Giovedì , 14 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maurizio Benazzi. “È tempo di metterle al bando!” 
Attivisti di tutta Europa davanti alle basi con armi nucleari, in vista avvio negoziati Onu
(Foto di ICAN)
(Foto di ICAN) 
26 Marzo 2017
 

Chi pecca un'altra volta, guarda al peccato come a qualcosa di permesso.

Talmud

Un’opera buona si compie sempre con sforzo, ma quando lo sforzo è ripetuto alcune volte, allora l’opera diviene consuetudine.

Lev Tolstoj

 

 

A pochi giorni dall’inizio dei negoziati ONU (in avvio il 27 marzo 2017) che discuteranno la strada per un Trattato di messa al bando degli ordigni nucleari, le associazioni europee per il disarmo nucleare ricordano che le bombe atomiche sono già tra noi.

Secondo gli ultimi dati diffusi in questi giorni dalla Federation of American Scientist gli ordigni nucleari statunitensi dislocati sul continente europeo per il cosiddetto programma di nuclear sharing sono almeno 150. E si trovano in Belgio (20), Germania (20), Italia (40: 20 ad Aviano e 20 a Ghedi), Paesi Bassi (20 e Turchia (50). Secondo quest’ultimo aggiornamento dunque l’Italia non è più il Paese che ospita sul proprio territorio il maggior numero di ordigni nucleari stranieri, come invece avvenuto per diversi decenni.

Le bombe americane installate in Europa sono come detto sottoposte al cosiddetto “nuclear sharing”: alcune bombe definite a chiave singola sono bombe americane che saranno lanciate in caso di conflitto da aerei americani, altre definite a chiave doppia sono bombe americane che, in caso di conflitto, saranno lanciate da aerei del paese ospitante. Le bombe di Aviano sono a chiave singola, mentre quelle di Ghedi sono a chiave doppia.

Ma è proprio per ricordare questa situazione, che indebolisce le prescrizioni e gli obiettivi del Trattato di Non Proliferazione elaborato negli anni ’70, che gli attivisti per la pace e il disarmo di diverse organizzazioni europee si sono dati appuntamento davanti alle basi che custodiscono armi nucleari per dire con forza “È arrivato il momento di andarsene! Mettiamo al bando le armi nucleari! Time to go! Ban nuclear weapons!

In questi ultimi giorni gruppi disarmisti hanno organizzato azioni fotografiche coordinate davanti alle installazioni militari nucleari dei propri paesi, come gesto di sostegno ai negoziati per un Trattato che metta al bando le armi nucleari, in avvio a New York lunedì 27 marzo.

«Il contesto del possibile trattato ONU sulla proibizione della armi nucleari sarebbe molto utile per procedere alla rimozione delle armi nucleari installate su territorio altrui» sottolinea il prof. Paolo Cotta Ramusino, Segretario Generale Pugwash. «Con un Trattato ONU i paesi non nucleari diverrebbero di fatto zone libere da armi nucleari. E questo sarà possibile anche se i Paesi che possiedono armi nucleari non aderiranno, come è da prevedersi, al Trattato stesso».

Le manifestazioni si sono svolte davanti ad Aviano e Ghedi (Italia), Kleine Brogel (Belgio), Büchel (Germania) e Volkel (Paesi Bassi) e hanno creato molto interesse sui negoziati delle Nazioni Unite.

«Tutte queste iniziative servono a esplicitare come le popolazioni europee e la società civile siano chiaramente in favore del disarmo nucleare, mentre i Governi continuano a scegliere di basarsi su una teoria ormai antiquata e inefficace come quella della deterrenza», sottolinea Francesco Vignarca di Rete Disarmo, «ma il punto vero è che l’impatto umanitario degli ordigni nucleari è ormai incontrollabile e per questo il mondo dovrebbe cambiare direzione».

I manifestanti in Belgio, Italia, Germania e Paesi Bassi chiedono ai loro governi di partecipare, con spirito costruttivo, ai negoziati sulle armi nucleari a partire da una immediata rimozione degli ordigni dai loro paesi.

Inoltre, nei parlamenti del Belgio e dell’Italia si sono presentate o si presenteranno mozioni per impegnare i governi a partecipare in buona fede ai negoziati, impegno già assunto invece formalmente dal governo dei Paesi Bassi.

 

Maurizio Benazzi

(da newsletter Ecumenici, 25 marzo 2017)


Articoli correlati

  Viterbo. Nell'anniversario del test di Alamogordo
  Enrico Peyretti. Le religioni neghino il diritto alla difesa armata
  SenzAtomica. Trasformare lo spirito umano...
  Commercio internazionale d'armi: dal nuovo Governo ci aspettiamo un aumento di trasparenza
  Un Convegno su “Armi, guerre, territorio”
  Alex Zanotelli. Armi: è questo il nostro Natale di pace?
  Alfonso Navarra. A Vienna passi avanti verso il disarmo nucleare?
  Alfonso Navarra. Conferenza ONU sul divieto armi nucleari: le potenze nucleari protestano ufficialmente
  La mostra Senzatomica approda a Sondrio
  Giuliano Pisapia. Il mio no all'insensato acquisto degli F35
  Seminario Antinucleare in Valle Susa con Radio Radicale
  Vetrina/ Luigi Fioravanti. Per far la guerra occorrono tre cose
  Carlotta Caldonazzo. Un accordo sul nucleare: necessità non necessaria
  Disarmisti esigenti. L'era atomica sta per finire
  Disarmisti esigenti: Via le armi atomiche dall’Italia!
  Alfonso Navarra. Buon 2015 antinucleare guardando a New York
  Roberto Malini. Nucleare: il mondo è in grave pericolo
  “Italia Ripensaci: ratifica il bando ONU alle armi atomiche”
  Genova. Roberto Malini in un reading per il disarmo nucleare alla Stanza della Poesia
  Lettera aperta del Movimento Nonviolento ai partiti del centrosinistra
  Alfonso Navarra. Vienna: grande pressione per il bando delle armi nucleari
  Luca Comellini. F35, promesse di Bersani e asini “volanti”…
  Alfonso Navarra. La buona novella di Ginevra raccontata e diffusa da Palermo (23 settembre)
  Sondrio. La conferenza di SENZATOMICA per un mondo libero da armi nucleari
  Roberto Malini. Fermiamo le armi!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy