Martedì , 19 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Il blog di Alejandro
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A. Torreguitart. Siamo tutti finocchi
09 Giugno 2008
 

Fa un caldo che non ti dico a Luyanó, speriamo porti un po’ di turisti così metto in moto il sidecar, me ne vado in giro per L’Avana e guadagno qualche chavitos, ché l’anticipo del libro è durato poco, tra rum, cerveza clara e mulatte dai culi rotondi. Fa caldo e il condizionatore mica s’è comprato, mancano i soldi per le novità di Raúl, pure se non so che farmene d’un cellulare, tanto tanto un frigorifero nuovo, ché il catorcio sovietico regge l’anima coi denti. Ma oggi arrivano altre novità, guarda. Non è cambiato niente in cinquant’anni e ora cambia tutto in una volta. Una vera rivoluzione. Magari cambiano cose che m’interessano poco, ma cambiano. L’importante è quello, pare dire Raúl con un sorrisetto beffardo sotto i baffetti da Speedy Gonzales.

Alejandro, hai sentito la televisione? – domanda mia madre dalla cucina, mentre prepara il pranzo e separa i fagioli buoni dai cattivi.

No, mamma. Non ho sentito niente. Mi sono svegliato da poco…

Adesso danno via libera ai finocchi.

Mamma, ma cosa dici?

Sì, pare che se vai in ospedale e lo chiedi ti cambiano sesso. Tutto gratis. Paga lo Stato.

Un’altra novità di Raúl?

Sì, ma il merito è della figlia.

Mi sa che il vecchio è morto, mamma.

Tu dici?

Eh sì, lui li rinchiudeva nei campi di rieducazione, tra cartelloni con scritto Il lavoro vi farà uomini e poi giù docce gelate, botte, patate lesse e scarafaggi...

Sono cambiati i tempi, Alejandro – fa mio padre.

Adesso abbiamo il comunismo transessuale?

Non fare lo spiritoso. Sono nuove libertà richieste dal popolo.

Sarà, io non ho mai chiesto niente…

Questa discussione è durata anche troppo. Saluto i vecchi, scendo le scale, me ne vado a spasso per questa città di macerie che si sarà svegliata bene dopo la grande notizia. Mica roba da poco, si può cambiare sesso, sei un uomo e non ti va bene diventi donna, sei donna e ti butta male diventi uomo, basta che tu non dica sei cubano e vuoi scappare a Miami, quello no, non è permesso.

Arrivo all’angolo della strada.

Dammi il Granma, amico – dico al solito negro dal sorriso ebete.

Hai la diarrea, compagno? Lo compri spesso…

No, mi devo documentare sui finocchi.

E ti serve il Granma? Guardati intorno…

Ce ne sono così tanti?

In aumento. In terribile aumento.

Tanto fanno con il loro, no? A me non danno fastidio.

Apro quel bel giornalone che puzza di carta riciclata.

Non faccio troppa fatica. La notizia è in prima pagina.

Gli interventi per il cambio di sesso sono stati autorizzati da un decreto siglato dal ministro della Sanità, José Ramon Balaguer, e saranno effettuati dagli ospedali pubblici. Più di cento persone avevano richiesto di essere riconosciute come transessuali a partire dal 1979.

Allora è proprio vero che Raúl pensa alle cose concrete. Intanto ha risolto i problemi di cento finocchi. Per il resto dei cubani si sta organizzando. Prendiamo il positivo dalle cose. Non gettiamo via la grande occasione. Se la faccenda della letteratura mi va male cambio sesso pure io, ché di soldi italiani ne arrivano pochi e gli ultimi me li sono bevuti. Cambio sesso e mi butto a raccattare turisti sul Malecón. Un’occasione come un’altra. Tanto siamo tutti finocchi.

 

Alejandro Torreguitart Ruiz

L’Avana, 5 giugno 2008

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Mariela Castro chiede diritti per i gay cubani
  Garrincha e Mariela Castro
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Orlando Luis Pardo Lazo. Pessima poesia
  Cuba. Wendy Iriepa e Ignacio Estrada oggi sposi
  Yoani Sánchez sfida Mariela Castro
  “La discriminazione degli omosessuali è stata colpa mia!”
  A. Torreguitart Ruiz. Yoani Sánchez contro Mariela Castro
  Cuba. Omofobia e ragion di Stato
  Gay.it. Cuba. Annullato il primo Pride della storia dell'Isola
  Yoani Sánchez. Paseo orgoglioso
  Garrincha. Prostitute a Cuba
  Omar Santana. Il regalo di Ahmadinejad
  Gordiano Lupi. A Cuba aumenta la repressione
  Yoani Sánchez. Il Quartiere Rosso e le vetrine cubane
  Gordiano Lupi. “En el cuerpo equivocado” di Marylin Solaya
  La Cuba di Mariela Castro
  Yoani Sánchez. Galletta
  Yoani Sánchez sarà testimone al matrimonio di Wendy
  Cuba. Un 8 settembre di arresti e violenze
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  A. Torreguitart Ruiz. Fidel si fa da parte
  Le favole di Mariela e la stampa compiacente
  Yoani Sánchez. Breve incontro con Mariela
  Antúnez, un “diamante nero” nelle carceri cubane
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy