Martedì , 28 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Aumento del gettito fiscale? Bene! Vediamo di valorizzarlo al meglio
07 Dicembre 2006
 
Una buona notizia a me pare quella del continuo aumento del gettito fiscale, cioè della riduzione dell'evasione. Può dipendere da timore che il nuovo governo non farà condoni (timore fondatissimo), da un primo cenno di resipiscenza della morale pubblica (ci credo poco, però forse un po' c'è), da suggerimenti delle associazioni di categoria e ordini professionali, che valutano gli effetti del decreto Bersani e dintorni, insomma ci dicano gli esperti da che pensano dipenda, invece di solo dare i numeri. Comunque avvenga -per timore o per moralità- il fenomeno è largamente positivo. E non va sprecato, come mi sembra si stia un po' facendo. Infatti una tendenza che Fassino sostiene è quella di cominciare a promettere aumenti ad alcune corporazioni dopo le proteste in piazza. Dico corporazioni perché chiunque in una situazione così difficile protesta solo per i suoi (legittimi) interessi è corporativo, fosse persino la classe operaia. Il discorso del governo dovrebbe essere: se aumenta il gettito fiscale, questo è un segno di fiducia reale e concretissimo, nonostante ciò che dicono i famosi "sondaggi": dunque i cittadini e le cittadine sono in grado di capire e decidere. Secondo me capirebbero benissimo un discorso del tipo: lasciamo che l'aumento del gettito si manifesti per intero, e decidiamo poi che cosa fare, se disperderlo in misure -anche giuste, ma sparse e congiunturali- o abbassare le tariffe, tenere sotto controllo i costi dei servizi, calmierare il costo della vita, impiegare risorse anche ingenti nel miglioramento della scuola ricerca università sanità pubblica, pubblica amministrazione, giustizia, sicurezza, precarietà e mercato del lavoro.
Non voglio suscitare timori: voterò ciò che la cosiddetta "cabina di regìa" avrà concordato, più o meno a cuor leggero, e a mente convinta. Alcune cose non mi piacciono, in particolare che sulle spese militari si è ottenuto pochissimo per non dire nulla: ma mi contento di continuare a sottolineare che i minimi spostamenti ottenuti, dagli armamenti al ripristino di condizioni ambientali disinquinate negli ex poligoni di tiro in Sardegna, o per spese a favore delle condizioni di vita dei militari, mi sembrano andare nella giusta direzione, la quale però non è il puro e semplice gioco di ridurre dalla parte degli armamenti a favore dei militari, restando tutte le altre condizioni uguali: se ciò non si fa nel senso di adeguare la politica della difesa a quella degli esteri e le condizioni dei militari a un esercito professionale, con sindacalizzazione, obiezione di coscienza, possibilità di mutare arruolamento ed entrare nei corpi civili di pace, poco di utile avviene. Bush è incalzato dalle pressioni del suo paese, che lo incitano a mutare la forma della presenza militare in Iraq e le alleanze, arrivando a considerare interlocutori paesi appena definiti canaglia. Lo scenario internazionale muta, può darsi che in Francia vada alla testa della repubblica una donna, che pure a capo degli Usa ci sia una donna: Israele deve tenere conto che il suo principale alleato ora lo frena. Vogliamo occuparci solo dei salari dei militari, nemmeno poi tanto bassi? Anche in questo caso va bene accettare le compatibilità esistenti e i punti raggiunti col consenso nell'Unione, ma intanto mettere le basi di un diverso discorso di prospettiva. A questo a mio parere bisogna tendere, se non nelle strette del dibattito e votazioni in aula, appena subito dopo, riallacciando anche relazioni con posizioni di movimento. L'ottimo successo della manifestazione di Vicenza dice che anche in questo campo la cittadinanza è molto attenta e capace di distinguere. Il consenso o dissenso vero non si misura sulle ondate prodotte a comando dai media, bensì sulle reazioni reali sui problemi reali.
 
Lidia Menapace

Articoli correlati

  Preti sottratti alla legge, indici di gradimento delle finanziarie, esercito e polizia, spese militari
  “Deponete le armi”. Oggi e venerdì prossimo a Pisa
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Vicenza. Si rimpiange il Craxi di Sigonella
  Vicenza. Il digiuno di don Albino e l'abbraccio della gente
  Michele Boato. Il 5 ottobre a Vicenza un'occasione da non perdere
  Passata la finanziaria, ci aspetta un lavoro di approfondimento e innovazione. Praticamente in tutti i campi
  Mao Valpiana. A Vicenza con la nonviolenza
  le nuove forme di lotta
  Mao Valpiana. Vincere il referendum a Vicenza
  «Per fortuna digerisco anche i sassi». Le manovre al Senato e quelle col Vaticano
  Albino Bizzotto. Una lettera ai parlamentari
  Dopo la manifestazione di Vicenza
  La visita della delegazione del Senato a Vicenza
  Vicenza NoDalMolin: un inaspettato Abbecedario
  Se i telegiornali non ne parlano...
  Lidia Menapace. Intervento al Senato su Vicenza
  Mao Valpiana e Alberto Tomiolo. Un impegno nonviolento antinucleare e antimilitarista
  Il comitato di Vicenza Est: Per un presente senza basi di guerra
  Migliaia di bandiere al Dal Molin: yes, we can!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy