Martedì , 26 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gaspare Serra. Gli “impresentabili”… 
Formigoni ed Errani: “ineleggibili” ma candidati!
Vasco Errani e Roberto Formigoni
Vasco Errani e Roberto Formigoni 
07 Marzo 2010
   

LA REGOLA: COSA PREVEDE LA LEGGE?

 

A seguito della legge costituzionale n. 1 del 1999 (che introdusse, per le regioni ordinarie, l'elezione diretta dei presidenti di regione), la legge quadro dello Stato n. 165 del 2004 ha fissato alcuni “principi generali” cui le regioni sarebbero state vincolate nel rinnovare la propria legislazione elettorale.

Tra questi, vi è il principio della “non immediata rieleggibilità”, allo scadere del secondo mandato, del presidente della giunta regionalea suffragio universale e diretto (in pratica, un “divieto di terzo mandato” consecutivo per i governatori).

 

Due sono i punti più “controversi” di tale normativa:

I - tale principio è “direttamente applicabile” (a prescindere dall'emanazione di una conforme legge regionale)?

II - inoltre, lo stesso deve intendersi “retroattivo” (nel novero dei mandati consecutivi, dunque, devono ricomprendersi anche quelli precedenti l'entrata in vigore della legge n. 165 del 2004)?

Pur essendo vero che il legislatore statale non si è espresso in maniera inequivoca, la risposta comunemente data dal mondo giuridico-accademico è, però, positiva ad entrambi i quesiti.

È vero, infatti, che la legge del 2004 rinvia, per la “disciplina di dettaglio”, alla legislazione regionale (che, colpevolmente, in alcune regioni, tra cui Lombardia ed Emilia Romagna, non è ancora stata emanata), ma i maggiori costituzionalisti si sono espressi in favore della “diretta applicabilità” del principio su esposto.

Se così non fosse, del resto, si otterrebbe il risultato paradossale:

- di vincolare le regioni “solerti” (nell'approvare una nuova legislazione regionale) a dare immediata applicazione alla legge dello Stato;

- e di premiare, di contro, le regioni “inadempienti” (lasciandole libere di violare apertamente un “principio fondamentale” sancito da una legge dello Stato)!

Gli esperti, inoltre, concordano nel sostenere la “retroattività” del divieto.

Per far scattare il “vincolo del doppio mandato”, quindi, occorre tenere conto:

- non solo dei mandati vigenti (o successivi) al momento dell'entrata in vigore della legge n. 165 del 2004;

- bensì anche di tutti quelli “immediatamente precedenti” all'entrata in vigore della legge.

 

 

QUANDO LA POLITICA SI PONE “AL DI SOPRA DELLE LEGGI”…

 

Cosa sta avvenendo, invece, in Lombardia ed Emilia Romagna (come per par condicio, la prima roccaforte di Silvio Berlusconi, la seconda storica “regione rossa”)?

In Lombardia Roberto Formigoni, che governa la regione dal 1995 (ossia da ben 15 anni e tre mandati consecutivi), è ricandidato per la quarta volta successiva alla presidenza della regione.

In Emilia Romagna, invece, Vasco Errani, che presiede la regione dal 1999 (ossia da 11 anni), è ricandidato per la terza volta consecutiva!

Tutto questo:

- nel più palese “dispregio della legge”(che rende “ineleggibili” entrambi i candidati, come dichiarato da Valerio Onida, presidente emerito della Corte Costituzionale);

- e nel più comodo “silenzio bipartisan” parte degli schieramenti avversi (sembra quasi che il centrodestra e il centrosinistra abbiano siglato un tacito “accordo di non belligeranza”, avendo interesse comune a non denunciare pubblicamente la questione!).

 

Il problema che ciò solleva riguarda il funzionamento stesso di una democrazia moderna.

Ossia, può il mero consenso elettorale (la “sostanza” di una democrazia):

- derogare impunemente alle “forme” (introdurre deroghe alla legge “non previste dalla legge”)?

- E, dunque, legittimare candidature di per sé “illegittime”?

 

Questa “anomalia” si trasforma in “paradosso” nel caso del Pd, forse l'unico partito in Italia ad avere uno statuto che (all'art. 22) afferma testualmente che «gli iscritti al Partito Democratico non possono ricoprire una carica monocratica di governo o far parte di un organo esecutivo collegiale per più di due mandati pieni consecutivi (o per un arco temporale equivalente)».

Uno statuto, evidentemente, democratico ma ampiamente “violato” (visto, tra l'altro, che lo stesso documento stabilisce per i parlamentari del Pdun limite di tre mandati consecutivi, anch'esso vistosamente sottoposto a “deroghe impreviste”: si veda il caso dell'on. Massimo D'Alema).

 

In un Paese normale:

- tali candidature avrebbe suscitato una sentita reazione indignata da parte, prima ancora che dei cittadini, degli stessi esponenti dei partiti e dei loro militanti;

- e le leggi dovrebbero prevalere sul mero “consenso” (o, tanto più, sui sondaggi), poiché espressione di un Parlamento chiamato proprio a dar “forma legislativa” al consenso liberamente espresso dai cittadini nelle urne!

In Italia, invece, le cose funzionano diversamente, prevalendo:

- sia un comune disprezzo per le regole, per le formalità e per i controlli (la “deroga” è l'unica vera regola, mentre la legalità l'eccezione!);

- sia una generalizzata esaltazione della funzione “auto-legittimante” del consenso elettorale, capace di prevalere finanche sulle leggi dello Stato o sulle decisioni della Magistratura (il voto popolare è regolarmente utilizzato come “colpo di spugna” con cui sanare irregolarità o mascherare misfatti e cattivi costumi!).

 

La vera “anomalia politica italiana”, dunque, è il mancato rispetto delle regole, quasi “per principio”!

E, purtroppo, le recenti “peripezie” nella presentazione delle liste Polverini nel Lazio e Formigoni in Lombardia (con conseguente “decreto salva irregolarità”) rappresentano solo l'ennesima ulteriore conferma...

 

Gaspare Serra


Articoli correlati

  Costruiamo un comitato regionale antimafia sull'Expo con nomi indiscutibili
  Formigoni: “…ho sempre avuto un occhio di riguardo per la Valtellina”
  Francesco Poirè. Manifesti abusivi: un barlume di legalità nelle tenebre di queste elezioni regionali
  Fotoarchivio. REGIONE ABUSIVA!
  Radicali della Lombardia. Tutte le firme di Formigoni
  Marco Cappato. Crocifisso: da Mussolini a Bossi (Renzo) non è detto che la tragedia si riduca a farsa
  Radicali. Il Tar Lombardia rinvia al 5 ottobre l’udienza su liste Formigoni
  Marco Cappato. A Roma la sinistra fa la voce grossa. A Milano ratifica il quarto mandato a Formigoni
  XX Settembre a Milano: per una breccia nel muro Firmigoni-Penati
  Valter Vecellio: Giovanardi, Moratti, Formigoni. La peste italiana
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Marco Cappato. Penati e Lombardi, due "novità" al servizio di Firmigoni
  Marco Cappato. La Peste italiana al Tar lombardo
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
  Roberto Biscardini. Sanità/Milano: è il 'sistema Formigoni' che non funziona
  Formigoni fuorilegge: serve una commissione d'inchiesta!
  Talamona. Informazione ai cittadini sulla Casa di riposo
  Rosangela Pesenti. Perché ho fischiato Formigoni, il 25 aprile in piazza a Milano
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Marco Cappato. Formigoni continua l'opera di intimidazione nei confronti dei giudici
  Mario Staderini. Altro che abolire il listino, Formigoni si dimetta!
  Milano. PD: “In Lombardia al voto subito” / Cappato: “Avviso ai manifestanti”
  15 a 1: la democrazia paritaria secondo il Presidente della Regione Lombardia
  Enrico De Alessandri. Petizione sul potere monopolistico di Comunione e Liberazione in regione Lombardia
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  Valter Vecellio. L’insostenibile silenzio su Formigoni
  Giuseppe Rossodivita. Un inaccettabile degrado istituzionale
  Marco Cappato. Nonsolofirme! C'è un'alternativa da creare a Milano
  Regione Lombardia. Costanzo e il PD propongono una nuova legge elettorale
  Marco Cappato. Non è Minetti a doversi dimettere, ma Formigoni
  Marco Cappato: “Formigoni fuorilegge sulla sanità lombarda”
  Lucio Bertè. Chi giura e chi spergiura: ma quanto vale la parola di Formigoni?
  Sara Giudice: “È falsa la mia firma in calce al Listino Formigoni”
  Francesco Poirè. Finalmente il PD che rispetta le leggi (ovviamente, quando non li disturba)
  Presidente Formigoni e Consiglio regionale ABUSIVI!
  Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso dei Radicali su Firmigoni
  Lista Bonino-Pannella. Dopo un anno, vogliamo giustizia su Firmigoni
  Marco Cappato. “Presenteremo ricorso ricorso contro candidatura Formigoni”
  Morbegno. Comunità montana: qual è la situazione
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Le linee di Formigoni sull'aborto sono illegittime
  Radicali vs Errani. Appuntamento al 17 settembre
  Elezioni regionali fuori legge. I Radicali non mollano
  Per la verità sulla guerra in Iraq e per il “cambio” in Lombardia
  PD. Primo appuntamento per la campagna elettorale di Angelo Costanzo a Morbegno
  Incontro (annullato) con Antonio Di Pietro. A Morbegno Sabato 13 febbraio
  Elezioni regionali in Toscana
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e le tasse ridotte
  Mario Staderini. Le tribune elettorali fanno più paura dei talk show
  Radicali. La democrazia italiana interrompa il tentativo sovversivo ed eversivo in atto da parte di Silvio Berlusconi
  Torino, davanti al CORECOM. Radicali: subito on line i dati sulle presenze dei partiti in tv
  Il Commissariamento della Sanità della Regione Lombardia
  Cappato candidato a governatore della Lombardia in alternativa a Formigoni e Penati
  Elezioni Toscana. Lista Bonino-Pannella ricorre Tar Toscana
  Valter Vecellio. La situazione. Arroganza (e debolezza) delle gerarchie vaticane
  Oggi a Torino PD davanti alla Prefettura, presidio a Sondrio domattina, martedì assemblea dei Radicali a Roma
  Sondrio. Miracolo del Pdl: in quattro giorni più di 1.000 firme per le regionali
  RadicaliMilano. Presto al via raccolta firma per presentazione lista Bonino-Pannella in Lombardia
  Quando una mano lava l'altra: sarebbero stati ineleggibili i consiglieri regionali Pozzi (Pdl) e Costanzo (Pd)
  Francesco Poirè. Alcuni elettori sono più cittadini di altri
  Elezioni regionali/ Arezzo. La vergogna e l'illegalità nella presentazione delle liste
  Autocertificazione sottoscrittori liste elettorali
  Regione Campania. “Agiremo in tutte le sedi legali nazionali e internazionali per l'affermazione della legalità”
  Appello di Pia Locatelli del PSI ai Radicali lombardi
  Legalità! legalità! legalità! Io sto con Emma
  Blitz radicale in Cattolica contro la tv fuorilegge
  Milano. Nuova sede per l'iniziativa politica dei radicali
  Milano. Regionali: Tra Azione Cattolica e Comunione e Liberazione c’è la Lista Bonino-Pannella
  240 immigrati in sciopero della fame
  Maurizio Bolognetti. Elezioni regionali fuori legge
  Emma Bonino: «Le mie condizioni per l'alleanza»
  Luigi Fioravanti. Pecunia non olet
  Lista Bonino Pannella: sabato tavolo in piazza a Chiavenna
  Sondrio. Esclusa la Lista Bonino Pannella per insufficienza di firme. Il PDL nel Guinness dei Primati
  Peppe Sini. Una dichiarazione di voto
  Elezioni, democrazia, riforme. Intervista di Mario Staderini all'Agenzia “Fuoritutto”
  Marino Badiale, Massimo Bontempelli. Lettera dal fondo dello sfacelo
  Valter Vecellio. È arrivato Mandrake
  Emma Bonino. Poche ore per farcela
  Emma Bonino candidata governatrice della Regione Lazio
  Emma Bonino. La nostra battaglia è solo all'inizio di un'esperienza politica nuova
  Sondrio. I candidati della lista “Bonino Pannella” alle regionali di primavera
  Francesco Pullia. “Questione cattolica” o non piuttosto “questione clericale”?
  PD Sondrio. “Pendolari Km zero”. 15 anni di governo Formigoni per treni disastrosi
  Ouattara Gaoussou. Quando gli immigrati chiedono legalità
  Domenicani in difesa dello Stato democratico e di diritto
  Marco Cappato. Essenziale il collegamento fra la Valtellina, la Lombardia e l’Europa
  Mario Staderini e Marco Cappato. “Cari Socialisti, per le regionali facciamo una coalizione autonoma con anche i Verdi”
  Bia Sarasini. Lettera prima del voto
  Lo scontro
  Valter Vecellio. La situazione. Ecco a voi Diego Sabatinelli, il violento aggressore…
  Vincenzo Donvito. Legalità: diritti dei cittadini e diritti dei politici
  Gianni Somigli. Gli estremisti del cavillo
  Milano. Prossimi appuntamenti Radicali
  Primo Mastrantoni. Nucleare. Il Governo approva i criteri ma non individua i siti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy