Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Se il Vaticano vuole aiutare il paese autoriduca prebende e finanziamenti 
I possibili terreni per una riscossa democratica. A partire da una riflessione di Salvati
03 Aprile 2009
 

Michele Salvati (foto), in un articolo pubblicato sul Corriere della Sera del 25 marzo (“Ritorno a sinistra”), conclude il suo articolato ragionamento sulla crisi dei “liberal” e le prospettive dei riformatori (a dire il vero Salvati parla di “sinistra riformista”), sostenendo che «se vuole tornare a vincere, è probabile che il centrosinistra, se è all’opposizione, deve sfruttare in questa fase gli errori e l’impopolarità dei governi o argomenti locali, diversi da Paese a Paese. Una strategia unificante, com’è stata quella della Terza Via di Tony Blair e Tony Giddens alla fine degli anni Novanta, sembra in un momento sembra fuori dalla sua portata».

 

Per quel che riguarda gli errori (non l’impopolarità) l’opposizione in Italia ha solo l’imbarazzo della scelta: ogni giorno ce ne sono in quantità industriale, l’incredibilità della situazione è data da due elementi: che ci sia un presidente del Consiglio ed un esecutivo che riesca a commetterne di gravissimi ogni giorno, da una parte; dall’altra un’opposizione che non sa e non riesce sfruttarli, e anzi spesso gioca a favore dell’avversario. Per quel che riguarda gli “argomenti locali”, anche qui si nutre un certo pessimismo: nelle regioni del nord del paese è più che probabile che la Lega di Umberto Bossi mieta ulteriori successi. Un fenomeno che meriterebbe analisi più accurate di quanto finora sia accaduto di leggerne: il personale politico della Lega sembra essere uno strano mix: da una parte protagonista di un’azione demagogica e populista che fa esplicitamente leva sulla pancia degli elettori, e gli istinti peggiori dei cittadini. Al tempo stesso sarebbe opportuno che un centro studi o un istituto di ricerche realizzasse inchieste sul modo di amministrare la cosa pubblica nei comuni e negli enti locali gestiti dalla Lega. Se ne ricaverebbero – è un’impressione a pelle – delle sorprese. Evidentemente si può essere demagoghi, populisti e insieme buoni amministratori. E questo senza che vada in conflitto con una politica di “occupazione” esplicita (e rivendicata) di ogni postazione occupabile. Un metodico, programmatico assalto alla diligenza con piena soddisfazione dei passeggeri, insomma.

Se a questo dato si somma la pessima prova data dagli amministratori del centro-sinistra nelle regioni meridionali, il quadro è completo; e il PD su questo fronte ha poco o nulla da sperare. Pagherà in modo drammatico le scelte e le non scelte in Campania, in Calabria, in Basilicata. È indicativa, al riguardo, la lettera degli oltre mille amministratori e dirigenti locali della Basilicata che annunciano di abbandonare il PD; si aggiunga la spregiudicata, populista campagna di Antonio Di Pietro, cui uno dei giornali del PD, l’Unità, continua a dare masochisticamente spazio, se ne ricava abbastanza per poter fare la facile e semplice profezia: andrà male.

 

E dire che esiste un terreno su cui il fronte progressista potrebbe agevolmente risultare vincente, solo che lo volesse. Due sondaggi di queste ore forniscono dati inequivocabili. Tenato Mannheimer sul Corriere della Sera osserva che in materia di Bio-testamento tre italiani su quattro auspicano la possibilità di richiedere liberamente l’interruzione delle cure qualora ci si trovasse in una situazione di coma irreversibile: «Questa opinione risulta più diffusa tra chi si dichiara laico, ma coinvolge anche il 55 per cento – vale a dire la maggioranza assoluta – di chi si professa credente e frequenta regolarmente le funzioni religiose».

Anche sulla questione più spinosa, la possibilità di interrompere la nutrizione l’idratazione nel caso di coma irreversibile, il 68 per cento auspica di poter decidere liberamente in merito al testamento biologico: «Ancora una volta questo desiderio è espresso anche dalla gran parte dei cattolici praticanti: tra costoro il 47 per cento è favorevole, il 24 per cento contrario, ben il 29 per cento dichiara di non riuscire a formarsi un’opinione precisa al riguardo». Come sia, nell’insieme, «emerge come il 68 per cento degli italiani auspichi una piena libertà di scelta, comprese la nutrizione e l’idratazione, nel testamento biologico».

 

L’altro sondaggio significativo (sarà per questo che è scivolato via tra l’apparente indifferenza di tanti e la certa irritazione di qualcuno?), è quello curato dal professor Ilvo Diamanti per Repubblica: «Bio-testamento e preservativo: gli italiani bocciano il papa». Anche qui, risultati in equivoci: l’80 per cento dei cittadini dice sì al testamento biologico e alla fecondazione assistita. Sull’utilizzo e l’utilità dei preservativi solo 2 italiani su 10 sono d’accordo con Ratzinger. Insomma, se ne ricava: più Pannella, Bonino, radicali, meno Binetti, Roccella, Quagliariello teo-dem, curia vaticana. Insomma, l’opposto di quanto accade. Una riflessione di Salvati su questo sarebbe probabilmente utile e preziosa e certamente benvenuta.

 

Per inciso: qualcuno consigli Sandro Bondi di dedicare più tempo alle sue liriche, e di non avventurarsi su terreni per lui accidentati, come compiti e prerogative della Corte Costituzionale. E ancora: possibile che nessuno abbia osservato che la CEI invece di istituire fondi con cifre risibili di assistenza a bisognosi, meglio avrebbe fatto ad annunciare anche una riduzione del 10, del 5, dell’1 per cento di quel fiume di denaro che il Vaticano e tutte le articolazioni ecclesiastiche incassa dallo Stato, dalle regioni, dalle province?

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 2 aprile 2009)


Articoli correlati

  Giornata nazionale sugli stati vegetativi: Governo di cattivo gusto e strumentale!
  Testamento biologico. Discussione e votazioni al Senato
  Testamento biologico. Anche senza legge è possibile farlo
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Osmetti e Cappato. Abbiamo fatto un passo avanti verso il testamento biologico a Sondrio!
  M. A. Farina Coscioni. Berlusconi sbaglia: per Eluana non c'è stata alcuna interferenza dei magistrati
  Testamento biologico. Cronaca di una settimana parlamentare
  Valter Vecellio. Biotestamento: “Famiglia Cristiana” settimanale radicale?
  Valter Vecellio. La situazione: il presidente della CEI detta le condizioni del Vaticano
  Luca Kocci. Sul fine-vita non si fiata
  Valter Vecellio.Testamento biologico: il baratto scellerato tra governo e Vaticano è chiaro, evidente a tutti
  Noi Siamo Chiesa. Lettera aperta alle associazioni dell’area cattolico-democratica
  «Lascio il mio testamento agli atti. Perché questa legge è mostruosa»
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Tutti a Roma in Piazza Farnese, oggi ore 15
  Comunità Isolotto. “Liberi di decidere”
  Marco Cappato. Caso Binetti
  Diritto alla vita e vita dello Stato di diritto
  Testamento biologico. Uno spaccato storico, politico, culturale e scientifico
  Testamento biologico. L'Aduc aderisce all'iniziativa “Senatore per due ore” con 200 emendamenti
  “Una legge clericale”. Noi Siamo Chiesa sul testamento biologico
  Milano. Approvato il registro del biotestamento
  Registro del testamento biologico a Morbegno
  Testamento biologico: Anche a Sondrio si può
  Englaro. Finalmente si pone fine a trattamento indegno. Subito legge sul testamento biologico
  Testamento biologico/Eutanasia. Presentato disegno di legge
  Testamento biologico. Non parte la discussione, segnale positivo!
  Testamento biologico: dell’eutanasia si può parlare solo per vietarla!
  Sondrio. La maggioranza dei Consiglieri a favore del testamento biologico
  Associazione Coscioni. “Il Testamento biologico nel tuo Comune”
  Testamento biologico. Discussione Senato. Appello alla ragionevolezza: evitiamo una legge ideologica
  Anniversario di Eluana Englaro: presidio a Milano, martedì 9 febbraio
  Valter Vecellio. La situazione: il TAR sul testamento biologico
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Diritti: “Il parlamento si riscatti con la legalizzazione dell'eutanasia”
  Elisa Merlo. La libertà della Barbie
  Testamento biologico: accordo sui principi o spartizione dei principi?
  Testamento biologico-Vaticano. Quale elemento di novità?
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Biotestamento: otto convinti e decisi NO
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  Testamento biologico. La fretta della maggioranza di portare a casa una legge promessa al Vaticano
  La morte di mia madre. E quella di Seneca
  Ora si firma su cannabis terapeutica e testamento biologico in Lombardia
  Comunità cristiane di base. Sulla proposta di legge sul testamento biologico all'esame del Parlamento
  “Ecumenici”. Cultura teologica e presenza pastorale femminile
  “Il testamento biologico: problemi aperti e prospettive”
  Mario Staderini, Marco Cappato. Biotestamento: ora grande manifestazione per bloccare dl Calabrò
  M.A. Farina Coscioni. Sia coerente il sottosegretario Roccella, e proponga la modifica della Costituzione
  Valter Vecellio. Englaro e Pannella. Scandalo fasullo e scandalo vero
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Biotestamento, il Pd cosa fa?
  Miriam Della Croce. Bagnasco si contraddice
  Testamento biologico: una legge mostruosa che occuperà le aule dei tribunali
  Testamento biologico. La volontà del paziente deve valere anche per l'idratazione e l'alimentazione
  Comunità dell'Isolotto. Testamento biologico e amore per la vita
  Vittorio Bellavite / Enzo Marzo. Sul paragrafo 2278 del Catechismo
  Alessandra Pioggia. I registri comunali delle dichiarazioni anticipate di trattamento
  Francesco Pullia. Accanimento terapeutico. Nella Chiesa non c’è un pensiero unico
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  Associazione Coscioni: oggi Consiglio generale con Bonino e Marino
  Ass. Coscioni. Biotestamento: grande folla ieri in Piazza ma in Senato lo terranno presente?
  Renato Pierri. La vasta cultura del Papa
  Gaetano Barbella: Tamar due donne in una. Commento a Renato Pierri sul preservativo
  Renato Pierri. Lo strano Signore dell'Antico Testamento
  La posizione di Benedetto XVI sulla contraccezione è ben poco recepita nella Chiesa ed incrina l’autorità del papato
  Renato Pierri. Del magistero del preservativo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy