. Torreguitart. Speedy Gonzales e il socialismo realista
13 Luglio 2008
 

Alejandro, c’è Raúl in televisione! – fa mamma dalla cucina.

Hai detto la notizia, mamma. Speravo ci fosse Shakira…

Non fare lo spiritoso, sono cose importanti – aggiunge mio padre.

Niente è più importante di un culo, penso. Ma non lo dico. I vecchi non approverebbero. Maledetta ipocrisia. E andiamoci a sentire Speedy Gonzales che parla, allora. Non sapevo fosse capace. Si sarà fatto scrivere il discorso dal fratello. La televisione a canali unificati riprende la seduta del Parlamento, c’è la sedia vuota di Fidel, ma soprattutto c’è Raúl che fa il presidente, novità mica da poco.

Socialismo vuol dire giustizia sociale e uguaglianza, ma uguaglianza di diritti e opportunità, non di stipendi – dice.

Bravo Raúl, che per ora le opportunità non le ha viste nessuno, la giustizia sociale non si sa neppure cosa sia e gli stipendi sono una presa per il culo. Bravo davvero. Fidel ti ha insegnato molto, a quanto pare.

Uguaglianza non vuol dire egualitarismo, che è una forma di sfruttamento: quella del buon lavoratore rispetto a chi non lo è, o peggio ancora, dei pigri.

Raúl sul trono del fratello mi fa un po’ ridere con quella vocina stridula e gli occhietti da cinese, con i baffetti da Speedy Gonzales e le manine che si muovono rapide. Parla di seconda rivoluzione, di cambiamento epocale, di fine dell’egualitarismo, di socialismo realista. Forse Raúl non lo sa ma noi lo viviamo da sempre così questa specie di socialismo, ché se non fossimo realisti col cazzo si sbarcherebbe il lunario. Andiamo avanti con le novità di Speedy Gonzales, allora. Telefonini, personal computer, trasporti privati, alberghi per tutti… roba grossa. Con i 500 pesos che rimedio in fondo al mese, tra un affare e l’altro, quasi tutti illeciti, riempio la casa di telefonini, se mi resta denaro compro un computer e prenoto le ferie a Varadero. Se arrivano i diritti del libro a fine anno, ci faccio persino un viaggio a Baracoa a bordo di uno Yutong nuovo di zecca. Non bastavano queste cose straordinarie, adesso si parla pure di riforma agraria. Ma non l’avevate già fatta un po’ di tempo fa con Fidel, Camilo e Che Guevara? Pare di no. I cubani sono scappati dai campi, non ne potevano più, morivano di fame, sono venuti tutti all’Avana a caccia di speranze. Nessuno coltiva più la terra, mollano tutto per la fuga verso la capitale, tirano su un llega y pon e via, qualche santo aiuterà, la città è sempre la città, qualcosa da fare si trova. Raúl s’è accorto che la gente scappa, incentiva il ritorno alla terra e assegna terreni incolti in usufrutto ai privati. Basta che producano, dice.

Ho chiesto a Fidel di leggere il mio discorso e lui è totalmente d’accordo –, dice Speedy Gonzales.

Non ci sono divergenze. Siamo tutti realisti.

Si andrà in pensione cinque anni più tardi, per il governo è un bel risparmio, con quello che paga le pensioni, mio zio Paco ha lavorato trent’anni in una manifattura di sigari e adesso prende 100 pesos.

Gli stipendi dipenderanno dalla produttività, ché a Cuba si lavora poco, si lavora sempre meno, vorrei vedere se vi pagassero 100 pesos quanto lavorereste. Raúl taglierà pure i sussidi eccessivi, non so cosa siano, non so di cosa stia parlando, qui di eccessive ci sono soltanto le stronzate che ho sentito. E poi metteranno su un adeguato sistema di tasse e contributi, per sostenere i servizi gratuiti come Sanità e Istruzione. Se mi fanno pagare pure le tasse sto a posto, speriamo arrivino presto i soldi dall’Italia. E alla fine il discorso di sempre, stile tirate la cinghia, lui non lo sa che i buchi sono finiti, la cinghia è consumata, tra poco si rompe.

Dobbiamo resistere alla difficile crisi internazionale che avrà effetti sull’economia cubana, soprattutto su prodotti e servizi.

Niente di nuovo sotto il sole. Il socialismo reale diventa realista. E io prima o dopo deciderò di scappare. Per adesso no. Per adesso riesco a sopravvivere. Se non è realismo questo…

 

Alejandro Torreguitart Ruiz

L’Avana, 12 luglio 2008

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  A Cuba reimpasto nel governo
  Raúl Castro apre al lavoro privato ma non parla di libertà
  Omar Santana e la situazione cubana
  Cuba. Liberato Lázaro González Adán, in carcere dal 2004
  Aspettando il 26 luglio. Parlerà Fidel o Raúl?
  Yoani Sánchez. Cuba. Il numero 1.5
  Breve analisi economico-politica del 2009 di Raúl Castro
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
  Yoani Sánchez. Mi dimeno nell’Olimpo
  Garrincha. Il cambiamento di Raúl
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Yoani Sánchez. Il sermone di José Conrado nella chiesa di legno
  Yoani Sánchez. Il peccato originale
  Iniezioni di libero mercato e campi da golf per l'economia cubana
  Raúl Castro riapre il settore dei trasporti ai privati
  Cuba. Stato sociale, forse cade un tabù
  Gordiano Lupi. Le innovazioni del sistema cubano
  Raúl Castro: “Il futuro è nel privato! Ma siamo ancora socialisti...”
  Reinaldo Escobar. Te l’avevo detto
  Yoani Sánchez. Assenza di colori
  Yoani Sánchez. La presenza di Fidel unica sorpresa del Congresso
  Domenico Vecchioni. “Raúl Castro”
  Yoani Sánchez. Che cosa fa un presidente?
  Cuba. Meno detenuti politici, ma situazione diritti non migliora
  Valter Vecellio. La situazione. Cuba, come prima, peggio di prima
  Lula paragona i dissidenti cubani ai delinquenti comuni brasiliani
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Cuba, 26 luglio. Raúl Castro non parla
  Gorki Águila. “El general”. Arrestato mentre la registrava
  Raúl Castro convoca per aprile 2011 il 6° Congresso del PCC
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.8%
NO
 26.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy