Lunedì , 10 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
27 Gennaio 2009
 

Alla vigilia della Giornata della Memoria, leggo che a Lucca è vietato aprire ristoranti etnici.

«Il nuovo regolamento comunale per bar locali e ristoranti - licenziato in consiglio comunale giovedì scorso - infatti prevede che, nel centro storico del capoluogo toscano “al fine di salvaguardare la tradizione culinaria e la tipicità architettonica, strutturale, culturale, storica e di arredo non è ammessa l’attivazione di esercizi di somministrazione, la cui attività svolta sia riconducibile ad etnie diverse”. E la norma vale anche in caso di subentro. Tra le prime ‘vittime’ ovviamente i venditori di kebab, ma di fatto, la regola si può applicare anche ad altre cucine, come quella messicana, indiana o francese».

E torniamo alla Memoria: gli Ebrei, gli Slavi e i Polacchi, i Rom, gli omosessuali, i dissidenti tedeschi, i comunisti, i testimoni di Geova, i Pentecostali e sicuramente ne scordo qualcuno, minacciavano il mondo a partire da quello tedesco e morirono a milioni: era necessario ampliare il territorio nazionale, necessario allargare il Lebensraum, lo spazio vitale.

Il 27 gennaio le Istituzioni in Italia hanno creato una ricorrenza detta Giornata della Memoria, istituita con la legge n. 211 del 20 luglio 2000, aderendo all’internalizzazione della commemorazione delle vittime del nazismo, del fascismo e dell’Olocausto e di tutti coloro che hanno messo a rischio la stessa propria esistenza per salvare gli oppressi e i perseguitati. La data fu scelta ricordando quel giorno come il giorno dell’Abbattimento dei cancelli di Auschwitz.

I fatti raccontano pure che i sovietici erano già arrivati precedentemente a liberare dei campi, come quello di Chelmno e Belzec, detti di “annientamento”.

E allora mi appare ancora un delirio da svegli, questo tempo della Memoria e queste Giornate, dedicate ora alla mamma, ai fidanzati, ai morti sul lavoro, alla Liberazione, alle Foibe, ai nonni, alle donne, alle vittime della violenza, ai diritti umani…

Donne uomini e bambini vengono uccisi, oggi, in ogni angolo di mondo.

La loro esistenza è una minaccia e vale uno sterminio, scegliendo ora una casa e una strada e domani un’altra.

Febbrilmente si costruiscono muri e fili spinati e cancelli che contengano donne e uomini e bambini.

E il Giornalismo illuminato e nazionale, come quello della Rai Tg1, nella domenica precedente alla Memoria, non ha trovato di meglio che creare un sondaggio per i lettori del web, che questo: «Secondo voi chi ha violato il diritto internazionale nella guerra a Gaza?

  • Israele, con le bombe al fosforo in centri urbani

  • Hamas usando civili, donne e bambini, come scudi umani

  • Tutti e due i contendenti

  • Nessuno dei due».

Diceva Tiziano Terzani, poco prima di morire e ne era perfettamente consapevole, che nel giornalismo non si è mai obiettivi… la verità e aldilà dei Fatti e al giornalismo non interessa, invitando tutte tutti ad andare più vicino e rinunciare a quella “pernacchia” di notizia di pochi secondi.

Dicono che entrare nel Lager, averci fatto vedere le immagini, sentire e leggere le testimonianze di chi ci ha vissuto, fa capire la disumanizzazione di quel sistema della Fabbrica di morte e ci fa bene ricordare, per la Pace nel mondo.

Forse l’unica che vorrebbe morire qui in Italia, almeno per quanto è noto, è Eluana Englaro e forse potrà farlo.

Come forfora caduta sulle spalle, ci chiedono di dare una scrollatina e varrebbe la pena ricordare che all’entrata del campo di concentramento c’era scritta la più grande menzogna della storia: “Il lavoro nobilita l’uomo”.

E il lavoro si svolgeva a coppie nei campi di concentramento-lavoro, trasportando cataste di legna, massi e altro e l’unica atroce scelta era quella di trovare un compagno forte e robusto. E la selezione si perpetuava ad opera degli oppressi stessi proprio come gli oppressori volevano, nella tragica alleanza contro i più deboli.

E noi leggiamo, vediamo, ascoltiamo le notizie, televisioni e giornali ripetono per le piccole violenze nostrane “LE NOTTI SI CARICANO DI PAURE E RABBIA”.

Una maggioranza silenziosa ha sempre permesso che una minoranza dirigesse il suo sguardo e la sua mente, lontano dai misfatti e accompagnando la MEMORIA di quella Storia non scritta da noi. Aprite le gabbie.

 

Doriana Goracci


Articoli correlati

  Doriana Goracci. Intrufolando Badanti e Bavaglioli in disavanzo
  Doriana Goracci / Vincenzo Serra: Appesi. In morte di Francesco Mastrogiovanni
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  Doriana Goracci: l’8 marzo di un arcivescovo brasiliano e del Vaticano
  Doriana Goracci, Vincenza Perilli: Storia di una donna migrante. Oblò Mondo 9
  Doriana Goracci: Madonna porterà aiuto ai terremotati dell’Abruzzo
  Doriana Goracci: Altezza pura e impura e altre vicende papali papali
  In morte di un blogger il Primo Maggio. Ricordo di Giuseppe Gatì. Musica di Fabrizio De Andrè
  Doriana Goracci: Barbara Matera e le donne dei fornelli prese per i fondelli
  Doriana Goracci: Razzismo vecchio e nuovo. Una mappa per il web a febbraio.
  Storia e apprensioni di Beritan Gulmez raccolte da Doriana Goracci
  Doriana Goracci: Piccolo requiem anarchico per Michele
  Vittorio Oliva: GPL - Testimonianza raccolta da Doriana Goracci.
  Da una tenda abruzzese. Quello che la Rai non fa vedere, che i giornali non dicono
  Doriana Goracci: Avere e non avere C.A.S.E. all’Aquila
  Doriana Goracci: Terremoto a sorpresa? rilevazioni annunciavano sua presa.
  La storia di Barbara insegnante precaria siciliana sulle scale del Ministero
  Doriana Goracci: Stando in famiglia. Sul Caso Marrazzo con dintorni sessuali e materiali
  Doriana Goracci: Anti-Clericale Anti-Giuliano Anti-Ferrara per l’autonomia della donna
  Doriana Goracci: Ricordando la strage di soldati italiani a Kabul e della verità sulla guerra.
  Doriana Goracci: Stragi di uomini, di bambini, della libertà di stampa…
  Doriana Goracci. Su eventi di economia e di nornale idiozia politico-televisiva (Gelmini-Miss Italia)
  Doriana Goracci: Sabatino Catapano vivo per Francesco Mastrogiovanni morto
  Doriana Goracci: Fede e papi come sceneggiatura filmica continua.
  Doriana Goracci: L’archivio di Dario Bellezza all’asta e dire poesia gay offende e basta…
  Sul 25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
  Doriana Goracci: Verba volant sisma manent. Militarizzazione per il G8 all'Aquila
  Dorian Goracci: Tracce di letture e di vite per il 25 Aprile. Nuova Resistenza
  Doriana Goracci: La militarizzazione in Abruzzo contro il G8.
  Doriana Goracci: Congo e vaccini, Congo e mitraglia. Oblò Mondo 10
  Doriana Goracci: il bacio e il sangue. Con superlativi video...
  Doriana Goracci. Benedetto XVI a Viterbo il 6 settembre 2009. Impressioni Web
  Doriana Goracci: In materia di migrazioni povere e ricche
  Tutto ma proprio tutto quello che dovete sapere. Sulla morte di Eluana, su Stasi e il porno…
  Doriana Goracci: Panegirico sugli assorbenti e altre liquide presenze
  Doriana Goracci. Pulitori d'Italia
  Doriana Goracci: Corpi sofferenti scritti - fotografati - cantati. Berlusconi - Mastrogiovanni - Gaber
  Doriana Goracci: Che il cenone di fine anno porti consiglio ad Obama!
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Doriana Goracci: L'inferno di Viareggio, inferno con GPL e treni ferrovecchio
  Doriana Goracci: Javier Lozano Barragan in pillola per il giorno dopo ogni inquisizione
  Doriana Goracci: Processi che vanno e vengono nella storia nelle biografie.
  Doriana Goracci: Il mio urlo oggi dentro altri urli. Racconto illustrato
  Doriana Goracci: Frammenti di lettere d'amore dal web a Tellusfolio
  Doriana Goracci: Assolti chi massacrò a Genova per il G8. Condannati i manifestanti.
  Doriana Goracci: Nazifascisti a Milano con Roberto Fiore
  Doriana Goracci: Capitalismo oggi e “Manifesto per una nuova politica” di Paolo De Gregori
  Doriana Goracci: Con "Gracias a la vida" alla manifestazione antirazzista. Roma 17 ottobre
  Doriana Goracci: Carte Revolver e Taranta Precaria ai vertici legali dell'American Express Italia?
  Doriana Goracci: Perversa proposta del ministro Brunetta sulle donne in pensione a 65 anni
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  Matteo Moca. “Shoah”, Lanzmann e la memoria
  Biblioteca della Valchiavenna. La Shoah in casa
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  L’8 giugno alla Rocca di Sassocorvaro inaugurazione della mostra “Artisti dell’Olocausto"
  L’artista santhiatese Ennio Cobelli dona al poeta Roberto Malini la sua opera “Holocaust”
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Giorno della Memoria 2016: poeti e musicisti a tavola con Anne Frank
  Eugenio de' Giorgi. “Affittasi monolocale zona Ghetto” con il Teatro Olmetto
  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  Roberto Malini. È morto Wiesel
  Vetrina/ Roberto Malini. In morte di Shlomo Venezia, testimone della Shoah
  Benedetto Della Vedova. Fame... iraniana
  “Gli scomparsi” di Daniel Mendelsohn
  Una poesia di Roberto Malini dedicata ad Anne Frank
  Shoah: tavole rotonde, commemorazioni, concerti per ricordare
  “L’oro di Milcik”. Un concerto per la Giornata della Memoria 2009
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  Giornata della Memoria: Le vostre orme leggere
  In libreria/ Susanne Raweh. La storia della nonna bambina
  Anne in the Sky: un grande messaggio di pace
  Roberto Malini. Il 18 settembre 1926 è nato Joe Kubert, genio del fumetto
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  Pietre in cui inciampa la coscienza: i “Stolpersteine”
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Poesie per non dimenticare
  Federica Bonzi, Enrico Marco Cipollini. Memoria, memorie...
  I giovani ricordano la Shoah
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  SHOAH RIFLESSIONI & OMAGGI
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo? Reato di opinione!
  Ionne Biffi. Gusen: infanzia negata
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  TEREZIN: frammenti di vite in attesa dello sterminio
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Il 19 aprile è "Yom HaShoah", il Giorno della Shoah
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  La ragazza con la fisarmonica
  Milano, binario 21
  Arcigay Arezzo per la Giornata della Memoria ricorda l'Omocausto
  Roberto Malini. Il 20 settembre 1992 è morto Kadish, artista e testimone della tragedia umana
  Festival Fare Memoria 2016
  Liceo Ceccano. Giornata della Memoria 2009
  Enrico Peyretti. Memoria della com-passione
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  Vetrina/ Patrick Sammut. Giorno della memoria
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy