Mercoledì , 13 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Asmae Dachan. Uno studente mi ha chiesto…
26 Aprile 2017
 

Di fronte a me ho circa centocinquanta studenti di un istituto superiore. Hanno deciso di dedicare l’assemblea di istituto alla questione siriana e mi hanno invitata a parlarne. L’incontro si articola in una presentazione, con proiezione di foto e video e un dibattito finale. Sono giovani sensibili, preparati, e nonostante sia la quarta ora sono molto partecipi e attenti. Le domande che arrivano sono molte, ruolo della Russia, come è nato l’isis, cosa accade ai profughi, come vivono i bambini, chi sono i ribelli… Tra le tante questioni una, in particolare, mi fa pensare. Un ragazzo mi chiede: “Quando muore un giovane, come funziona da voi?”

Immagino che il “voi” sia riferito ai siriani e cerco di descrivere un funerale in tempi di guerra, con la minaccia dei cecchini che sparano sui cortei funebri, con i cimiteri ormai pieni, con tutte le difficoltà di dare un degno addio alle decine di innocenti, spesso bambini, che perdono la vita ogni giorno. Il ragazzo annuisce, poi aggiunge: “quindi anche a voi dispiace se uno muore”. Rispondo in modo affermativo, che è ogni volta una tragedia, un lutto e credo di aver capito da cosa nasca il suo dubbio. Annuisce ancora, con aria stupita, ma come sollevata.

Terminato l’incontro si avvicina e mi dice, cercando di non farsi sentire dagli altri compagni, che era convinto che “da noi” la morte fosse una festa, perché “da noi” ci sono i kamikaze. Sì, avevo capito bene la ragione della sua perplessità. Il ragazzo è convinto che “da noi”, siriani e/o musulmani, la morte sia un momento da celebrare, visto che spesso si parla di giovani che si fanno saltare in aria con la speranza di far felice chissà quale dio che promette laute ricompense e perfino il paradiso.

Non lo biasimo, mi sembra onesto e curioso, non sta di certo scherzando, ma il suo dubbio mi lascia una profonda amarezza. La demagogia dell’altro ha prodotto, nell’immaginario collettivo, dei veri e propri mostri. Il diverso, siriano/musulmano, civile o miliziano non fa differenza, è addirittura percepito come un essere privo della sua umanità, che arriva a gioire di fronte alla morte. E pensare che quella maledetta parola, kamikaze, non è nemmeno araba e che nell’islam il suicidio è considerato peccato. Le mostruosità che hanno commesso e che continuano a commettere i terroristi in ogni zona del mondo vengono sempre più percepite come un atto collettivo, da imputare alla totalità delle persone che provengono da determinati contesti religiosi e sociali. Su questo piano non si può che riconoscere la loro studiata e vincente efficacia comunicativa. Criminali patentati, come si suol dire.

Certo che se “da noi” la morte non provocasse sofferenza e dolore, i civili siriani starebbero tutti bene. Nessuna madre piangerebbe i figli strappati alla vita, nessuna vedova rimpiangerebbe l’amore del marito, nessun anziano si piegherebbe sotto il peso del dolore di sopravvivere ai giovani, ma non è così. Non lo è affatto. I morti di sei anni di genocidio e i superstiti di questo massacro meritano di essere guardati con rispetto e dignità. Va almeno restituito loro un volto umano. Almeno quello.

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 26 aprile 2017)


Articoli correlati

  Il dramma della Siria contemporanea nel romanzo di Asmae Dachan
  Maria Lampa. “Il silenzio del mare” di Asmae Dachan
  A Patrizia
  Asmae Dachan. La vita da incubo di una giovane in una tendopoli siriana
  Asmae Dachan. Di armi chimiche, di bombe a stelle e strisce e di gattini orfani
  Video-intervista a Vanessa Marzullo di Asmae Dachan (2012)
  Un progetto poesia con “Girasoli di mare” al “Donegani” di Sondrio
  Onsur. La fame non aspetta
  Asmae Dachan. Hassun, la vita dopo la morte
  Asmae Dachan. “Ho l’obbligo di rispondere alle affermazioni dell’on. Giorgia Meloni”
  Eventi/ Whats Art. Poesia e musica sulla migrazione
  Asmae Dachan. Da cosa fuggono i civili siriani?
  In libreria/ Asmae Dachan. Noura
  Asmae Dachan “nella tana degli uomini bomba”
  Sana, la ragazza uccisa dal padre in Pakistan
  Asmae Dachan. “Figlie di un dio minore”, un reportage che pone interrogativi
  Asmae Dachan. Il mio incontro con Papa Francesco
  Eventi/ “Girasoli di mare” a Macerata, sabato 18 giugno
  Asmae Dachan. Partenza da Ancona: cos’è un confine?
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. A.D. 2012, Siria
  Asmae Dachan. Siria, otto anni dopo
  Asmae Dachan. Il klashen e il triciclo nello stesso baule
  Asmae Dachan. La nebbia, una buona compagna di viaggio
  Asmae Dachan. Il terrorismo spiegato a mio figlio
  Onsur. Poesia e musica a sostegno del popolo siriano
  Asmae Dachan. “Allah, la Siria, Bashar e basta?”, recensione dell’opera di Alberto Savioli
  “Giornalisti del Mediterraneo”. Ad Asmae Dachan il premio della giuria
  Asmae Dachan. Siria: Dipingere sulla morte, la storia di Akram
  Vetrina/ Asmae Dachan. Farò del mio dolore inchiostro
  Asmae Dachan. Sono un poeta che ha prestato la sua anima alla morte
  Asmae Dachan. Siria, la favola vera del bimbo e l’uva
  Asmae Dachan. Dall'altra parte del mare
  Premio giornalismo “Universum Donna” ad Asmae Dachan, ambasciatrice di pace
  Asmae Dachan. “Non sono presente fisicamente, ma anche io partecipo alla giornata di ecumenica preghiera”
  Ordine Giornalisti Marche. Il premio "A passo di notizia" ad Asmae Dachan
  Siria, tra macerie e speranza: incontro a Recanati
  Asmae Dachan. Lettera a Mohamed Bouazizi da un’attivista siriana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy