Domenica , 08 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vetrina/ Paolo Ruffilli. Natale disteso nel mistero
19 Dicembre 2010
 

Natale

 

Da dove nasce, prima ancora

Di ritrovarci nati, tutto quello che

-senza saperlo- siamo già stati?

L’oscura traccia appena lì tracciata

verso la meta, da una mano segreta…

il soffio lieve che nel suo moto breve

sfiorandola di colpo l’ha animata

tirando il velo su, ma solo in parte,

senza svelarlo nel mentre si rivela…

il vecchio che si fa nuovo un’altra volta

nei segni dell’ordito composto sulla tela…

luce che fora il buio senza però stanarlo

con la presa dal suo stato prediletto

di penombra amata e previdente

avviandola intanto sul sentiero…

vita vivente distesa nel mistero.

 

Paolo Ruffilli

Dove nasce –ritrovarsi nati– siamo già stati

 

 

La rima interna rafforza la domanda, anzi l’eterno quesito del ritrovarsi al mondo misteriosamente e misteriosamente proseguire, consapevoli fin da subito di un miracolo che non avverrà e resterà mistero, “prediletto cono d’ombra” al quale affidarci qualche volta, raramente, non per ricerca ontologica dell’essere ma per la percezione di più mondi, e nella coscienza di un tempo prima e dopo noi da sempre e per sempre. Poeta del pensiero, Paolo Ruffilli titola con Natale 2008 questa lirica.

Solo con la mente possiamo giungere nudi all’Avvento laico, primigenio, primitivo e sacrale che comunque ci fa scoprire nati quando non possiamo più scegliere e destinati quando non sappiamo verso dove e fino a quando. Lo stile del poeta poco s’allarga allo stupore, coglie la ricerca umana nel camminare, circondati dal mistero di un velo che si alza solo in parte “senza sve-larlo nel mentre si ri-vela” o nella “luce che fora il buio senza però stanarlo”. Nella nascita e nella morte si snoda l’ordito della tela e “Il vecchio si fa nuovo un’altra volta” ma la tela resta incompiuta proprio nell’attimo che tessuta e di nuovo ordita disegna nascosti pensieri e verità, la penombra diventa amato sentiero. Eppure in questa perfetto contenitore di forma e di pensiero “l’oscura traccia appena lì tracciata” appare e si fa sentire come una ferita sulla pelle, le tre parole doppie e la rima interna fanno da unghie a un solco sull’animo così come i versi che configurano un destino stabilito e irreversibile “verso la me-ta da una mano segre-ta” e “sfiorandola di colpo”.

Alla carezza si accompagna l’oscurità del non sapere e la lirica trascina con sé la pulsione viva e dolorante di un ultimo verso , naufrago e destinato al vivere “vi-ta vi-vente distesa nel mistero”. (patrizia garofalo)


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Natale alla cubana
  Vetrina/ Maifrè, Spreafico, De Maestri, Sammut. Auguri per il Natale del 2010
  Annalisa Miani. Paolo Ruffilli in Un'altra vita
  Vetrina/ Natale è tellus. 3
  Paolo Ruffilli. Tutto il possibile
  Vetrina/ 1. Centinaia
  Paolo Ruffilli. Un’altra vita
  Paolo Ruffilli. Passione e morte di Cristo
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Dalle pareti aperte
  Paolo Ruffilli: Diario di Normandia. Recensione di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Conversazione con Paolo Ruffilli su “natura morta”
  Poesia: La Scuola di Spresiano
  Firenze. “5 Grandi Incontri con la Letteratura”
  Natale Tf2014/ “Rinascita” di Paolo Ruffilli
  Premi e concorsi/ A Macerata e Caldarola le giornate conclusive del Premio Rabelais 2011
  “La quinta essenza” di Gellu Naum. Recensione di Patrizia Garofalo
  Sulla raccolta: Le stanze del cielo. Domande a Paolo Ruffilli di Patrizia Garofalo
  In libreria/ “Affari di cuore” di Paolo Ruffilli. Presentazione a Ferrara il 7 novembre
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Come gli ospedali
  Patrizia Garofalo. “L'isola e il sogno” di Paolo Ruffilli
  Patrizia Garofalo. Ruffilli nelle pagine dedicate ad Emily Dickinson
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Natura morta” di Paolo Ruffilli
  Paolo Ruffilli: Le stanze del cielo. Recensione di Ottavio Rossani
  Patrizia Garofalo: Macerata e Paolo Ruffilli di "Camera oscura"
  Che sia un poeta a parlar di storia… Patrizia Garofalo intervista Paolo Ruffilli
  I fantasmi della gipsoteca
  Patrizia Garofalo. Vi propongo un Ruffilli d'annata
  In libreria/ Sandra Evangelisti. Intanto tutto procede
  Patrizia Garofalo: Mare D’anime (1)
  In libreria/ Costantino Kavafis. Il sole del pomeriggio
  Patrizia Garofalo: La trilogia di Paolo Ruffilli
  In libreria/ Paolo Ruffilli. Variazioni sul tema
  Patrizia Garofalo: "Forse anch'io scriverò..." Foto della Domenica 1
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy