Mercoledì , 19 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Antonietta Farina Coscioni. Biotestamento, il Pd cosa fa?
27 Aprile 2011
 

Un giorno è la sottosegretaria Eugenia Roccella che “vive” la questione come una missione. Il giorno dopo è il ministro del lavoro Maurizio Sacconi, che sembra interessarsi solo di questo (sommessamente ricordo: nel 2010, secondo i dati Inail ancora provvisori, si sono registrati 780mila infortuni sul lavoro, 950 morti “bianche”; dall'inizio dell'anno oltre 100 morti, più di uno al giorno, domeniche e feste comprese. Alle numerose interrogazioni presentate, nessuna risposta). Quando i primi due non intervengono, allora è la volta di Gaetano Quagliariello o di Maurizio Gasparri: il leitmotiv è sempre lo stesso: la legge sul biotestamento va urgentemente approvata così come è formulata nel ddl Calabro; e guai a obiettare, a dissentire.

Dice la sottosegretaria che «è all'eutanasia che si vuole arrivare, e il progetto politico è quello di arrivarci tramite le sentenze», che si vorrebbe arrivare sostanzialmente a derubricare il reato di omicidio del consenziente inserendo un elemento di caritatevolezza e rovesciando il criterio della solidarietà tra gli uomini.

Ora sarebbe facile obiettare che qualsiasi membro del governo e della maggioranza siano i meno indicati a parlare di carità, misericordia e solidarietà: i malati di Sia e di altre gravi malattie sono letteralmente abbandonati a loro stessi, non c'è alcuna solidarietà o appoggio alle famiglie, non si riesce neppure ad aggiornare i Lea e il nomenclatore tariffario. La maggioranza vuole imporre al paese una legge retrograda e incivile sul fine vita che non ha pari e riscontro con le legislazioni di altri paesi; e si arriva all'impudenza di mettere sul banco degli accusati chi a questa legge si oppone, obietta che è un testo anticostituzionale fatalmente destinato a fare la stessa fine della legge 40; e tra gli argomenti che vengono agitati dalla maggioranza per difendere quello che è indifendibile si arriva all'impudenza di affermare che si vorrebbe introdurre l'eutanasia attraverso le sentenze dei giudici. Simili affermazioni si giustificano e si spiegano solo con la scarsità di argomenti. Ai sedicenti difensori della vita (e che più propriamente sono sostenitori e alfieri della sofferenza sempre e comunque, anche quando è inutile) rispondo che si vuole quello che già è garantito per esempio in Germania, dove esistono le cosiddette “Disposizioni del paziente cristiano” elaborate dalla Conferenza episcopale tedesca, dal Consiglio della chiesa evangelica tedesca e dalla Comunità delle chiese cristiane in Germania già dal 1999. Queste disposizioni prevedono per il testatore cristiano di richiedere «quando ogni terapia prolungherebbe soltanto il processo del mio morire» il non inizio o l'interruzione di trattamenti salvavita «come la nutrizione artificiale, la respirazione assistita, la dialisi o l'impiego per esempio di antibiotici».

Oggi le disposizioni sono state aggiornate dopo l'approvazione delle Dat e includono la tutela degli interessi legittimi del paziente diventato “incapace”. Ebbene, il ddl Calabrò non solo non rispetta la volontà - espressa dal cittadino - ma va in direzione esattamente opposta: la volontà della persona non è tenuta in alcun conto, e si prevede che alimentazione e idratazione non possono essere oggetto di dichiarazione anticipata di trattamento. Non solo: il comma 5 dell'articolo 3 prevede che «l'alimentazione e idratazione nelle diverse forme in cui la scienza e la tecnica possono fornirle al paziente, devono-essere mantenute fino al termine della vita». È proprio questo l'elemento che permette il prolungamento indefinito del coma anche contro la volontà di una persona che non può rifiutare!

Per difendere una posizione indifendibile, si fa ricorso ad affermazioni che nulla hanno di scientifico e anzi ne sono la negazione. Anche uno studente di medicina alle prime armi, infatti, sa che alimentazione e idratazione artificiale sono atti medici veri e propri che richiedono un'elevatissima competenza. Ci vuole una incredibile dose di malafede e faccia tosta per far credere che si tratti di qualcosa come una bottiglia di acqua minerale che si nega o si concede. Posizionare una cannula nutrizionale nello stomaco è un atto difficile, fare una gastrostomia endoscopica percutanea (peg) è un atto difficile, che solo chirurghi, medici anestesisti e rianimatori addestrati sono in grado di compiere. Allo stesso modo inserire un sondino nasogastrico e superare correttamente il tratto gola-esofago-stomaco è altrettanto difficile e anche pericoloso: richiede lo stesso un grado di specializzazione particolare: la sonda può introdursi in trachea anziché nell'esofago con conseguenze disastrose. Inoltre, nel successivo trattamento nutrizionale, la definizione degli elettroliti, delle proteine, dei glucidi, somministrati come composto chimico non può che essere seguito da medici nutrizionisti. Questo per dire che, a proposito di alimentazione forzata, se una persona, in perfetta lucidità di pensiero, non desidera più alimentarsi, questa sua volontà va rispettata, come sostiene il codice di deontologia medica. Per questo sostengo che questa legge è contro il testamento biologico e, quindi, inutile. Chi compilerà le direttive anticipate se sa già che non verranno rispettate? Nessuno. Meglio allora nessuna legge. Ogni legge deve soddisfare le aspettative dei cittadini o tutelare i loro diritti. Il ddl Calabrò, al contrario, non soddisfa alcuna aspettativa, in particolare non tutela il diritto del rifiuto alle cure, una delle maggiori conquiste civili e democratiche. I principi del consenso informato dei trattamenti e dell'autodeterminazione sono i capisaldi di una concezione liberale di uno stato, che questa maggioranza di fatto si accinge a calpestare. Sono d'accordo con quanto scrisse Giorgio Cosmacini dell'università Vita-salute di Milano: «Se è antiumano porre limitazioni alla persona del malato, limitarne la personalità è anticostituzionale e-antidemocratico.

Una legge limitativa, restrittiva, che conculca la validità di un testamento liberamente sottoscritto da persona dotata di piena capacità in vista di una futura incapacità, oltre a contraddire molti valori, ignora il dibattito scientifico, disattende l'appello degli addetti alle cure, non ascolta le sofferenze dei familiari, sposa una incultura che ha la presunzione di possedere il monopolio dei principi etici e religiosi».

Al senato il Pd ha sostenuto che il ddl Calabrò è anticostituzionale. Potrà non sostenerlo alla camera? E vorrà lottare contro questo ddl e far valere le sue ragioni almeno quanto ha fatto sulla “prescrizione breve"? Spero di sì. Noi deputati radicali lotteremo per quanto ci sarà possibile.

 

Maria Antonietta Farina Coscioni

(da Europa, 26 aprile 2011)


Articoli correlati

  Ferrara. Maria Antonietta Farina Coscioni: Matti in Libertà
  Maria Antonietta Farina Coscioni. «Per ogni nuova legge, abroghiamone 10!»
  Maria Antonietta Farina Coscioni sulla “Giornata delle malattie rare”
  “Fermare i farisei e i sacerdoti di ogni fanatismo”
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Testamento biologico: 24 ore in Parlamento
  Presentazione del libro “Matti in libertà”
  M. Antonietta Farina Coscioni. Vieni via con me: pretestuosa la richiesta di parcondicio dell'Udc
  Valter Vecellio. Le gocce che scavano le pietre
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Auguri informali al neoministro della Salute Balduzzi
  Assegno invalidità. Bene abrogazione innalzamento percentuale
  SLA. Prosegue il digiuno di lotta e dialogo di Maria Antonietta Farina Coscioni
  Online il numero di agosto di Agenda Coscioni
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Tutti a Roma in Piazza Farnese, oggi ore 15
  Comunità Isolotto. “Liberi di decidere”
  Testamento biologico. Uno spaccato storico, politico, culturale e scientifico
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  M. A. Farina Coscioni. Berlusconi sbaglia: per Eluana non c'è stata alcuna interferenza dei magistrati
  Testamento biologico. Non parte la discussione, segnale positivo!
  Valter Vecellio. Biotestamento: “Famiglia Cristiana” settimanale radicale?
  Valter Vecellio. La situazione: il presidente della CEI detta le condizioni del Vaticano
  Testamento biologico: una legge mostruosa che occuperà le aule dei tribunali
  «Lascio il mio testamento agli atti. Perché questa legge è mostruosa»
  Englaro. Finalmente si pone fine a trattamento indegno. Subito legge sul testamento biologico
  Testamento biologico. La fretta della maggioranza di portare a casa una legge promessa al Vaticano
  Giornata nazionale sugli stati vegetativi: Governo di cattivo gusto e strumentale!
  Miriam Della Croce. Bagnasco si contraddice
  Marco Cappato. Caso Binetti
  “Ecumenici”. Cultura teologica e presenza pastorale femminile
  Noi Siamo Chiesa. Lettera aperta alle associazioni dell’area cattolico-democratica
  Testamento biologico. L'Aduc aderisce all'iniziativa “Senatore per due ore” con 200 emendamenti
  Testamento biologico. Cronaca di una settimana parlamentare
  La morte di mia madre. E quella di Seneca
  Testamento biologico/Eutanasia. Presentato disegno di legge
  Diritto alla vita e vita dello Stato di diritto
  Valter Vecellio. Se il Vaticano vuole aiutare il paese autoriduca prebende e finanziamenti
  Testamento biologico. Discussione e votazioni al Senato
  Ora si firma su cannabis terapeutica e testamento biologico in Lombardia
  Alessandra Pioggia. I registri comunali delle dichiarazioni anticipate di trattamento
  Anniversario di Eluana Englaro: presidio a Milano, martedì 9 febbraio
  Testamento biologico: Anche a Sondrio si può
  M.A. Farina Coscioni. Sia coerente il sottosegretario Roccella, e proponga la modifica della Costituzione
  Sondrio. La maggioranza dei Consiglieri a favore del testamento biologico
  Milano. Approvato il registro del biotestamento
  Valter Vecellio.Testamento biologico: il baratto scellerato tra governo e Vaticano è chiaro, evidente a tutti
  Associazione Coscioni. “Il Testamento biologico nel tuo Comune”
  Testamento biologico. Discussione Senato. Appello alla ragionevolezza: evitiamo una legge ideologica
  Luca Kocci. Sul fine-vita non si fiata
  Vittorio Bellavite / Enzo Marzo. Sul paragrafo 2278 del Catechismo
  Valter Vecellio. La situazione: il TAR sul testamento biologico
  Testamento biologico: accordo sui principi o spartizione dei principi?
  Diritti: “Il parlamento si riscatti con la legalizzazione dell'eutanasia”
  Mario Staderini, Marco Cappato. Biotestamento: ora grande manifestazione per bloccare dl Calabrò
  Comunità cristiane di base. Sulla proposta di legge sul testamento biologico all'esame del Parlamento
  Testamento biologico-Vaticano. Quale elemento di novità?
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Biotestamento: otto convinti e decisi NO
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Ass. Coscioni. Biotestamento: grande folla ieri in Piazza ma in Senato lo terranno presente?
  Valter Vecellio. Englaro e Pannella. Scandalo fasullo e scandalo vero
  Testamento biologico. Anche senza legge è possibile farlo
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  “Una legge clericale”. Noi Siamo Chiesa sul testamento biologico
  Testamento biologico. La volontà del paziente deve valere anche per l'idratazione e l'alimentazione
  Osmetti e Cappato. Abbiamo fatto un passo avanti verso il testamento biologico a Sondrio!
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Elisa Merlo. La libertà della Barbie
  Comunità dell'Isolotto. Testamento biologico e amore per la vita
  Registro del testamento biologico a Morbegno
  Testamento biologico: dell’eutanasia si può parlare solo per vietarla!
  Francesco Pullia. Accanimento terapeutico. Nella Chiesa non c’è un pensiero unico
  Associazione Coscioni: oggi Consiglio generale con Bonino e Marino
  “Il testamento biologico: problemi aperti e prospettive”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy