Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Scuola e Diritti”. Educare a 360°… o a 15°
François-Marie Arouet (VOLTAIRE)
François-Marie Arouet (VOLTAIRE) 
04 Ottobre 2007
 

Cogliamo con piacere l’occasione fornitaci da Anna Lanzetta per contribuire, speriamo, a fare un poco di chiarezza sulla vexata quaestio dell’ora di religione o meglio sulle ore facoltative di Insegnamento della Religione Cattolica impartite nella Scuola Pubblica Italiana a partire, addirittura, dalla Scuola dell’Infanzia.

Per prima cosa vorremmo soffermare l’attenzione sulla denominazione di questa materia facoltativa perché crediamo che proprio qui molte persone comincino a fare un po’ di confusione: la materia in oggetto si chiama Insegnamento della Religione Cattolica o, in sigla, I.R.C. ed è evidente che l’oggetto dello studio è la Religione Cattolica e non Storia delle Religioni od altro, inoltre tale insegnamento è impartito da personale apposito pagato dallo Stato ma scelto dai Vescovi cattolici e quindi rispondente ed ubbidiente ad una posizione ben precisa, quella della Chiesa Cattolica, infatti gli insegnanti di I.R.C. che non rispettassero tale posizione verrebbero allontanati dall’insegnamento di tale materia proprio dai Vescovi che li hanno nominati, ad esempio se si sposassero civilmente, divorziassero, avessero figli al di fuori del matrimonio, abortissero, ecc.

Crediamo, noi veramente, molti altri forse meno, purtroppo, che alla base della Repubblica italiana vi siano già delle regole ben chiare rappresentate dagli articoli della Costituzione della Repubblica italiana e dalle sentenze espresse dalla Corte Costituzionale, in conformità a ciò sappiamo che tutti i cittadini sono uguali ed hanno pari dignità sociale prescindendo dal sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali (Art. 3), allora perché nella scuola pubblica e quindi di TUTTI viene proposta una materia che va a toccare l’uguaglianza e la pari dignità sociale dei cittadini?

Tutti gli alunni della scuola pubblica provengono da famiglie d’ispirazione cattolica? No.

Gli alunni non cattolici sono solo stranieri? No.

Tutti gli italiani sono cattolici? No.

I cattolici hanno più diritti dei non cattolici? No.

A tutti questi no si potrebbe rispondere che però l’I.R.C. è una materia facoltativa e chi non vuole avvalersene ha diritto di farlo e seguire le cosiddette ore alternative oppure uscire anticipatamente o entrare posticipatamente dalle lezioni, infatti i genitori sottoscrivono, in questi casi, un apposito documento fornito dalla scuola.

Però, anche qui, l’uguaglianza dei cittadini non è “proprio” rispettata:

  • chi si avvale dell’I.R.C. ha insegnanti, probabilmente motivati, di ruolo, pagati da tutti, quindi anche dai non cattolici, ha libri gratuiti pagati da tutti, quindi anche dai non cattolici, programmazioni certe, orari definiti, ecc.

  • chi non si avvale non ha nulla di tutto questo, perché?

Si sostiene che le scuole hanno difficoltà ad organizzare le ore alternative per mancanza di fondi, ma è giustizia far pagare la mancanza di fondi solo ad una parte dei cittadini? Evidentemente no, crediamo.

E veniamo al perché si rinuncia all’ora di Religione, come si chiede la gentile interlocutrice.

Ma per quale ragione una famiglia d’ispirazione ebraica, con una sua propria Weltanschauung dovrebbe far frequentare ai propri figli ore d’insegnamento della religione cattolica?

Perché dovrebbe farlo una famiglia d’ispirazione valdese?

Perché dovrebbe farlo una famiglia d’ispirazione naturalistica (i cosiddetti atei o agnostici).

Perché dovrebbe farlo una famiglia d’ispirazione cattolica ma che non condivide una lettura unidirezionale della realtà? Infatti, molti nostri associati sono cattolici, ma profondamente laici, e sono in disaccordo con l’I.R.C.

Con tutto il rispetto ci pare di leggere tra le righe dell’articolo della signora Lanzetta una visione cattolicocentrica che non ha più ragion d’essere in quanto la religione di stato in Italia non vige più, alcune sentenze della Corte Costituzionale così recitano: l’Italia è un paese nel quale «…vige un regime di pluralismo confessionale e culturale» (Cort. Cost. 1989 N. 203), l’Italia è un paese «…nel quale hanno da convivere fedi, culture e tradizioni diverse» (Cort. Cost. 1995 N. 404).

All’interno del curricolo scolastico vi sono materie che hanno come compito precipuo proprio quello di fornire agli alunni gli strumenti necessari alla comprensione del mondo che li circonda e in cui vivono e queste sono filosofia,* storia, geografia e scienze, se correttamente affrontate, e non religione, inoltre l’opera di educazione è un’azione trasversale che TUTTE le materie, in sinergia, dovrebbero agire.

La visione di Anna Lanzetta ci pare un brusco ritorno al passato, lontano, quando la Religione Cattolica era cornice educativa e tutte le altre materie erano in una posizione di sudditanza.

Nell’articolo della nostra gentile interlocutrice si parla anche di etica ma intendendo, a quanto abbiamo compreso, un’etica strettamente legata alla Religione Cattolica, prescindendo dal fatto che di etiche ce ne sono e ce ne sono state molte, anche chi non crede ha una sua etica, ciò va a discapito del riconoscere uguaglianza e pari dignità sociale a tutti i cittadini.

I valori costituzionali sono ciò che permette ai cittadini di convivere pacificamente tra di loro condividendo valori e riconoscendo diversità, la Costituzione fu una grande opera di incontro e di mediazione che oggi, ci pare, sempre più incompresa ed a rischio.

Invitiamo tutti a soffermarsi maggiormente sulla riflessione, a chiedersi più spesso perché, a volte ci sembra che da qualche anno a questa parte, in Italia, lo stereotipo sia la base di ogni ragionamento.

Anche noi siamo per una scuola che educhi a 360°, anzi fortemente lo auspichiamo, ma non ci pare proprio che ad osservare la realtà da un solo punto di vista, quello cattolico, si abbia una visione così ampia.

Forse considerando, correttamente, TUTTI i cittadini e garantendo loro vera uguaglianza e pari dignità sociale riusciremmo, finalmente, a favorire nella scuola un’educazione a 360°.

Cominceremo così, forse, a costruire un mondo più rispettoso e, diretta conseguenza, più pacifico.

O no?

Grazie dell’attenzione!

 

Scuola e Diritti Morbegno

 

 

* Filosofia alle elementari? E perché no? Non si fa Religione Cattolica alla Scuola dell’Infanzia?


Articoli correlati

  Quale Laicità nella scuola pubblica? Seminario CGIL a Roma, martedì 17
  Rosario Amico Roxas: Ora di religione obbligatoria? No grazie
  Donatella Poretti. Scuola: voto all'ora di religione?
  Ora di religione a scuola. Impossibile cambiare idea durante l'anno. Interrogazione
  Insegnare solo il cattolicesimo è razzismo e discriminazione
  Incontro di “Scuola e Diritti” con il Dirigente scolastico provinciale
  “Noi Siamo Chiesa” sull'ora di religione
  Tagli alla scuola. Come risparmiare soldi comportandosi da Stato laico
  Piero Tognoli. Proposta… indecente?
  Antonia Sani. Il Convitato di pietra
  Eliana Cambieri. Europa laica!
  Andrea Salina. Ancora sull'Ora di Religione
  Scuola e Diritti. Spontanea la domanda: “A quando la stella gialla?”
  “Scuola e Diritti”. Ancora sull’ora di religione…
  Gli spettacoli di Natale e la laicità della scuola
  Anna Lanzetta: L'ora di religione tra proteste e dissensi.
  Ora di religione. Una domanda al ministro dell‘Istruzione: all'asilo è libera scelta?
  Scuola e Diritti. «Le idee malsane di libertà»...
  “Scuola e Diritti”. Quale stato, quale diritto, quale fede, quale potere?
  Prospettive dell'IRC nella scuola statale
  Eliana Cambieri. Ancora a proposito di... diritti
  Donatella Poretti. Ora di religione. Libertà di scelta o imposizione?
  Sen. Poretti. Ora di religione: bene Profumo
  Gino Songini. “Non c'è più religione”
  Comitato Torinese per la Laicità della Scuola. IRC e "attività alternative"
  Andrea Salina. “Non capisco...”
  Franca Corradini. Dissonanza contestuale l'ora di religione nelle scuole pubbliche
  “Scuola e Diritti”. Ore… di religione
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  Sul voto del docente di religione cattolica nello scrutinio per l’ammissione
  Separazione Stato-Chiesa. La scuola pubblica è ancora territorio italiano?
  “Scuola e Diritti”. Da Fioroni a Gelmini
  “Per la Scuola della Repubblica”. La Gelmini ha poco da esultare
  Roma. Iniziativa ora di religione e laicità della scuola
  Aboliamo l'Ora di Relgione
  Eliana Cambieri. Io mi dichiaro… CONTRARIA
  Non è più l’ora?
  Privilegi vaticani. Un esempio per tutti: gli insegnanti di religione
  Per la Scuola della Repubblica/CGD. La Gelimini ci riprova?
  Scuola e Diritti. No alla discriminazione
  I fondi per l'ora alternativa ci sono e sono a carico della direzione generale
  Comunisti Anarchici. Per una scuola pubblica di libertà e laicità. Senza steccati religiosi
  “Scuola e Diritti”. Discriminazione!
  Andrea Salina. Religione a scuola? Non facciamone... un dramma
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy