Lunedì , 12 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Malini. Il 20 settembre 1992 è morto Kadish, artista e testimone della tragedia umana
20 Settembre 2016
 

Il 20 settembre 1992 è morto a New York (Usa) lo scultore e pittore statunitense Reuben Kadish. Aveva 79 anni. La sua famiglia ebraica – i genitori e due fratelli minori – era emigrata negli Stati Uniti da Kovno, nella Russia zarista (oggi Kaunas, Lituania). Nel 1920 la famiglia Kadish si è trasferita a Los Angeles. Ha studiato con Thomas Hart Benton. Interessato all’arte sociale e convinto che il lavoro dell’artista dovesse contribuire a rendere il mondo un posto migliore, si è dedicato con passione ai murales, collaborando con David Alfaro Siqueiros. È stato amico di Jackson Pollock, Philip Guston e altri esponenti dell’Espressionismo astratto, ma non ha mai ottenuto gli appoggi riservati agli altri artisti della corrente: oggi sappiamo che l’Espressionismo astratto è stato sostenuto e finanziato dalla Cia nel periodo della Guerra Fredda. In realtà Reuben Kadish non è stato “espressionista” né “astratto”. La sua opera è piuttosto un memoriale, che non ha eguali nella produzione di alcun artista mai vissuto, in cui si elevano – come alberi in un giardino dei Giusti – volti, corpi, materia e immagini che collegano il nostro tempo agli anni più tragici della storia. Gli anni della Shoah (cui Reuben e la sua famiglia sfuggirono, ma che travolse la comunità ebraica della loro città natale, Kovno), gli anni delle guerre e delle carneficine, il tempo di Hiroshima e Nagasaki. Il tempo da non dimenticare. Personalmente, se dovessi esprimere il mio parere sul più significativo artista moderno degli Stati Uniti d’America, non avrei dubbi. È lui, Reuben Kadish. Quasi dimenticato dalla critica e dai musei, ma grande, coraggioso, emozionante: un genio e un testimone fondamentale per il ruolo che l’arte ha da sempre nella civiltà. Il significato dell’opera dell’artista è diffuso nel mondo a cura della Reuben Kadish Art Foundation.

 

Roberto Malini


Foto allegate

Articoli correlati

  “L’oro di Milcik”. Un concerto per la Giornata della Memoria 2009
  Giornata della Memoria: Le vostre orme leggere
  “Gli scomparsi” di Daniel Mendelsohn
  Vetrina/ Roberto Malini. In morte di Shlomo Venezia, testimone della Shoah
  I giovani ricordano la Shoah
  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  L’8 giugno alla Rocca di Sassocorvaro inaugurazione della mostra “Artisti dell’Olocausto"
  Festival Fare Memoria 2016
  L’artista santhiatese Ennio Cobelli dona al poeta Roberto Malini la sua opera “Holocaust”
  Giorno della Memoria 2016: poeti e musicisti a tavola con Anne Frank
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
  Eugenio de' Giorgi. “Affittasi monolocale zona Ghetto” con il Teatro Olmetto
  Roberto Malini. Il 18 settembre 1926 è nato Joe Kubert, genio del fumetto
  Biblioteca della Valchiavenna. La Shoah in casa
  Ionne Biffi. Gusen: infanzia negata
  Una poesia di Roberto Malini dedicata ad Anne Frank
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo? Reato di opinione!
  Shoah: tavole rotonde, commemorazioni, concerti per ricordare
  In libreria/ Susanne Raweh. La storia della nonna bambina
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Pietre in cui inciampa la coscienza: i “Stolpersteine”
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Poesie per non dimenticare
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
  Vetrina/ Patrick Sammut. Giorno della memoria
  Federica Bonzi, Enrico Marco Cipollini. Memoria, memorie...
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Matteo Moca. “Shoah”, Lanzmann e la memoria
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  SHOAH RIFLESSIONI & OMAGGI
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  Il 19 aprile è "Yom HaShoah", il Giorno della Shoah
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  TEREZIN: frammenti di vite in attesa dello sterminio
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  La ragazza con la fisarmonica
  Milano, binario 21
  Arcigay Arezzo per la Giornata della Memoria ricorda l'Omocausto
  Liceo Ceccano. Giornata della Memoria 2009
  Enrico Peyretti. Memoria della com-passione
  Benedetto Della Vedova. Fame... iraniana
  Roberto Malini. È morto Wiesel
  Anne in the Sky: un grande messaggio di pace
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy