Martedì , 19 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio: Giovanardi, Moratti, Formigoni. La peste italiana
04 Maggio 2011
 

Albert Camus, in uno dei suoi libri più belli e significativi, La Peste, racconta che il protagonista, un dottore che vive a Orano, uscendo di casa si imbatte nel cadavere di un topo; e altri poi ne incontra sulla sua strada. Topi che dovrebbero e potrebbero essere il segnale di quello che accade, anche se ancora nessuno se ne rende conto.

Noi di segnali – o se preferite, di topi – cominciamo a vederne tanti, troppi. Prese singolarmente possiamo anche liquidarle come manifestazioni di stravaganza, iniziative per procurarsi pubblicità. Se li mettiamo però in fila, ecco che diventano il sintomo di una intolleranza, di una violenza, di una prepotenza prevaricatrice che monta e cresce.

C’è per esempio il ministro Carlo Giovanardi che si scaglia contro l’Ikea, colpevole di aver pubblicizzato i suoi prodotti con un manifesti dove si vede una coppia costituita da due uomini. È vero che vedi Giovanardi e ti viene da pensare che forse Lombroso non aveva poi tutti i torti; è a capo di quel dicastero che ha realizzato un terrificante spot antidroga che appena lo vedevi andavi subito a cercare il primo spacciatore di roba pesante; ed è quello, conviene non dimenticarlo, che in occasione del referendum sulla legge 40, ha patrocinato manifesti dove si equiparavano i nazisti con i radicali. L’altro giorno Giovanardi ne ha pensata un’altra: “Un bacio pubblico tra due uomini a me infastidisce. Un episodio ostentato di questo genere in un luogo pubblico dà fastidio: questo tipo di effusioni, se ad esempio due vogliono darsi un lungo bacio in bocca, se lo diano a casa loro, evitino di farlo davanti a persone terze. Se io vedo un nudista o una nudista su una spiaggia deserta in Sardegna non mi fa nessun effetto, mentre se li vedo in spiaggia a Riccione in mezzo ai bambini e le famiglie mi provoca un fastidio immenso”. Possiamo liquidarle come affermazioni che dimostrano come la parola può essere più veloce del pensiero. Ma ecco il secondo topo, pardon: un secondo sintomo.

Il sindaco uscente di Milano – speriamo definitivamente uscente – Letizia Moratti, fa sapere di aver incaricato gli uffici comunali competenti di verificare se vi siano i presupposti per la rimozione dei manifesti dell’associazione Luca Coscioni di Corso Buenos Aires che tanto sconcerto stanno creando in queste ore nella popolazione di Milano. Si tratta del manifesto che chiede che ci sia concesso di decidere se una vita è degna di essere vissuta, e di porre fine a inutili sofferenze quando queste sono ritenute insopportabili e soprattutto quando, a giudizio dell’interessato, è meglio farla finita. “Sono convinta”, dice Moratti, “che il messaggio e l’immagine utilizzati per questa campagna pubblicitaria siano contrari alla sensibilità della maggioranza dei milanesi, siano essi credenti o meno”. E aggiunge: “Le ferite provocate nel nostro paese da vicende come quelle di Eluana Englaro e di Piergiorgio Welby sono ancora aperte e messaggi come quello dell’associazione radicale Luca Coscioni non fanno altro che acuirle e renderle sempre più difficilmente rimarginabili. È chiaro che i radicali e la coalizione di centrosinistra che sostiene Pisapia hanno una concezione di vita, di società e di famiglia diametralmente opposta alla mia”. Per fortuna, vien da dire.

Non poteva mancare all’appello il presidente abusivo della Regione Lombardia, quel Roberto Formigoni che è al quarto mandato quando la legge prescrive che non possano essere più di due, quello delle firme false nelle liste, quello che è al vertice di quella macchina di potere e clientela che si chiama Comunione e Liberazione così ben descritta nel libro di Ferruccio Pinotti La Lobby di Dio. Formigoni tuona che quei manifesti sono una “una barbarie”, e i radicali sarebbero alfieri di “una cultura dell'egoismo e dell'indifferenza che pensa di risolvere il bisogno ammazzando il bisognoso”.

Corbellerie, certo; ma anche sintomi, “topi” di una situazione che giorno dopo giorno cresce e si consolida, una realtà fatta di falsificazione, prepotenza, arroganza.

Le elezioni a Milano sono particolarmente importanti: è importante sconfiggere questa alleanza tra stupidità, intolleranza e violenza incarnata nel duo Moratti-Formigoni; ed è per dare un segno visivo di quanto siano importanti, che i radicali nelle liste Bonino-Pannella hanno schierato con Marco Cappato, Emma Bonino, Marco Pannella, Maria Antonietta Farina Coscioni, Mina Welby...

Il voto radicale è da sempre una polizza assicurativa. Ovunque, nel Parlamento e nella regione Lazio, a Trieste e a Napoli, a Catania e a Roma il radicale eletto ha dimostrato che sapeva cambiare l’istituzione senza esserne cambiato; che sapeva guadagnare spazi di libertà e democrazia. Può accadere anche a Milano: c’è bisogno di un radicale a palazzo Marino, contro il sistema di potere formigonian-morattiano, che per anni ha sgovernato Milano e la Lombardia.

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 4 maggio 2011)


Articoli correlati

  Albert Camus era sensibile all'umanità del Cristo. Intervista ad Arnaud Corbic
  Ivana Cenci. Albert Camus, Né vittime Né carnefici - 0.
  Letteratura e censura a Cuba
  Ivana Cenci. Russell Wilkinson: Tra isolamento intellettuale e nuova percezione dell'opera di Camus
  Gian Domenico Mazzocato. Leggi con me Albert Camus
  Andrea Ermano. Noi non ne siamo degni, ma loro sì
  Perugia. Conferenza stampa “Test antidroga per prendere la patente: quale utilità e chi paga?”
  Droga. Gravissime accuse di Carlo Giovanardi al provveditore agli Studi di Como
  Primo Mastrantoni. Vasco Rossi, Vincenzo Macrì e gli integralismi
  Elisa Merlo. Ama il prossimo tuo
  Legge Fini-Giova­nar­di. Dalla Corte Co­sti­tu­zio­na­le un gra­vis­si­mo J'ac­cuse al legislatore
  Cannabis. Strategia antidroga del Governo ormai incentrata sulla censura delle opinioni
  Pietro Yates Moretti. Droga: Topolino smentisce Giovanardi. Meglio Pinocchio?
  Adozioni single: una normativa da aggiornare lo chiede la Cassazione e anche l'Europa!
  L'irriverente al sen. Giovanardi: si faccia una canna e si guardi allo specchio
  Test antidroga e alcool per la patente? Una inutile idiozia di dubbia legalità. Interrogazione
  Valter Vecellio. Pensieri “spettinati”. Tra indecenza e volgarità
  Vincenzo Donvito. Reati d'opinione. Giovanardi: “Invocare la liberalizzazione della droga crea danno”
  Sergio Rovasio. Giovanardi parla cinque giorni a settimana di gay: roba da Freud
  Sicurezza stradale. Le inutili misure contro la droga: un manifesto proibizionista
  Droga. «Incredibile Giovanardi!...»
  Certificato anagrafico di famiglia: dal Consiglio Comunale di Livorno una lezione al Parlamento!
  Droghe: sistema nazionale allerta
  Il sottosegretario Roccella continua ad accusare la Gran Bretagna di eugenetica, razzismo e pulizia etnica. Chieda scusa o sarà incidente diplomatico
  Pietro Yates Moretti. Giovanardi assolda Topolino contro chi scherza sugli spinelli
  Test antidroga per la patente. Bufala estiva? Interrogazione
  Miriam Della Croce. L'intelligenza di Carlo Giovanardi. A vederlo non sembra
  Cannabis. Tribunale Firenze: vendere semi non costituisce istigazione al consumo
  Test antidroga parlamentari: "chisenefrega"
  Rosario Amico Roxas. Quanto costa il Nobel per la Pace?
  Venezia Cinema. Vasco contro Giovanardi: la marijuana non uccide
  Droghe. Indebite pressioni del dipartimento politiche antidroga su SerT e Comunità
  Francesco Poirè. La Moratti spara le sue ultime cartucce, ma come sempre fuori bersaglio
  Indignazione!
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Marco Cappato. Formigoni continua l'opera di intimidazione nei confronti dei giudici
  Francesco Poirè. Finalmente il PD che rispetta le leggi (ovviamente, quando non li disturba)
  Gaspare Serra. Gli “impresentabili”…
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Le linee di Formigoni sull'aborto sono illegittime
  Fotoarchivio. REGIONE ABUSIVA!
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Talamona. Informazione ai cittadini sulla Casa di riposo
  XX Settembre a Milano: per una breccia nel muro Firmigoni-Penati
  Formigoni: “…ho sempre avuto un occhio di riguardo per la Valtellina”
  Roberto Biscardini. Sanità/Milano: è il 'sistema Formigoni' che non funziona
  Marco Cappato. La Peste italiana al Tar lombardo
  Milano. PD: “In Lombardia al voto subito” / Cappato: “Avviso ai manifestanti”
  Enrico De Alessandri. Petizione sul potere monopolistico di Comunione e Liberazione in regione Lombardia
  Marco Cappato. Penati e Lombardi, due "novità" al servizio di Firmigoni
  Giuseppe Rossodivita. Un inaccettabile degrado istituzionale
  Radicali. Il Tar Lombardia rinvia al 5 ottobre l’udienza su liste Formigoni
  Marco Cappato. A Roma la sinistra fa la voce grossa. A Milano ratifica il quarto mandato a Formigoni
  Costruiamo un comitato regionale antimafia sull'Expo con nomi indiscutibili
  Regione Lombardia. Costanzo e il PD propongono una nuova legge elettorale
  Radicali della Lombardia. Tutte le firme di Formigoni
  Valter Vecellio. L’insostenibile silenzio su Formigoni
  Marco Cappato: “Formigoni fuorilegge sulla sanità lombarda”
  Mario Staderini. Altro che abolire il listino, Formigoni si dimetta!
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  Marco Cappato. Non è Minetti a doversi dimettere, ma Formigoni
  Lucio Bertè. Chi giura e chi spergiura: ma quanto vale la parola di Formigoni?
  Marco Cappato. Crocifisso: da Mussolini a Bossi (Renzo) non è detto che la tragedia si riduca a farsa
  Marco Cappato. Nonsolofirme! C'è un'alternativa da creare a Milano
  Lista Bonino-Pannella. Dopo un anno, vogliamo giustizia su Firmigoni
  Formigoni fuorilegge: serve una commissione d'inchiesta!
  Rosangela Pesenti. Perché ho fischiato Formigoni, il 25 aprile in piazza a Milano
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
  Sara Giudice: “È falsa la mia firma in calce al Listino Formigoni”
  15 a 1: la democrazia paritaria secondo il Presidente della Regione Lombardia
  Presidente Formigoni e Consiglio regionale ABUSIVI!
  Marco Cappato. “Presenteremo ricorso ricorso contro candidatura Formigoni”
  Francesco Poirè. Manifesti abusivi: un barlume di legalità nelle tenebre di queste elezioni regionali
  Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso dei Radicali su Firmigoni
  Morbegno. Comunità montana: qual è la situazione
  Valter Vecellio. La situazione... Per chi vota Benedetto XVI?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy