Mercoledì , 12 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Annagloria Del Piano. Bagliori: Lucore d’acque di Giacomo Gusmeroli 
La vita come erba che sverdisce. La vita che può essere scaglia di leggerezza: negli inediti del poeta sondriese vivere è un passaggio di stagioni
(foto Michele Sansi)
(foto Michele Sansi) 
21 Dicembre 2010
 

 

«Dovremmo vederle come la prima
[e l’ultima volta,
marcarle sulle viscere dell’anima,
[le cose, i volti»

(da “Affreschi all’église grecque de Cargèse-VIII”
di Giacomo Gusmeroli)

 

 

E sembrerebbe, leggendo le poesie di questa intensa raccolta - ancora inedita - di Giacomo Gusmeroli, che lui ci sia riuscito. A marcare col ricordo e con l’inchiostro le cose della vita, riproponendole su carta e sotto la luce, anzi il lucòre, di quell’acqua speciale e dissetante che sa essere a volte la poesia.

Sono versi, questi di “Lucòre d’acque”, che ci parlano di radici, innanzi tutto. Di passato e di memorie familiari, che è poi dire ancora “radici”… La vita come un succedersi di stagioni, ognuna segnata nel mondo contadino da specifiche incombenze, da colori e da attrezzi.

Tutto ciò che è materia poetica per l’autore è vita, respira; è linfa e germoglio. La natura sa parlare e le vite degli uomini restano sullo sfondo di qualcosa di più grande, di qualcosa che avvolge in un abbraccio come sa fare una madre. È così che si può scrivere di un distacco da una persona amata percependolo come «il grande respiro della seminagione e della mietitura» oppure di un sollievo dalla paura della malattia come di «stille di rugiada» a tirar su il fiato. O ancora di un addio ai compagni con cui si è condivisa un’avventura-maestra di vita come di un «taglio netto (…), potare i tralci della vite che per giorni fa sgocciolare lacrime».

Questa materia viva di cui siamo fatti è terra che è madre e nutre, trattandoci con sacralità. A ogni essere vivente il compito di fare altrettanto.

Da qui, la compassione come sentimento che sa albergare in chi avverta chiaro in sé il valore di tutto ciò, l’umiltà di sapersi «piccoli, precari e fragili», di fronte alla «sòcca della terra» come di fronte ad ogni altro da noi (ognuno con «differenti sbirci, con differente indole, e io che sono unico, per come sono unico io a incaponirmi e a sversare la mia gabbia mentale su piedistalli»).

Ed è amore che non molla mai, quello per la madre terra, anche nelle poesie sull’alluvione in Valtellina del 1987, perché anche quel dolore, «ogni affondo delle acquee è più gogna, così doloroso», sa diventare nei versi di Giacomo Gusmeroli «lo sbocco di un pianto materno» e per chi resta nell’universa fraternità un constatare che «poi il tempo s’impenna e va, più in là cainamente stracolmo del suo sforbiciare. E noi fatti di fatti, fatti a dirci che ci si sta».

Sono tanti i ricordi che riaffiorano dai versi dell’autore: immagini che riportano a fatti e persone importanti nella sua vita, una bicicletta o un orologio, una contrada di sassi o i pascoli dell’alpe, una fotografia… tutto a testimoniare l’amore per i genitori, per il padre, verso i propri figli.

Ed è molta spiritualità, approccio al divino, a permeare la poetica di Giacomo Gusmeroli, anche se una sola volta compare esplicitamente la parola Dio. Quasi, c’è da scommetterci, per una forma di riserbo dell’autore, quella sua voglia appena accennata di «incontrare un poeta o forse voglia di eremi di transito… di Dio…».

 

Annagloria Del Piano

 

 

 

Da “Lucòre d’acque”

di Giacomo Gusmeroli

 

 

A SEMINAGIONE

sei uno millenovecentoventi

E A MIETITURA

+ trenta dodici millenovecentonovantasette

 

Te sull’ottomana assente e consunto

dalla imminente morte: un

corpo

tutto munto

all’ultimo tratto. Emetti fuori

il grande respiro della seminagione

e della mietitura. Estrema linfa del

mio germoglio.

 

 

da   (Mattutino)   ai   (Vespri)

      con Daniela

Jacopo       e     Matilde 

 

Viene l’alba e noi semisvegli lì

fra il reggiseno in bilico sulla sedia

i libri sghembi sul pavimento, la

borsa preparata sulla scrivania. Il

treno delle seieventisette è scomparire

improvviso dei corpi, figli che dormono

ancora. Un magone tagliente nell’aria.

 

I giorni dispariscono e di corsa e dalle rovine

viene giù la sera come un

attracco esile - quella stanchezza

dei lineamenti svasati

del volto - e se ne sente il defluvio ruscellante

 

[di questa vena quotidiana.

 

 

Diciassettedieci

 

Questo è una fase della vita: più pregna, maturata,

che invecchia, come il vino, come i seni della madre,

ultralimitata come un azzardo…

Poi tutto il greve peso dei pesi sulla groppa,

le gioie violente, la tensione lacerante

sgraverà come una sfiorata di vento salmastro

sulle foglie giallastre-viola dell’acero montano

dove la bruma spariglia le zone erbose

e la scorza scomponendo

anche i pensieri, e il calore

della terra, il colore

che mastrugni quando la dissotterri

a svellere le contorsioni

delle radici prossime all’albero del sambuco

che osserva

le frange biondo-oro del maggiociondolo

e le scarpe sderenate

ormai piccole dei piedi dei figli.

 

 

FOTOGRAFIA

 

Ritratto [ - - ] allegrezza

e povertà, ammiccanti fuori la casa sullo scrimolo

NOI 6

e addosso scolorenti, umili indumenti.

3 – luglio - 62 (là dove incrudelisce l’azzurrità)

alla Paia, non ci sono latrine con l’acqua, non

[ci sono inutilità

per i genitori

e per i figli. Bellissime a rasomuro e rasoombra lì

[le facce, come

un oscillìo d’una nell’altra, non si può pensare

l’una senza l’altra.

Fanno suléngul* gli zoccoli cariósi con la tomaia di

[cuoio

e le poche altre cose: la panca, il tavolo,

il fiasco vuoto del Chianti, un bastone…

e

se ti slitta in mente poi che il Giovanni lui è lì

ma non c’è più

vai via di fiato………………………………………………”

 

 

* Suléngul: parola intraducibile; quasi a dire un senso di solitudine di tristezza di abbandono e di malinconia.

 

 

 

Mercoledì 22 dicembre alle ore 20:30, a Sondrio presso la Sala del BIM - LungoMallero Diaz, 18 - Giacomo Gusmeroli leggerà le sue poesie, accompagnato da Elisa Genetti al flauto traverso e da Mattia Ciapponi, cantautore e musicista.

Organizzazione: Associazione GEA di psicosintesi.


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy