Mercoledì , 12 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Enrico Peyretti. Memoria della com-passione
27 Gennaio 2010
   

Nel giorno in cui si fa giusta e meditata memoria della Shoah, anzi dell'interruzione (con l'entrata ad Auschwitz dell'Armata Rossa) di quel progetto già terribilmente avanzato di sterminio crudelissimo, scientifico e sistematico, un vero fallimento dell'umanità, è giusto esprimere solidarietà al popolo ebraico, nel clima di un discorso franco e sincero.

Proprio la facoltà sviluppata e raffinata della memoria caratterizza la cultura e la storia magistrale, l'identità stessa spirituale, di questo popolo. Per i suoi contributi al pensiero, all'arte, alle scienze, alla religione, alla capacità di vivere come popolo tra i popoli senza né semplicemente assimilarsi né autoghettizzarsi, che è un modello delle convivenze ormai necessarie dappertutto, il popolo ebraico deve essere da tutti ringraziato.

Perseguitato più volte per grettezza morale altrui, anche dei cristiani, con indegni pretesti teologici, persino durante la persecuzione massima nazista ha espresso anche esempi imperdibili e fecondi di resistenza morale nonviolenta: Etty Hillesum, Edith Stein, Anna Frank (e non a caso sono nomi di donne i primi che vengono alla mente). In seguito a ciò, il popolo ebraico, nel suo movimento sionista, ha confidato di potersi difendere da nuovi simili pericoli col farsi uno stato come gli altri stati, con una decisione da rispettare, ma resa discutibile dai fatti seguitine.

Lo stato ebraico si è realizzato a spese del popolo palestinese, colpito a sua volta dalla “sciagura” (nakbah) di una politica di espulsione. Da quell'origine non saggia dello Stato di Israele, dalla difficoltà di accettarlo da parte di quella regione araba, sono discesi dolorosi tragici difficili conflitti fino ad oggi. Oggi l'occupazione dei territori palestinesi, metodicamente tormentosa della popolazione nei suoi bisogni primari, come la mobilità e l'acqua, il lavoro e l'uguaglianza dei diritti, non fa onore a Israele, disobbediente più di ogni altro stato alle risoluzioni obbligatorie dell'Onu. La costruzione del muro, con sottrazione di terreno e divisioni interne inflitte alla popolazione palestinese nella vita quotidiana, configura una sciagurata politica di apartheid, che il mondo civile ha già condannato.


Questo giudizio non è affatto antiebraismo, anzi, vede con vera sofferenza che la politica di Israele fa ombra nel mondo e nella storia al prezioso spirito ebraico; non ha mai mancato di criticare le forme violente (e oltretutto anche erronee) della resistenza palestinese, che però ha pure forme ed esperienze nonviolente esemplari (da Awad a Bil'in); non ignora la critica israeliana interna, sebbene numericamente esile, alla politica governativa, e l'obiezione di coscienza di parecchi giovani israeliani all'occupazione militare.

L'occupazione israeliana, motivata persino col diritto biblico-divino su tutta quella terra (che non può valere nella convivenza pacifica tra popoli diversi), ha spinto i palestinesi nella disperazione, e, ultimamente con la guerra di Gaza, nella condanna iniqua a prigione e morte. I cattivi consigli della disperazione palestinese hanno terrorizzato Israele e lo rendono pericoloso, anche perché è uno stato atomico non dichiarato.


Proprio il giorno che ricorda l'orrenda offesa e dolore del popolo ebraico è il momento per associare a questo dolore tutto quello provocato dalla compresenza conflittuale di Israele e Palestina. La memoria saggia e buona del proprio dolore, di un grande dolore di tutti, sia memoria di tutti i dolori ingiusti di tutti i popoli. Se ognuno resta nel proprio dolore, lascia covare odio e vendetta, e, nell'illusione stolta di liberarsi, fa sì che la storia si vendichi di tutti e faccia soffrire tutti.

Riconoscere il dolore dell'altro è la via d'uscita, perché solo la com-passione, perciò l'uguaglianza di diritti, permette la con-vivenza necessaria a tutti e a ciascuno.


Enrico Peyretti


Articoli correlati

  Milano, binario 21
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  Matteo Moca. “Shoah”, Lanzmann e la memoria
  Biblioteca della Valchiavenna. La Shoah in casa
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  L’8 giugno alla Rocca di Sassocorvaro inaugurazione della mostra “Artisti dell’Olocausto"
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Giorno della Memoria 2016: poeti e musicisti a tavola con Anne Frank
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  L’artista santhiatese Ennio Cobelli dona al poeta Roberto Malini la sua opera “Holocaust”
  Eugenio de' Giorgi. “Affittasi monolocale zona Ghetto” con il Teatro Olmetto
  Roberto Malini. È morto Wiesel
  Vetrina/ Roberto Malini. In morte di Shlomo Venezia, testimone della Shoah
  “Gli scomparsi” di Daniel Mendelsohn
  Una poesia di Roberto Malini dedicata ad Anne Frank
  Shoah: tavole rotonde, commemorazioni, concerti per ricordare
  “L’oro di Milcik”. Un concerto per la Giornata della Memoria 2009
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  Giornata della Memoria: Le vostre orme leggere
  In libreria/ Susanne Raweh. La storia della nonna bambina
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Pietre in cui inciampa la coscienza: i “Stolpersteine”
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Poesie per non dimenticare
  Benedetto Della Vedova. Fame... iraniana
  Roberto Malini. Il 18 settembre 1926 è nato Joe Kubert, genio del fumetto
  Roberto Malini. Il 20 settembre 1992 è morto Kadish, artista e testimone della tragedia umana
  Il 19 aprile è "Yom HaShoah", il Giorno della Shoah
  Federica Bonzi, Enrico Marco Cipollini. Memoria, memorie...
  I giovani ricordano la Shoah
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  SHOAH RIFLESSIONI & OMAGGI
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
  Ionne Biffi. Gusen: infanzia negata
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  TEREZIN: frammenti di vite in attesa dello sterminio
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  La ragazza con la fisarmonica
  Arcigay Arezzo per la Giornata della Memoria ricorda l'Omocausto
  Festival Fare Memoria 2016
  Liceo Ceccano. Giornata della Memoria 2009
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo? Reato di opinione!
  Anne in the Sky: un grande messaggio di pace
  Vetrina/ Patrick Sammut. Giorno della memoria
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
  È la lettura d’oggi: Etty Hillesum
  Giuseppina Rando. Rilevanza storica e psicologica degli scritti della Hillesum
  Giuseppina Rando. Empatia
  Giuseppina Rando. Azione
  In viaggio con Anne Frank: miracoli della memoria unita alla poesia
  I magnifici quindici... Le peripezie di una bambina ebrea
  Domenica/ Matteo Moca. Nanni Moretti e Veltroni, Philip Glass e Beckett
  Flavia Dragani. A proposito delle pagine “sessualmente esplicite e traumatizzanti” di Anna Frank
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy