Mercoledì , 13 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vicenza. Si rimpiange il Craxi di Sigonella 
La presa in giro del Governo è troppo forte, immotivata e su materia grave
19 Gennaio 2007
 
Il guaio peggiore della faccenda Aeroporto Dal Molin è che rompe clamorosamente il vincolo di fiducia tra governo, sua maggioranza parlamentare e suo elettorato, e non su questioni di "stile" (comunicazione non gradevole, errori di presentazione e di linguaggio ecc. ecc.) o su scelte aspre e difficili (pensioni precariato ricerca diritti civili ecc.), ma su valori di fondo, gestiti con una mediocre furberia. La furberia è una forma molto minore di intelligenza e a Prodi per solito si riconosce una buona intelligenza e una ottima preparazione e informazione specifica. La sua immagine è piuttosto di persona innocente e non doppia, la doppiezza fu scelta come grande qualità politica in altra area: Togliatti ne fece il suo capolavoro. Qualità politica che non va valutata moralisticamente, non fu infatti una piccola furberia usata a fini di proprio vantaggio personale.
Questa volta Prodi mostra un volto che non gli si conosceva: più volte ai parlamentari è stato fatto arrivare il messaggio, che la cosa non era stata decisa e che si sarebbe stati consultati, che un passaggio istituzionale ci sarebbe stato. Inoltre ciò che è stato accumulato di informazione nei mesi della lotta (cominciata la scorsa estate e culminata nella grande manifestazione popolare di dicembre) era che non vi fossero carte impegnative e che si era trattato di un accordo a voce tra Berlusconi e Bush a seguito del fatto che la Germania aveva chiesto (e ottenuto) che si levasse dal suo territorio un aeroporto militare statunitense e che gli USA chiedevano al governo "pronto a tutto" dell'Italia di metterlo in casa nostra. Si tratta di una operazione lesiva della nostra sovranità, e che rende molto più incerta la nostra sicurezza, dato che dal nostro territorio, senza che nemmeno siamo avvisati, e meno che mai richiesti di parere, potrebbero levarsi aerei che vadano a bombardare –ad esempio– l'Iran: e se dall'Iran venissero risposte militari o terroristiche, potremmo sostenere che non ne sapevamo nulla?
Si rimpiange il Craxi di Sigonella.
Invece si viene informati tardivamente e in forma impropria, che la cosa è già stata decisa e non si discute: Prodi non si è messo nemmeno d'accordo con la Difesa, che il giorno dopo sosteneva che comunque con un referendum si poteva ancora riaprire la faccenda. Tutta una gestione extraistituzionale, da cui si ricava che la nostra sovranità è molto limitata, se offerte di altri terreni sono state rifiutate dall'ambasciatore (?): ciò che è avvenuto non si può chiamare trattativa ma Diktat, né prendere in giro più di un centinaio di deputati che si erano motivatamente espressi contro l'assurda decisione.
Invece sì.
D'ora in avanti non sarà più possibile presumere una fiducia di base. Su ogni cosa bisognerà chiedere affermazioni precise e scritte, dai seminari si uscirà solo con affermazioni sottoscritte e controllate, non un bel rapporto. Ma non si può fare diversamente, la presa in giro è troppo forte immotivata e su materia grave.
Che fare? si può comunque organizzare un referendum serio come le primarie, con controlli precisi e osservatori, valido come sondaggio politico reale.
L'altra cosa è organizzare anche sul dal Molin una iniziativa come quella che un gruppo di cittadini/e ha assunto a Pordenone a proposito della violazione di sovranità rappresentata da Aviano: è stato denunciato il governo degli USA in proposito, dopo che una sentenza della Cassazione ammette che un cittadino può motivatamente querelare il governo di un altro paese, appunto per violazione della sovranità. Ricordo che la nostra Costituzione consente rinunce a porzioni di sovranità, ma solo con reciprocità: non si tratta il Dal Molin: contro l'Afghanistan: questo si chiama voto di scambio ed è un reato. Reciprocità sarebbe di pretendere dagli USA, in cambio di cessione di una porzione di sovranità territoriale, che mollino il militare che ha ucciso Calipari. O no?
Il comitato di Pordenone aveva presentato la denuncia già sotto il governo Berlusconi, che però l'aveva messa in un cassetto e non fatta procedere: è stata ritirata fuori, consegnata e adesso il governo USA ha accusato ricevuta della denuncia, l'udienza è fissata a Pordenone il 23 marzo 2007. Facciamo lo stesso per Vicenza? È una proposta.
 
Lidia Menapace

Articoli correlati

  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Il comitato di Vicenza Est: Per un presente senza basi di guerra
  Vicenza. Il digiuno di don Albino e l'abbraccio della gente
  le nuove forme di lotta
  Mao Valpiana. A Vicenza con la nonviolenza
  Mao Valpiana. Vincere il referendum a Vicenza
  Dopo la manifestazione di Vicenza
  Michele Boato. Il 5 ottobre a Vicenza un'occasione da non perdere
  Passata la finanziaria, ci aspetta un lavoro di approfondimento e innovazione. Praticamente in tutti i campi
  Albino Bizzotto. Una lettera ai parlamentari
  La visita della delegazione del Senato a Vicenza
  Migliaia di bandiere al Dal Molin: yes, we can!
  Se i telegiornali non ne parlano...
  «Per fortuna digerisco anche i sassi». Le manovre al Senato e quelle col Vaticano
  Lidia Menapace. Intervento al Senato su Vicenza
  Vicenza NoDalMolin: un inaspettato Abbecedario
  Mao Valpiana e Alberto Tomiolo. Un impegno nonviolento antinucleare e antimilitarista
  Aumento del gettito fiscale? Bene! Vediamo di valorizzarlo al meglio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy