Lunedì , 24 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Cappato. La Peste italiana al Tar lombardo
22 Dicembre 2010
 

Secondo il TAR della Lombardia, nel ricorso presentato dopo le elezioni regionali riguardanti le irregolarità formali (assenza di timbri, ecc.), non avevamo allegato «alcun principio di prova» o «elemento indiziario riferito a precisi fatti concreti». È irrilevante, per il TAR, il fatto che noi, non disponendo di copie dei moduli, potevamo solo riferirci a ciò che avevamo visto con i nostri occhi e che anche l'Ufficio elettorale stesso confermò quando furono costretti a rifare i controlli. Addirittura il TAR arriva a definire «privo di rilevanza» anche il conteggio che rifece l'Ufficio elettorale, e che rappresenta la certificazione da parte di un giudice della fondatezza del nostro ricorso. Il risultato è che quelle irregolarità sono certe e evidenti, ma che ci si è impedito di contestarle sia prima delle elezioni che dopo le elezioni.

Per quanto riguarda le firme false, secondo il TAR Lombardia il fatto di aver avuto finalmente l'accesso ai moduli non costituirebbe un fatto nuovo, meritevole di accogliere «motivi aggiunti» rispetto al ricorso iniziale, dal momento che già a febbraio avevamo potuto procedere, per nostra stessa «ammissione», «a un esame dettagliato dei moduli». Il TAR sceglie così di ignorare la differenza tra il fatto di poter esaminare migliaia di moduli (di tutte le liste) per sole tre ore da parte di quattro militanti radicali e invece il fatto di ottenere una copia da far esaminare per giorni da parte di un perito. Secondo il TAR infatti, dal primo esame che avevano potuto fare nella sede del tribunale, Cappato e Lipparini «avevano anche tratto alcune circostanziate illazioni che non pare possano considerarsi come semplicemente desumibili ictu oculi».

Insomma il TAR non può “considerare” che sia accaduto ciò che è esattamente accaduto, cioè che Lipparini e io abbiamo visto subito (icto oculi) che quei moduli erano una porcheria, ma naturalmente non potevamo sapere (perché nell'ufficio elettorale non disponevamo di altro che dell'icto oculi, e non si capisce di cos'altro avremmo potuto disporre) che vi fossero addirittura oltre 500 firme false prima di aver avuto la consegna di una copia dei moduli, alla quale è seguita immediatamente la nostra contestazione al TAR. Il risultato è che il TAR si è rifiutato di aprire quei moduli, sapendo che lì dentro avrebbe trovato della mondezza lombarda made in Firmigoni più tossica di quella campana.

Le Motivazioni rese sotto la firma del Presidente estensore Adriano Leo rappresentano un testo che andrà studiato nelle università. Se e quando l'Italia diverrà uno Stato di diritto e democratico, sarà necessario studiare la peste che aveva colpito le nostre istituzioni, nel silenzio dei potenti del regime tanto della maggioranza quanto di quella che continua senza vergogna a chiamarsi opposizione, in questo caso in particolare quel Partito democratico che “le prove” contro Firmigoni, a noi inaccessibili, richieste dal TAR, le custodisce nei propri cassetti da 9 mesi.

 

Marco Cappato

(da Notizie Radicali, 22 dicembre 2010)

 

 

A questo link la sentenza del Tar [pdf]


Articoli correlati

  Giuseppe Rossodivita. Un inaccettabile degrado istituzionale
  Roberto Biscardini. Sanità/Milano: è il 'sistema Formigoni' che non funziona
  Marco Cappato. “Presenteremo ricorso ricorso contro candidatura Formigoni”
  Talamona. Informazione ai cittadini sulla Casa di riposo
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Costruiamo un comitato regionale antimafia sull'Expo con nomi indiscutibili
  Marco Cappato. Penati e Lombardi, due "novità" al servizio di Firmigoni
  15 a 1: la democrazia paritaria secondo il Presidente della Regione Lombardia
  Fotoarchivio. REGIONE ABUSIVA!
  Formigoni: “…ho sempre avuto un occhio di riguardo per la Valtellina”
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Marco Cappato: “Formigoni fuorilegge sulla sanità lombarda”
  Radicali della Lombardia. Tutte le firme di Formigoni
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
  Lucio Bertè. Chi giura e chi spergiura: ma quanto vale la parola di Formigoni?
  Presidente Formigoni e Consiglio regionale ABUSIVI!
  Gaspare Serra. Gli “impresentabili”…
  Marco Cappato. Nonsolofirme! C'è un'alternativa da creare a Milano
  Milano. PD: “In Lombardia al voto subito” / Cappato: “Avviso ai manifestanti”
  Regione Lombardia. Costanzo e il PD propongono una nuova legge elettorale
  Marco Cappato. A Roma la sinistra fa la voce grossa. A Milano ratifica il quarto mandato a Formigoni
  Enrico De Alessandri. Petizione sul potere monopolistico di Comunione e Liberazione in regione Lombardia
  Francesco Poirè. Finalmente il PD che rispetta le leggi (ovviamente, quando non li disturba)
  Valter Vecellio. L’insostenibile silenzio su Formigoni
  Valter Vecellio: Giovanardi, Moratti, Formigoni. La peste italiana
  Mario Staderini. Altro che abolire il listino, Formigoni si dimetta!
  Marco Cappato. Formigoni continua l'opera di intimidazione nei confronti dei giudici
  Marco Cappato. Non è Minetti a doversi dimettere, ma Formigoni
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Le linee di Formigoni sull'aborto sono illegittime
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Radicali. Il Tar Lombardia rinvia al 5 ottobre l’udienza su liste Formigoni
  Francesco Poirè. Manifesti abusivi: un barlume di legalità nelle tenebre di queste elezioni regionali
  Lista Bonino-Pannella. Dopo un anno, vogliamo giustizia su Firmigoni
  Marco Cappato. Crocifisso: da Mussolini a Bossi (Renzo) non è detto che la tragedia si riduca a farsa
  Formigoni fuorilegge: serve una commissione d'inchiesta!
  Rosangela Pesenti. Perché ho fischiato Formigoni, il 25 aprile in piazza a Milano
  Sara Giudice: “È falsa la mia firma in calce al Listino Formigoni”
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  XX Settembre a Milano: per una breccia nel muro Firmigoni-Penati
  Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso dei Radicali su Firmigoni
  Morbegno. Comunità montana: qual è la situazione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy