Domenica , 07 Giugno 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Morbegno. Comunità montana: qual è la situazione 
Tempeste estive e ordinaria illegalità
01 Settembre 2010
 

Su richiesta di alcuni lettori, riproponiamo all'attenzione il testo di questo articolo.

Per chi volesse approfondire, qui è possibile scaricare il pdf del vigente Statuto della Comunità Montana Valtellina di Morbegno. (Red.)

 

 

Morbegno, 24/08/2010 - Scoppiata improvvisa come un temporale di piena estate, con gli arresti nelle prime ore del mattino del 15 giugno, altrettanto repentinamente – tutto sommato – sembrava essersi risolta la crisi della Comunità montana Valtellina di Morbegno. E così, nel disegno di chi ha guidato le “operazioni di ripristino”, doveva effettivamente essere e non soltanto apparire. Peccato che la tempesta abbia lasciato danni, e non si parla qui degli inquisiti e delle loro vicende giudiziarie, probabilmente ancora da inventariare e 'guasti' profondi nella 'impalcatura politica' del Morbegnese se non dell'intero sistema provinciale.  

Partiamo allora dalla soluzione della crisi per vedere se poi, andando a ritroso, possiamo trovare qualche elemento per comprenderla. E possa magari fornire utili indicazioni per prevenirne di, altrimenti inevitabili, future.

Siamo dunque a martedì 20 luglio, con l'Assemblea Cm convocata (cfr. raccomandata r.r. «Ai membri dell'Assemblea...», prot. n. 4677 del 12/07/2010 a firma del vice-presidente Italo Riva) con due punti all'ordine del giorno: «1. Convalida componenti l'Assemblea; 2. Elezione del Presidente e della Giunta Esecutiva della Comunità Montana Valtellina di Morbegno» e con l'avvertenza che «Ove occorra, ai sensi dell'art. 19, comma 3 dello Statuto, l'Assemblea è convocata: in seconda seduta, per le ore 20:30 di mercoledì 21 luglio 2010; in terza seduta, per le ore 20:30 di giovedì 22 luglio 2010».

Tutto regolare fin qui? Vediamo. «L'Assemblea è convocata dal Presidente che determina l'ordine del giorno, sentita la Giunta Esecutiva» (Art. 13, c. 1, Statuto). Il Presidente si è dimesso (non abbiamo modo di verificare direttamente la notizia, ma ufficialmente divulgata non è stata smentita) e quindi l'«intera Giunta Esecutiva» è «decaduta» (Art. 22, c. 7), ma (come recita il successivo comma 8): «Il Presidente e la Giunta Esecutiva durano in carica sino a quando non sia divenuta esecutiva l'elezione dei successori». Poiché il Presidente era notoriamente impedito, il Vicepresidente, essendo «l'Assessore delegato dal Presidente a svolgere funzioni vicarie» (Art. 6, c. 2), aveva titolo, sentita la Giunta, a convocare e determinare l'ordine del giorno. Lo ha fatto correttamente? Vediamo. «L'Assemblea nella sua prima riunione è presieduta dal consigliere più anziano di età e procede, nell'ordine, alla convalida dei propri membri, all'elezione del Presidente della Comunità Montana e della Giunta Esecutiva» (Art. 8, c. 2 – le evidenze in corsivo sono nostre, anche in seguito, nda). Si trattava di una prima riunione? Certamente no, perché: «1. L'Assemblea dura in carica cinque anni e comunque sino all'insediamento della nuova Assemblea. 2. L'Assemblea viene rinnovata nella sua interezza qualora si proceda alla rielezione di oltre la metà dei Consigli Comunali che compongono la Comunità Montana. ... 5. In caso di decadenza o di cessazione per qualsiasi causa di un componente l'Assemblea, il Comune interessato provvede alla relativa sostituzione entro 45 giorni, dandone immediata comunicazione alla segreteria della Comunità Montana» (Art. 12). Né è prevista per l'Assemblea, contrariamente alla Giunta come abbiamo visto, la decadenza in conseguenza di quella, «per qualsiasi motivo» (Art. 22, c. 7), del Presidente. È quindi pacifico che non ci si trovi nella condizione prevista all'art. 8, bensì in quella prevista al precedente art. 7: «1. L'Assemblea è composta dai Sindaci dei Comuni che fanno parte della Comunità Montana o da loro delegati, scelti dai Sindaci tra i Consiglieri di maggioranza dei rispettivi Comuni entro 45 giorni dalla proclamazione. 2. La delega viene conferita per la durata dell'intero mandato amministrativo e l'eventuale revoca, con contestuale surrogazione, avrà effetto successivamente alla convalida da parte dell'Assemblea.» e, per eventuali dimissioni, al già visto comma 5 dell'art. 12. Ne consegue che non è stato formulato correttamente il 1° dell'ordine del giorno, non trattandosi della prima riunione ma essendo l'Assemblea a tutti gli effetti già validamente costituita. Poiché vi erano alcuni casi (in numero inferiore a 13) di componenti revocati o dimessi, da surrogare o sostituire, il punto avrebbe dovuto prevedere qualcosa come: “Surrogazione o sostituzione di componenti revocati, decaduti o cessati - Convalida nuovi Consiglieri”. Come vedremo più oltre non è, questa, semplice questione di lana caprina...

«L'avviso di convocazione è esposto all'Albo della Comunità Montana, è trasmesso ai Comuni per la contestuale affissione all'Albo ed inviato ai Consiglieri mediante lettera raccomandata da spedirsi almeno otto giorni prima della data fissata per la riunione» (Art. 13, c. 2). Dei primi due adempimenti (affissioni albi Cm e Comuni) non possiamo dire, ma essendo prassi consolidate degli uffici, possiamo darli per assolti (salvo smentite da chi potesse documentarlo); dei destinatari, invece, conseguenza diretta dell'errata formulazione dell'odg e ammesso che sia stato rispettato il termine di preavviso (lo è se le raccomandate risultano spedite nella data riportata nell'avviso di convocazione), è evidente l'errata indicazione e individuazione. Costoro infatti, avendo chi ne aveva titolo effettuato la scelta di prevedere un'unica seduta per la trattazione dei due punti anziché (com'era pure lecito e possibile) due distinte sedute, avrebbero dovuto essere sia tutti i Consiglieri («i membri dell'Assemblea assumono» tale «nome», Art. 6, c. 2) in carica – e quindi anche quelli, ai quali invece non è stato inviato, decaduti o cessati per qualsiasi causa e anche quelli revocati e 'surrogati', in quanto come abbiamo visto l'effetto sarà successivo soltanto alla convalida (Cfr. elenco nominativo nel box in calce. Sì, anche a Silvano Passamonti andava spedito con raccomandata l'avviso di convocazione!) sia i Consiglieri subentranti (così li nominiamo noi, con licenza poetica, nda), limitatamente alla trattazione del 2° punto odg in caso di positivo e immediatamente esecutivo esito del punto precedente. Vi è pertanto stato un difetto di convocazione (di per sé sufficiente all'invalidazione, ma che ha causato illeciti e irregolarità ulteriori, come vedremo poc'anzi).

«L'Assemblea è validamente riunita quando sia presente la maggioranza dei suoi componenti» (Art. 10, c. 1). Quella del 20 luglio non era validamente riunita, non essendo presenti (e taluni nemmeno invitati) almeno 13 Consiglieri. Di più: sono stati conteggiati come presenti e hanno partecipato alla trattazione del 1° punto odg soggetti estranei. «L'Assemblea è presieduta dal Presidente della Comunità Montana e, nel caso di sua assenza o incompatibilità, dal Vicepresidente e, in subordine, dal Consigliere più anziano di età» (Art. 10, c. 5). Il Vicepresidente (Italo Riva, nella foto), che ha legittimamente convocato, doveva (o poteva, comunque) altrettanto legittimamente presiedere l'intera seduta in quanto in carica, come abbiamo visto, fino all'elezione dei successori. Invece ha convocato e poi non si è presentato. È lui che avrebbe dovuto far prender atto e formalizzare che l'Assemblea non era validamente riunita. «In seconda convocazione è necessaria la presenza di almeno un terzo dei suoi componenti» (Art. 10, c. 2). Correttamente, l'avviso di convocazione prevedeva la seconda seduta da eventualmente tenersi il giorno successivo. Previsione corretta ma, a prescindere dal fatto che ci si è ben guardati dal “coltivarla”, del tutto inutile permanendo il difetto di convocazione anche per la seconda seduta.

Qual è la situazione, in conclusione? La Comunità Montana ha – legittimamente costituiti e in carica – i suoi organi, che sono esattamente quelli precedenti l'invalida riunione del 20 luglio. Un gruppo di persone (alcuni dei quali componenti tali organi ed altre nemmeno), in buona o cattiva fede qui e a noi poco importa, ha compiuto e insiste a compiere una serie di atti illegittimi. Se un giudice c'è anche a Morbegno, non potrà che appurare che tale è la situazione.

 

Sappiamo bene che si parlerà di cavilli etc., anzi già si è iniziato a parlarne in via per così dire preventiva... E in effetti i precedenti illustri non mancano, a partire da Roberto Formigoni (Pdl, Regione Lombardia) o Vasco Errani (Pd, Regione Emilia Romagna) candidati ed eletti benché la legge preveda incandidabilità e ineleggibilità dopo il secondo mandato consecutivo, per non parlare di livelli istituzionali più alti, ché si aprirebbero le cateratte dell'obbrobrio più obbrobrioso. Ben sappiamo anche, infatti, che leggi e regolamenti, e a ben guardare quindi la democrazia, dei semplici optionals son divenuti, in questo nostro “civile” paese. Ma se un gruppo di persone, cittadini e ancor più se sindaci volonterosi, dovesse partire da qui, attivando meccanismi di cosiddetta “autotutela” o di giustizia amministrativa in difesa dell'istituzione Comunità montana (che molti vorremmo abolita al più presto, ma questa è un'altra storia...), senza stare a guardare per chi sarebbero i vantaggi e gli svantaggi (ché, innegabilmente, se i numeri son quelli il 'risultato' alla fine può risultare identico), altrettanto innegabile è che ciò significherebbe che qualcosa di nuovo è finalmente iniziato!

 

 

 

Componenti dell'Assemblea
della Comunità Montana Valtellina di Morbegno

(alla data del 31/05/2010, dice il sito web ufficiale della Cm,
e anche alla data del 20/07/2010, come tutt'oggi, diciamo noi)


Patrizio DEL NERO (Albaredo per San Marco), Alan DE ROSSI (Andalo Valtellino), Giacomino REBUZZI (Ardenno), Silvano PASSAMONTI (Bema), Valter STERLOCCHI (Buglio in Monte), Michela PARRAVICINI (Cercino), Basilio LIPARI (Cino), Massimo CHISTOLINI (Civo), Walter SPINI (Cosio Valtellino), Fausto DE BIANCHI (Dazio), Alberto GATTI (Delebio), Rosa BARRI (Dubino), Giulio SPEZIALE (Forcola), Fabio ACQUISTAPACE (Gerola Alta), Daniele CALLINA (Mantello), Graziano PELLEGATTA (Mello), Giulio ANGELINI (Morbegno), Valentino MAXENTI (Pedesina), Mirco BARINI (Piantedo), Gianni BERTOLINI (Rasura), Matteo FERRÈ (Rogolo), Italo RIVA (Talamona), Piergiorgio GUSMEROLI (Tartano), Walter MAGRINI (Traona), Cristian SONGINI (Val Masino).

 

Enea Sansi

(da 'l Gazetin, agosto 2010)

 

ABBÓNATI!


Articoli correlati

  Cm Morbegno. Copione deprimente per un'assemblea “ad personas”
  “Superare gli steccati per avviare la Comunità montana Valtellina di Morbegno su un percorso nuovo”
  Rinnovamento a Morbegno dopo la burrasca?
  “Riva, è tutto da rifare!”
  Circolo PD Morbegno. “Ridare credibilità e trasparenza alla gestione della Comunità montana”
  Comunità Montana Valtellina di Morbegno. Convocata l'Assemblea, revocato il Presidente
  Enza Mainini, Massimo Chistolini. Necessario mettere in atto un cambiamento radicale
  Cm Morbegno. Lunedì 6 l'Assemblea: andiamoci!
  Fausta Svanella. Ripercussioni nella maggioranza di Cosio Valtellino dell'esito in Cm
  Mario Staderini. Altro che abolire il listino, Formigoni si dimetta!
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Marco Cappato: “Formigoni fuorilegge sulla sanità lombarda”
  Francesco Poirè. Finalmente il PD che rispetta le leggi (ovviamente, quando non li disturba)
  Radicali. Il Tar Lombardia rinvia al 5 ottobre l’udienza su liste Formigoni
  Marco Cappato. Crocifisso: da Mussolini a Bossi (Renzo) non è detto che la tragedia si riduca a farsa
  Francesco Poirè. Manifesti abusivi: un barlume di legalità nelle tenebre di queste elezioni regionali
  XX Settembre a Milano: per una breccia nel muro Firmigoni-Penati
  Valter Vecellio: Giovanardi, Moratti, Formigoni. La peste italiana
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Marco Cappato. Penati e Lombardi, due "novità" al servizio di Firmigoni
  Marco Cappato. La Peste italiana al Tar lombardo
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
  Formigoni fuorilegge: serve una commissione d'inchiesta!
  Roberto Biscardini. Sanità/Milano: è il 'sistema Formigoni' che non funziona
  Gaspare Serra. Gli “impresentabili”…
  Talamona. Informazione ai cittadini sulla Casa di riposo
  Rosangela Pesenti. Perché ho fischiato Formigoni, il 25 aprile in piazza a Milano
  Radicali della Lombardia. Tutte le firme di Formigoni
  Milano. PD: “In Lombardia al voto subito” / Cappato: “Avviso ai manifestanti”
  Enrico De Alessandri. Petizione sul potere monopolistico di Comunione e Liberazione in regione Lombardia
  Costruiamo un comitato regionale antimafia sull'Expo con nomi indiscutibili
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  Marco Cappato. “Presenteremo ricorso ricorso contro candidatura Formigoni”
  Valter Vecellio. L’insostenibile silenzio su Formigoni
  Formigoni: “…ho sempre avuto un occhio di riguardo per la Valtellina”
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Marco Cappato. Nonsolofirme! C'è un'alternativa da creare a Milano
  Marco Cappato. A Roma la sinistra fa la voce grossa. A Milano ratifica il quarto mandato a Formigoni
  Fotoarchivio. REGIONE ABUSIVA!
  Regione Lombardia. Costanzo e il PD propongono una nuova legge elettorale
  Marco Cappato. Non è Minetti a doversi dimettere, ma Formigoni
  Lucio Bertè. Chi giura e chi spergiura: ma quanto vale la parola di Formigoni?
  Marco Cappato. Formigoni continua l'opera di intimidazione nei confronti dei giudici
  15 a 1: la democrazia paritaria secondo il Presidente della Regione Lombardia
  Presidente Formigoni e Consiglio regionale ABUSIVI!
  Giuseppe Rossodivita. Un inaccettabile degrado istituzionale
  Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso dei Radicali su Firmigoni
  Sara Giudice: “È falsa la mia firma in calce al Listino Formigoni”
  Lista Bonino-Pannella. Dopo un anno, vogliamo giustizia su Firmigoni
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Le linee di Formigoni sull'aborto sono illegittime
  Elezioni regionali fuori legge. I Radicali non mollano
  Radicali vs Errani. Appuntamento al 17 settembre
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy