Domenica , 08 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. Ruffilli nelle pagine dedicate ad Emily Dickinson 
Ancora una nota sull'ultimo lavoro, “Un'altra vita”
22 Luglio 2010
 

«Con te non posso vivere:

sarebbe vita-

e la vita è lassù

dietro lo scaffale».

(Emily Dickinson)

 

 

L’indeterminativo del titolo rafforza l’ipotesi che un’altra vita possa accadere pur senza determinarne l’ineluttabilità.

Il reale è immaginato dal soggetto e vissuto come personale agito in tutti i racconti del testo che si raccolgono a loro volta in piccoli scrigni di pensiero e immagine e parola e suono alternando un lui-lei, lei-lui insieme, intrecciati da una pur momentanea indissolubilità. Colpisce come anche in questa raccolta, ogni racconto in sé diventi metafora ancora di una “piccola colazione”, viatico contro il naufragio del tempo e della memoria, orchestrazione di spartiti che sembrano volare sparpagliati dal vento per ritrovarsi… in un ricomposto rosario di occasioni. In America Latina si usa mettere in un grande cesto brevi scritti, favole, storie di mostri e fantasmi, storie d’amore, favole per bambini, disegni per chi ancora non sa leggere, ognuna è offerta a basso prezzo ed è appesa alle canne intrecciate perché ognuno possa scegliere quella che gradisce di più.

Ho tra le mani “Assente il corpo”… breve racconto dell’ultimo lavoro di Paolo Ruffilli.

«Penso e scrivo perché diventino realtà le parole che danno nome all’alto:le nuvole, le ali, il volo, gli angeli, le vette, il vento».

Da subito si avverte quanto la parabola del poeta già presagita ne La gioia e il lutto e ne Le stanze del cielo sia sempre più continua ascesi senza Dio e forte consapevolezza dell’intelletto, della capacità dell’uomo di conoscenza e meditazione. «Soltanto le parole aeree saranno la salvezza, perché quaggiù mai niente di elevato accade». Nella contiguità fra infinito e percezione dell’affanno, la gnosi come processo catartico, invera una storia d’amore nella scenografia mobile dell’animo.

«Il più alto grado di presenza è l’assenza»; le pagine che sto analizzando di “Assente il corpo” sottolineano proprio nella negazione di esso, una fisicità penetrante e ancor più consistente in quanto sognata e desiderata.

All’interno della stanza, non annunciati entrano i passi, le ombre, trasformano la rosa in girasole e la vita nella capacità dell’assenza vissuta, amata tanto da desiderare il proprio corpo persino ad una sola dimensione, da poter portare appresso come un segnalibro e sfogliare come “una figura”.

Un processo d’amore, di ridimensionamento di sé per esistere nelle pieghe scomposte della storia che silenziosa vive di ombre spesso anche “insidiose”, «come l’ombra di un volo, come il lembo appena intravisto di uno scialle».

«La rosa comune avvizzisce/ ma questa nel cassetto della dama/ crea l’estate quando la dama giace/ nel rosmarino eterno/ ...» Così scrive la Dickinson a cui Ruffilli dedica il racconto in un corsivo che ne svela la centralità all’interno dell’opera. Sempre meno a fuoco appare ne “la camera oscura” il volto dell’amato e anche la voce arriva “disincarnata”. Nei momenti di coscienza dell’impossibile contatto, forte giunge il suo farsi bambina «è come quando, da piccola, facevo la maestra delle bambole». «Io abito la possibilità/ una casa più bella della prosa/ con tante finestre in più/ e porte migliori/ Ha stanze come cedri/ dove lo sguardo non può penetrare/ e per tetto sterminato/ la volta del cielo. La frequenta la gente più amabile:/ Così vi passo il tempo:/ spalanco le mie piccole mani/ per colmarle di paradiso/». Ancora i versi della poetessa rispondono a Ruffilli e il duetto lui–lei/lei–lui coniugano, in queste pagine, l’amore dell’uno verso l’altro in una atemporalità che spinge a conoscere la strada dove si fisseranno parole e slanci e solitudini e dissolvenze, ombre di passato e presente intrecciate senza bandolo. «“È proprio così piana la parola amore?” potessi scegliere tra la perduta giovinezza e la saggezza, sceglierei il tango da ballare insieme a te. Passando accanto al mio telefono, lo sfioro. Un tocco incoraggiante... “Segreti, sogni, furie e amori del tipo più prezioso, quelli che non sono corrisposti”; avevi già quegli occhi? E quel sorriso già così riempito dalla luce dei miei giorni?» la lettera che giunge, che la nomina amica e non amore rinforza la passione, il batticuore e la stanza si amplia in una scenografia che accoglie un mondo capovolto “il soffitto è il mare e il pavimento il cielo” e si perpetua il sentimento , immagina se stesso l’amore, che non è cosa piana, semplice e forse conoscibile ma imprescindibile al cuore degli uomini.

Emily Dickinson non è perduta donna solitaria, Ruffilli le ha offerto l’afflato del creatore, l’affabulazione di un innamorato, la parola condivisa della poesia: «saprei trovarli ancora la voce e i gesti per l’amore».

 

Patrizia Garofalo


Articoli correlati

  Annalisa Miani. Paolo Ruffilli in Un'altra vita
  Vetrina/ Natale è tellus. 3
  Paolo Ruffilli. Tutto il possibile
  Vetrina/ 1. Centinaia
  Paolo Ruffilli. Un’altra vita
  Paolo Ruffilli. Passione e morte di Cristo
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Dalle pareti aperte
  Paolo Ruffilli: Diario di Normandia. Recensione di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Conversazione con Paolo Ruffilli su “natura morta”
  Poesia: La Scuola di Spresiano
  Firenze. “5 Grandi Incontri con la Letteratura”
  Natale Tf2014/ “Rinascita” di Paolo Ruffilli
  Premi e concorsi/ A Macerata e Caldarola le giornate conclusive del Premio Rabelais 2011
  “La quinta essenza” di Gellu Naum. Recensione di Patrizia Garofalo
  Sulla raccolta: Le stanze del cielo. Domande a Paolo Ruffilli di Patrizia Garofalo
  In libreria/ “Affari di cuore” di Paolo Ruffilli. Presentazione a Ferrara il 7 novembre
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Come gli ospedali
  Patrizia Garofalo. “L'isola e il sogno” di Paolo Ruffilli
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Natura morta” di Paolo Ruffilli
  Paolo Ruffilli: Le stanze del cielo. Recensione di Ottavio Rossani
  Patrizia Garofalo: Macerata e Paolo Ruffilli di "Camera oscura"
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Natale disteso nel mistero
  Che sia un poeta a parlar di storia… Patrizia Garofalo intervista Paolo Ruffilli
  I fantasmi della gipsoteca
  Patrizia Garofalo. Vi propongo un Ruffilli d'annata
  In libreria/ Sandra Evangelisti. Intanto tutto procede
  Patrizia Garofalo: Mare D’anime (1)
  In libreria/ Costantino Kavafis. Il sole del pomeriggio
  Patrizia Garofalo: La trilogia di Paolo Ruffilli
  In libreria/ Paolo Ruffilli. Variazioni sul tema
  Patrizia Garofalo: "Forse anch'io scriverò..." Foto della Domenica 1
  Iniziative/ A Livorno un incontro su Emily Dickinson
  Emily Dickinson. Questo mondo non è Conclusione
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. Serberò il canto!
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. La primavera ritorna sul mondo...
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 838
  Un audiolibro in cofanetto nell'anniversario della morte di Emily Dickinson
  Poesia d’autore/ Emily Dickinson. 603
  Vetrina/ Emily Dickinson. Come se il mare separandosi...
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
  Gianfranco Cercone. “A quiet passion” di Terence Davies
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 323
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. Where Ships of Purple - Dove Navi di Viola
  Nel deserto (con Emily Dickinson) 1.
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy