Martedì , 26 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Talamona. Informazione ai cittadini sulla Casa di riposo
11 Novembre 2009
 

Con un decreto della Regione Lombardia a firma del presidente Formigoni si è conclusa una storia iniziata il 21 giugno scorso con una affrettata delibera del Consiglio di Amministrazione della Casa di riposo che ha di fatto sottratto la casa di riposo al comune di Talamona (So) e alla storia, creando anche una netta contrapposizione tra il Consiglio di Amministrazione della Casa di riposo e l’Amministrazione comunale di Talamona.

Oggi a conclusione della vicenda riteniamo doveroso informare la popolazione su quanto è successo e soprattutto sulle azione che questa Amministrazione ha intrapreso in difesa della sua Comunità.

Anche se sono mesi che agiamo per difendere gli interessi del nostro Comune, fin’ora abbiamo preferito rimanere in silenzio, nel rispetto di tutti gli ospiti e i dipendenti della casa di riposo.


Domenica 21 giugno 2009 il Consiglio di amministrazione della Fondazione Casa di Riposo di Talamona (composto da Claudio Mazzoni, Don Giuseppe Longhini, Giuseppe Cornaggia, Ferdinando Schiantarelli e Isa Cappelletti) ha deliberato una variazione dello Statuto della Fondazione che principalmente consiste nel togliere all’Amministrazione comunale di Talamona la nomina dei 5 membri del Consiglio di Amministrazione della Casa di Riposo per definire che 3 membri siano nominati dalla Diocesi di Como, 1 sia di diritto l’Arciprete e solo 1 nominato dal Comune. Le modifiche statutarie sono state approvate con 4 voti a favore e con il voto contrario del consigliere Isolina Cappelletti.


Prima di tutto non sembra corretto cambiare gli assetti istituzionali dell’ente senza il parere dell’organo che li ha nominati. Inoltre appare strana questa fretta di modificare lo statuto, ancor più strana se si tiene presente che il consiglio di amministrazione della casa di riposo era di fatto in scadenza.

È lecito pensare che i quattro consiglieri favorevoli alla modifica dello Statuto ritenessero possibile una loro riconferma nell’incarico in scadenza il 21/09/2009 solo attraverso una modifica delle “regole del gioco”.

La delibera è stata approvata senza ascoltare le richieste del Sindaco che, venuto a sapere della volontà di modificare lo statuto, ha chiesto al Presidente un incontro (avvenuto solo dopo l’approvazione dello modifica dello statuto) e di rimandare di qualche giorno il CdA.

L’incontro tra il sindaco e il presidente della casa di riposo non serve a niente, le motivazioni del presidente non giustificano la fretta di presentare in Regione la richiesta di modifica dello statuto.

La richiesta specifica del sindaco, di sospendere l’invio in Regione della delibera e di organizzare un incontro tra le due amministrazioni al fine di favorire un accordo comune, non viene presa minimamente in considerazione e il Sindaco è stato costretto a ricorrere al notaio Barlascini per reperire la delibera. In possesso della delibera la giunta comunale, verificate le inesistenti motivazioni, dà l’incarico ad un legale per redigere osservazioni da inviare in Regione al fine di bloccare il parere favorevole della stessa.

Nel documento inviato si fa presente tra l’altro che la costituzione dell’ente morale è avvenuta in un ambito prettamente civico, con uno statuto che affidava l’amministrazione della Casa di Riposo alla congregazione di carità, i cui organi erano designati dal prefetto e dalle associazioni sindacali operanti in ambito locale dimostrando che è sempre esistito fin dalla sua fondazione uno stretto legame tra la comunità di Talamona e i suoi organi rappresentativi da un lato e la Casa di Riposo dall’altro.

Il 24 settembre il sindaco,considerato che il consiglio di amministrazione della casa di riposo è scaduto, nomina i nuovi cinque componenti, secondo lo statuto in vigore, non essendo ancora pervenuta da parte della Regione la modifica allo statuto stesso.

Il vecchio statuto prevede che entro 15 giorni dalla nomina il presidente uscente deve convocare il nuovo consiglio, ma il presidente Claudio Mazzoni, ancora con un atto discutibile, non convoca il consiglio adducendo la motivazione che sta aspettando il decreto della Regione.

Il 26 ottobre il presidente Formigoni firma il decreto… la storia così termina con il passaggio di gestione della casa di riposo alla Curia di Como e con un illegittimo ed immotivato esproprio della Comunità civile di Talamona.

Siamo veramente dispiaciuti per questa perdita ma anche sdegnati per il metodo utilizzato dai componenti del Consiglio della Casa di Riposo che hanno deciso un cambiamento radicale delle regole, senza nessun confronto con il Comune e con la popolazione, sottraendo di fatto al Comune e alla sua comunità un patrimonio esistente da più di cent’anni.


l'Amministrazione comunale di Talamona


Articoli correlati

  Costruiamo un comitato regionale antimafia sull'Expo con nomi indiscutibili
  Formigoni: “…ho sempre avuto un occhio di riguardo per la Valtellina”
  Francesco Poirè. Manifesti abusivi: un barlume di legalità nelle tenebre di queste elezioni regionali
  Fotoarchivio. REGIONE ABUSIVA!
  Radicali della Lombardia. Tutte le firme di Formigoni
  Marco Cappato. Crocifisso: da Mussolini a Bossi (Renzo) non è detto che la tragedia si riduca a farsa
  Radicali. Il Tar Lombardia rinvia al 5 ottobre l’udienza su liste Formigoni
  Marco Cappato. A Roma la sinistra fa la voce grossa. A Milano ratifica il quarto mandato a Formigoni
  XX Settembre a Milano: per una breccia nel muro Firmigoni-Penati
  Valter Vecellio: Giovanardi, Moratti, Formigoni. La peste italiana
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Marco Cappato. Penati e Lombardi, due "novità" al servizio di Firmigoni
  Marco Cappato. La Peste italiana al Tar lombardo
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
  Roberto Biscardini. Sanità/Milano: è il 'sistema Formigoni' che non funziona
  Formigoni fuorilegge: serve una commissione d'inchiesta!
  Gaspare Serra. Gli “impresentabili”…
  Rosangela Pesenti. Perché ho fischiato Formigoni, il 25 aprile in piazza a Milano
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Marco Cappato. Formigoni continua l'opera di intimidazione nei confronti dei giudici
  Mario Staderini. Altro che abolire il listino, Formigoni si dimetta!
  Milano. PD: “In Lombardia al voto subito” / Cappato: “Avviso ai manifestanti”
  15 a 1: la democrazia paritaria secondo il Presidente della Regione Lombardia
  Enrico De Alessandri. Petizione sul potere monopolistico di Comunione e Liberazione in regione Lombardia
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  Valter Vecellio. L’insostenibile silenzio su Formigoni
  Giuseppe Rossodivita. Un inaccettabile degrado istituzionale
  Marco Cappato. Nonsolofirme! C'è un'alternativa da creare a Milano
  Regione Lombardia. Costanzo e il PD propongono una nuova legge elettorale
  Marco Cappato. Non è Minetti a doversi dimettere, ma Formigoni
  Marco Cappato: “Formigoni fuorilegge sulla sanità lombarda”
  Lucio Bertè. Chi giura e chi spergiura: ma quanto vale la parola di Formigoni?
  Sara Giudice: “È falsa la mia firma in calce al Listino Formigoni”
  Francesco Poirè. Finalmente il PD che rispetta le leggi (ovviamente, quando non li disturba)
  Presidente Formigoni e Consiglio regionale ABUSIVI!
  Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso dei Radicali su Firmigoni
  Lista Bonino-Pannella. Dopo un anno, vogliamo giustizia su Firmigoni
  Marco Cappato. “Presenteremo ricorso ricorso contro candidatura Formigoni”
  Morbegno. Comunità montana: qual è la situazione
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Le linee di Formigoni sull'aborto sono illegittime
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy