Lunedì , 29 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ferrovie. Le Fs si scusano con passeggeri e pendolari. Quando arrivano i soldi?
04 Aprile 2009
 

Il presidente di Fs, Innocenzo Cipolletta (foto), in un incontro oggi 4 aprile a Cernobbio, dove ha presentato uno studio su liberalizzazione e competizione delle ferrovie, ha fatto presente che il servizio ferroviario «non è adeguato» alle esigenze «di passeggeri e pendolari, coi quali ci scusiamo». «La nostra nuova frontiera non è l'alta velocità, che è come l'autostrada e serve a decongestionare le linee minori, ma è una grande stagione di alleanze pluriennali fra ferrovie, passeggeri e regioni per avere contratti lunghi, di almeno sei anni, che diano la sicurezza di un servizio anticipato in termini di qualità».

Siccome il presidente Cipolletta non sta parlando con degli amici a casa sua o al ristorante, ma come massimo responsabile del servizio pubblico monopolista di trasporto su strada ferrata, il rapporto coi propri utenti/sudditi non può espletarlo con queste gentilezze del comportamento umano... che fanno piacere ché mostrano cortesia, ma che non sono sufficienti. In economia le scuse hanno bisogno di gambe, cioè soldi. E siccome attualmente sono ridicoli e limitati i rimborsi che vengono dati a fronte di un disservizio, non riguardando quasi mai il trasporto pendolare regionale (il più penalizzato dall'incapacità gestionale delle Fs), occorre che Cipolletta, se vuole essere credibile, ci dica anche quanti soldi e come ha intenzione di restituirli alle vittime per i danni che l'azienda statale provoca ogni giorno. Se non sarà così, le frasi di Cipolletta sono solo circostanza e inganno, verso gli utenti/sudditi e verso quelle regioni che sono costrette, in assenza di mercato, a usufruire del loro servizio.

Infine invitiamo Cipolletta a mettersi d'accordo col proprio amministratore delegato, Mauro Moretti, che a differenza di quanto lui dice, pare aver puntato tutto su l'alta velocità: anche un po' taroccata come l'operazione “Freccia Rossa” che, rispetto ai vecchi Eurostar, di diverso ha solo il colore dei vagoni, perché alcune percorrenze sono anche con tempi maggiori rispetto al precedente servizio Eurostar sulle medesime linee.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy