Domenica , 08 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Intervento al Senato su Vicenza
Winston Churchill e Alcide De Gasperi
Winston Churchill e Alcide De Gasperi 
02 Febbraio 2007
 

Signor Presidente, onorevoli membri del Governo, colleghe e colleghi,

 

Il Giornale di Vicenza ha scritto: «La senatrice Menapace, con voce tremante e impaurita, ha detto che...». Lascio a voi giudicare se questa è una rappresentazione corretta della mia personale maniera di pormi. Ho già detto personalmente al sindaco che le sue argomentazioni mi sembrano formalisticamente corrette, ma se la popolazione protesta vuol dire che c'è un problema politico del tutto aperto. Naturalmente, se manca la seconda parte la prima assume tutto un altro significato. Non sono abituata ad occuparmi molto delle cose che mi riguardano personalmente e quindi desidero andare avanti rapidamente.

 

Cosa c'è di straordinario in quanto sta avvenendo? Sapete quei vecchi motti ex malo bonum, l'eterogenesi dei fini; anche attraverso dichiarazioni - mi perdoni il Ministro non presente - alquanto burocratiche viene fuori un protagonismo della popolazione che ha i caratteri, per la prima volta dopo un po' di tempo, dell'affermazione sostanziale della sovranità popolare.

 

È questo il caso di Vicenza, non sono forze politiche che insufflano qua o là, come è risultato chiaramente anche negli interventi precedenti, specialmente quello della senatrice Valpiana. È la sovranità popolare che si esprime nella sua nativa forza: la base dello Stato. Su questo nessuno può permettersi né sottovalutazioni né irrisioni. I Vicentini non sono scemi, sono cittadini come tutti gli altri e quando dicono delle cose le dicono a ragion veduta. Hanno fatto affermazioni e continuano a farle.

 

Cosa c'è di straordinario, quindi? Il fatto straordinario è che in un momento di grande difficoltà, quando anche il Senato americano nella sua Commissione difesa assume orientamenti che ci consentirebbero di agire, quando Jimmy Carter, la manifestazione di Washington mostrano un mutamento negli equilibri politici degli Stati Uniti, quando si rimette in moto con fatica la costruzione dell'Europa e quindi le relazioni tra le grandi potenze del mondo vengono ridiscusse, torna alla base la politica, la sovranità popolare fondamento della sovranità nazionale.

 

È questa la grande offesa che Vicenza ci manda a dire, e manda a dire per sé ma per tutti, perché la sovranità popolare, quando si esprime in un punto, riecheggia in tutta la popolazione, in tutta la cittadinanza.

 

Per questo ci sarà una manifestazione nazionale a Vicenza: perché questo è il valore politico della questione e se non lo cogliamo, andando anche oltre le nostre incapacità di capire e le nostre difficoltà, credo che non rispondiamo a questa grande istanza e non teniamo conto, perciò, che quello che dice l'articolo 11 della Costituzione non è un fatto burocratico, ma rispecchia ciò che De Gasperi, parlando alla Conferenza di pace, disse: «Signori, so che qui tutto è contro di me » - ed intendeva «contro di me sconfitto», perché si fece carico della sconfitta, che pure non aveva provocato, né subito - «tranne la vostra personale cortesia».

 

Gli rispose Churchill, che pure non era un tipo tanto dolce e che tuttavia riconobbe che in quel momento De Gasperi rappresentava una sovranità popolare che non aveva nemmeno ancora potuto esprimersi in modo formale, che raccoglieva la Resistenza, Cefalonia, i 750.000 internati militari italiani, il Corpo italiano di liberazione, che era risalito insieme all'esercito americano e agli altri; non c'era niente di formalizzato, ma c'era sostanzialmente la sovranità nazionale e la sovranità popolare.

 

Questa si ripresenta ad una svolta della storia e se non ce ne rendiamo conto, secondo me, siamo inferiori al ruolo che rappresentiamo: cerchiamo di evitarlo.

 

Signor Presidente, dal momento che il tempo a mia disposizione sta per scadere, le chiedo di poter allegare la parte finale del mio intervento.Winston Churchiò

 

Il risveglio della sovranità popolare, vera base della sovranità nazionale, si esprime oggi a Vicenza. La cittadinanza vicentina chiede formalmente e sostanzialmente il ripristino della sovranità nazionale violata dalle basi militari straniere sul nostro territorio. Essa è a sua volta fondamento della sicurezza nazionale. Le basi militari invece minano la nostra sicurezza perché -  collocate sul nostro territorio ma sottratte a qualsiasi facoltà di controllo e a qualsiasi base di reciprocità - ci espongono nei confronti di altri paesi ad essere coinvolti nell'eventuali azioni di guerra partite dal nostro suolo. Il terrorismo non si vince militarmente, meno che mai coinvolgendo popoli a loro insaputa, ma politicamente, con la trattativa, con azioni di politica estera che conquistino l'adesione, la fiducia, l'appoggio degli altri popoli: in altre parole si vince con vera articolata tenace politica di pace.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Vicenza. Si rimpiange il Craxi di Sigonella
  Vicenza. Il digiuno di don Albino e l'abbraccio della gente
  Il comitato di Vicenza Est: Per un presente senza basi di guerra
  le nuove forme di lotta
  Mao Valpiana. A Vicenza con la nonviolenza
  Mao Valpiana. Vincere il referendum a Vicenza
  Dopo la manifestazione di Vicenza
  Passata la finanziaria, ci aspetta un lavoro di approfondimento e innovazione. Praticamente in tutti i campi
  Albino Bizzotto. Una lettera ai parlamentari
  Michele Boato. Il 5 ottobre a Vicenza un'occasione da non perdere
  La visita della delegazione del Senato a Vicenza
  Vicenza NoDalMolin: un inaspettato Abbecedario
  Migliaia di bandiere al Dal Molin: yes, we can!
  Se i telegiornali non ne parlano...
  «Per fortuna digerisco anche i sassi». Le manovre al Senato e quelle col Vaticano
  Mao Valpiana e Alberto Tomiolo. Un impegno nonviolento antinucleare e antimilitarista
  Aumento del gettito fiscale? Bene! Vediamo di valorizzarlo al meglio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy