Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gli spettacoli di Natale e la laicità della scuola
24 Gennaio 2010
   

Riceviamo da un socio dell’associazione un intervento che ci pare riassuma quello che avviene nel nostro territorio (e non solo) nei giorni che anticipano le vacanze di Natale. Ci pare riassuma anche i “mal di pancia” e la tempesta emozionale che i genitori provano nel vivere situazioni di oggettiva discriminazione grazie a dirigenti ed insegnanti che, sicuramente in buona fede, agiscono e progettano interventi senza considerare che la scuola pubblica è scuola di tutti, è scuola che contiene e non espelle: è una scuola che tiene dentro perché discende e risponde nei significati alla Costituzione della Repubblica Italiana. (la Segreteria di Scuola e Diritti)

 

 

Laicità: “Qualità o condizione di chi e di ciò che sostiene la piena indipendenza del pensiero e dell’azione politica dei cittadini dall’autorità ecclesiastica” (Dizionario Garzanti). Laicità non è negazione delle religioni, non è sinonimo di ateismo o di agnosticismo, semmai laicità è garanzia per le diverse forme di pensiero affinché tutte siano riconosciute e rispettate.

Quindi è laico un ateo, è laico un agnostico, è laico un religioso di qualsiasi religione, è laico chiunque creda in una società civile fondata sul rispetto della Costituzione e dei Diritti dell’Uomo. È dunque laica anche la nostra scuola pubblica in quanto istituzione di uno Stato laico per definizione della stessa Costituzione che all’articolo 7 sancisce che Stato italiano e Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, sovrani e indipendenti. Significa la negazione di reciproche influenze ed intromissioni.

L’articolo 3 recita che tutti i cittadini, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni sociali e personali, sono uguali davanti alla legge e devono essere in grado di sviluppare pienamente la loro personalità sul piano economico, sociale e culturale.

L’articolo 8 dichiara che tutte le confessioni religiose, diverse da quella cattolica, sono egualmente libere davanti alla legge. Non a caso esistono le scuole private religiose per chi decide di frequentare una scuola fondata prima di tutto sulla religione. Così come esistono scuole private sportive per chi vuole che i propri figli abbiano primariamente una formazione sportiva, o scuole private francesi per privilegiare la lingua francese, o inglesi o americane affinché gli studenti apprendano le discipline in inglese...

Tutti possono scegliere la scuola che meglio risponde ai proprio credo, al proprio pensiero, al proprio portafoglio. Ma la scuola pubblica si fonda sul rispetto della Costituzione della Repubblica Italiana ed è per definizione laica e chi la sceglie (sia come insegnante, dirigente sia come utente) sa che deve rispettare tutti, tanto è vero che le ore di irc (insegnamento religione cattolica) sono facoltative già dalla scuola dell’infanzia e al momento dell’iscrizione i genitori, tra le altre cose, devono scegliere se far avvalere il proprio figlio dell’irc oppure no e, in questo secondo caso, i genitori hanno varie opzioni, ad esempio, possono scegliere di far svolgere al proprio figlio attività alternative, oppure possono scegliere di riportarlo a casa.

Ma ci sono scuole pubbliche che, all’avvicinarsi del Natale, dimenticano la laicità e con essa la Costituzione e mettono in piedi spettacoli natalizi religiosi, con canti religiosi, presepi viventi, recitati in chiesa, al di fuori delle due ore di religione, occupando, per prepararli, le ore di italiano, matematica, storia, geografia. Queste scuole, per circa un mese, tale è solitamente il tempo necessario per preparare uno spettacolo, si dimenticano dei bambini non avvalentesi dell’irc e i genitori si ritrovano, senza alcun preavviso, i figli a recitare nei presepi viventi, a cantare canzoni religiose e, a volte, anche a dovergliele insegnare a casa.

Ci sono scuole, invece, che non dimenticano e non discriminano nessuno e che comunque organizzano bellissimi spettacoli di Natale ricchi di messaggi di amore, fratellanza, pace, insegnando così ai bambini che i valori universali appartengono a tutte le persone e che non sono necessariamente veicolati solo da una religione o dalle religioni. Queste scuole, spesso, sono quelle in cui il numero degli stranieri, dei portatori di handicap, degli svantaggiati, dei non religiosi o di credenti in religioni diverse dalla religione cattolica, è maggiore perché sanno attivare dei percorsi di accoglienza, di supporto che altre scuole non sanno offrire. E non si deve credere che le scuole più rispettose delle diversità tra le persone siano scuole ghetto per svantaggiati e stranieri, solitamente sono le scuole più moderne e all’avanguardia.

Le vere scuole ghetto rischiano di essere quelle che si chiudono in se stesse e che offrono agli studenti poco più di quello che offrivano cinquant’anni fa, senza guardare e considerare il tempo che passa, la società che cambia, il mondo che va avanti nonostante esse si ostinino a non vedere. Raramente in queste scuole si iscrivono stranieri, portatori di handicap, svantaggiati, figli di non credenti o di credenti a religioni diverse dalla Religione cattolica, perché i genitori si informano e vanno dove sanno che troveranno le porte aperte, sostegno ai loro figli e rispetto dei loro figli in un percorso che arricchisce tutti: alunni, insegnanti, dirigenti e genitori.

Sono queste le scuole dove si insegna che l’onestà non ha bandiere, colori o simboli e che si può essere onesti senza essere necessariamente religiosi ma si può essere religiosi e non essere onesti, basti pensare ai mafiosi che vanno in chiesa, agli integralisti islamici che in nome della religione fanno stragi di innocenti, ai politici che, pur dichiarandosi fermamente cattolici, varano leggi che rifiutano soccorsi agli stranieri in fuga da paesi sconquassati dalla povertà e dalla dittatura o che sostengono la caccia ai clandestini per festeggiare un “bianco Natale”.

La religione, qualsiasi essa sia non è garanzia dell’onesta e il mondo sarà veramente emancipato quando i valori universali di pace, fratellanza, rispetto, libertà, saranno veicolati da una umanità laica che crede prima di tutto nel rispetto della persona, a partire anche dagli spettacoli di Natale.


Articoli correlati

  Quale Laicità nella scuola pubblica? Seminario CGIL a Roma, martedì 17
  Rosario Amico Roxas: Ora di religione obbligatoria? No grazie
  Donatella Poretti. Scuola: voto all'ora di religione?
  Ora di religione a scuola. Impossibile cambiare idea durante l'anno. Interrogazione
  Insegnare solo il cattolicesimo è razzismo e discriminazione
  Incontro di “Scuola e Diritti” con il Dirigente scolastico provinciale
  “Noi Siamo Chiesa” sull'ora di religione
  Tagli alla scuola. Come risparmiare soldi comportandosi da Stato laico
  Piero Tognoli. Proposta… indecente?
  Antonia Sani. Il Convitato di pietra
  Eliana Cambieri. Europa laica!
  Andrea Salina. Ancora sull'Ora di Religione
  “Scuola e Diritti”. Educare a 360°… o a 15°
  Scuola e Diritti. Spontanea la domanda: “A quando la stella gialla?”
  “Scuola e Diritti”. Ancora sull’ora di religione…
  Anna Lanzetta: L'ora di religione tra proteste e dissensi.
  Ora di religione. Una domanda al ministro dell‘Istruzione: all'asilo è libera scelta?
  Scuola e Diritti. «Le idee malsane di libertà»...
  “Scuola e Diritti”. Quale stato, quale diritto, quale fede, quale potere?
  Prospettive dell'IRC nella scuola statale
  Eliana Cambieri. Ancora a proposito di... diritti
  Donatella Poretti. Ora di religione. Libertà di scelta o imposizione?
  Sen. Poretti. Ora di religione: bene Profumo
  Gino Songini. “Non c'è più religione”
  Comitato Torinese per la Laicità della Scuola. IRC e "attività alternative"
  Andrea Salina. “Non capisco...”
  Franca Corradini. Dissonanza contestuale l'ora di religione nelle scuole pubbliche
  “Scuola e Diritti”. Ore… di religione
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  Sul voto del docente di religione cattolica nello scrutinio per l’ammissione
  Separazione Stato-Chiesa. La scuola pubblica è ancora territorio italiano?
  “Scuola e Diritti”. Da Fioroni a Gelmini
  “Per la Scuola della Repubblica”. La Gelmini ha poco da esultare
  Roma. Iniziativa ora di religione e laicità della scuola
  Aboliamo l'Ora di Relgione
  Eliana Cambieri. Io mi dichiaro… CONTRARIA
  Non è più l’ora?
  Privilegi vaticani. Un esempio per tutti: gli insegnanti di religione
  Per la Scuola della Repubblica/CGD. La Gelimini ci riprova?
  Scuola e Diritti. No alla discriminazione
  I fondi per l'ora alternativa ci sono e sono a carico della direzione generale
  Comunisti Anarchici. Per una scuola pubblica di libertà e laicità. Senza steccati religiosi
  “Scuola e Diritti”. Discriminazione!
  Andrea Salina. Religione a scuola? Non facciamone... un dramma
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy