Venerdì , 06 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ “Affari di cuore” di Paolo Ruffilli. Presentazione a Ferrara il 7 novembre 
Con recensione di Patrizia Garofalo
30 Ottobre 2011
 

Biblioteca comunale “Ariostea” di Ferrara

Sala Agnelli – Via Scienze, 17

Nell'ambito degli “Appuntamenti culturali

Novembre 2011”:


Lunedì 7 novembre, ore 17

Letture in Teatro Anatomico

Paolo Ruffilli

AFFARI DI CUORE
(Edizioni Einaudi 2011)

Dialoga con l’Autore Matteo Bianchi

 

La grande poesia italiana è ospite a Ferrara dell’Associazione Culturale Gruppo del Tasso, con la prima presentazione in Italia dell’ultima raccolta di Paolo Ruffilli edita da Einaudi lo scorso settembre. Un libro per amore, quasi i versi stessi siano i segni visibili della passione… e sfumata è la possibilità di trattenerla, se non rinchiudendola nella poesia: «Sei sciolta in me/ anima e corpo,/ anche se dici/ che, nella lontananza,/ il tempo attenuerà/ ogni cosa/ e ci farà sbiaditi/ e disintossicati/ l’uno dell’altra/ (soli, di nuovo,/ e ancora più traditi)». Un amore della parola che s’intreccia, si fonde a quello fisico di una relazione che ha avuto momenti di luce e di ombra, come tutte le umane storie attraversate con intensità.

L’autore, originario di Forlì, vive a Treviso dal 1972. Ha pubblicato diverse raccolte in versi, tra le quali Piccola colazione (Garzanti 1987), Camera oscura (Garzanti 1992), La gioia e il lutto (Marsilio 2001) e Le stanze del cielo (Marsilio 2008), che su Rai News gli è valsa l’appellativo di «poeta che risveglia la coscienza civile». Ha tradotto Gibran, Tagore e i metafisici inglesi

Matteo Bianchi dialoga con l’autore nella suggestiva cornice del Teatro anatomico della Biblioteca Comunale Ariostea.

L’autore stesso, accompagnato dalla voce di Alessandro Tagliati, legge le sue liriche.

 

A cura dell’Associazione Culturale Il Gruppo del Tasso

 

 

 

RECENSIONE DI PATRIZIA GAROFALO

Affari di cuore di Paolo Ruffilli

 

«Dell’erotismo innanzitutto si può dire
che esso è l’approvazione della vita
fin dentro la morte»

(Georges Bataille, L’erotismo, 1957)

 

Che l’amore sia tiranno dell’uomo, padrone indiscusso del suo desiderio e delle sue pulsioni e che artatamente affligga l’umanità nell’illusione perpetrata di un’impossibile interezza come sosteneva Schopenhauer, che sia il mito di Eros, della bellezza, della tensione all’assoluto, un semidio pulsante nelle vene, nelle faglie della terra, nelle aperture celesti come leggiamo nel Simposio di Platone, esso vive deflagrante nei versi dell’ultimo lavoro di Paolo Ruffilli. Le illusioni del reale immaginato anche se fallaci servono a vivere e l’eros, pur nella costante dicotomia tra l’io e la totalità, può essere agito anche in un solo attimo: «amerò finalmente/ solo per amare»; «…e non voler niente altro, se non essere te/ dentro di te/ nel cuore del tuo cuore/ diventato parte/ del tuo stesso odore». In questa dichiarata gratuità dell’assolutezza nell’amplesso, percepisco una possibile chiave di lettura di «affari di cuore». La mitologia dell’amore si libera dagli ancestrali legami del pensiero convenzionale e s’impronta sulle lenzuola di un linguaggio, spartito musicale combaciante alle variazioni ritmiche del corpo. «È l’amore/ la sola chiave/ che aprendo i cuori/ dilata i pori/ e le fessure/ fino a farne falle/ passi e gole/ mentre annoda/ le figure/ …».

Il verso di Ruffilli segue l’andamento verso un ancestrale pre-natale, una morte per mare, una crocifissione con risorgenza, un pensiero odorato di pelle, del bagnato dei corpi, del bacio che canta e esplode nel contatto dell’amore profumato da arancia matura. «.../ è come ritrovare/ un’altra vita/ che pensavi/ di avere/ ormai perduta». «Non voglio più baciare con la bocca che hai baciato».

È coraggioso e veramente complesso parlar d’amore senza che esso non sia insidiato da luoghi comuni, stereotipi, perbenismi e romanticherie, nella sua essenza più profonda di fusione del pensiero corporeo e del corpo pensante e, mentre... «È un segno che s’incide/ e resta addosso/ che prende/ autonomo possesso/ dentro il cuore/ alla sola/ sua maniera,/ e non importa/ che poi duri un’ora/ o la vita intera», è anche pensiero che «non cessa/ di amare nel difetto/ quando smette/ di ascoltare/ il suo rumore». L’amore è ancoraggio all’incertezza della vita, alla sua caducità, pena, supplizio e forza da ascoltare, rubare dagli occhi, vivere nell’assenza che mirabilmente si misura in questi versi: «Voglio/ che in mia assenza/ ti parlino/ le cose/ che ti ho dato/ e, se io non posso/ che restino con te/ a raccolta/ per farti toccare lì/ il vuoto/ senza una risposta/ che mi lasci/ addosso, tu,/ e che io provo/ senza sosta/ del tutto inaspettato/ dopo essere stato/ così con te/ ogni volta», che snoderanno nel testo un originale vocabolario “di battaglia” a significare l’intimità segreta dell’agito amoroso: arma, battaglia, sconfitta, trionfante, lama, carneficina, prigioniero, ferito. Nella sua prorompenza esso s’impossessa – «Non mi accontento di niente nel mio volere solo l’assoluto» – di un altrove onirico, sacrale e leopardianamente infinito, come «…crocifisso, risorto, divina offerta, sacra sindone», per connotare «l’infinito quotidiano/ lasciato in sorte/ al corpo dell’amore/ ...».

È di rilievo notare come, rispetto alla precedente produzione letteraria, Ruffilli, in Affari di cuore ribalti il rapporto che dalla coscienza soggettiva del limite si apriva ad ipotesi di azzurri luminosi di speranza, di finestre aperte al cielo, di intense Pietà, per accogliere l’altrove nei corpi dell’amore: «ti voglio in tutta la tua carne…/ alla divina offerta consacrata/…dell’amore/ e alla sua carneficina/ fino a “Il sacro vi si infanga/ e si bestemmia,/ salvato/ nel suo essere violato/ ...».

Sofferenti, felici, smarriti, innamorati, spaesati, vibranti, intensi, pagani, sacrali… questa volta si firmano “terra” i cieli di “Affari di cuore”.

 

Paolo Ruffilli

Affari di cuore

Einaudi, pagg. 140, € 12,00


Articoli correlati

  Annalisa Miani. Paolo Ruffilli in Un'altra vita
  Paolo Ruffilli. Tutto il possibile
  Paolo Ruffilli. Un’altra vita
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Dalle pareti aperte
  Paolo Ruffilli: Diario di Normandia. Recensione di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Conversazione con Paolo Ruffilli su “natura morta”
  Firenze. “5 Grandi Incontri con la Letteratura”
  “La quinta essenza” di Gellu Naum. Recensione di Patrizia Garofalo
  Sulla raccolta: Le stanze del cielo. Domande a Paolo Ruffilli di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Come gli ospedali
  Patrizia Garofalo. “L'isola e il sogno” di Paolo Ruffilli
  Patrizia Garofalo. Ruffilli nelle pagine dedicate ad Emily Dickinson
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Natura morta” di Paolo Ruffilli
  Paolo Ruffilli: Le stanze del cielo. Recensione di Ottavio Rossani
  Paolo Ruffilli. Passione e morte di Cristo
  Vetrina/ Natale è tellus. 3
  Patrizia Garofalo: Macerata e Paolo Ruffilli di "Camera oscura"
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Natale disteso nel mistero
  Che sia un poeta a parlar di storia… Patrizia Garofalo intervista Paolo Ruffilli
  Patrizia Garofalo: Mare D’anime (1)
  Premi e concorsi/ A Macerata e Caldarola le giornate conclusive del Premio Rabelais 2011
  I fantasmi della gipsoteca
  In libreria/ Sandra Evangelisti. Intanto tutto procede
  Patrizia Garofalo. Vi propongo un Ruffilli d'annata
  In libreria/ Costantino Kavafis. Il sole del pomeriggio
  Patrizia Garofalo: La trilogia di Paolo Ruffilli
  Vetrina/ 1. Centinaia
  Natale Tf2014/ “Rinascita” di Paolo Ruffilli
  Poesia: La Scuola di Spresiano
  In libreria/ Paolo Ruffilli. Variazioni sul tema
  Patrizia Garofalo: "Forse anch'io scriverò..." Foto della Domenica 1
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy