Giovedì , 28 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Un poeta di nome Virgilio 
Cent’anni di Piñera
Ritratto ironico del poeta
Ritratto ironico del poeta 
14 Luglio 2012
 

Virgilio Piñera

(Cárdenas, Cuba, 1912 – L’Avana, 1979)

 

 

Virgilio Piñera è sempre stato uno scrittore emarginato dal regime castrista. Per assurdo, in questi mesi a Cuba si sta celebrando il centenario della sua nascita con eventi, rassegne e ristampe dei suoi libri. Nonostante il ricordo dello sprezzante giudizio di Che Guevara nei confronti del teatro di Piñera sia ancora vivo: «Buttate nel secchio i libri di questo frocio!». Il tempo passa e le cose cambiano, gli scrittori morti diventano importanti per la dittatura, se riesce l’operazione di recupero nel solco rivoluzionario. Lezama Lima ha subito identica rivalutazione postuma.

Virgilio Piñera visse per dodici anni in Argentina, dove collaborò alla rivista Sur, conobbe personalità artistiche come Witold Gombrowicz, Borges, Bioy Casares e pubblicò il suo primo romanzo, La carne di René (1952), edito anche in Italia, ma ormai introvabile. Poeta, drammaturgo, narratore breve intenso ed efficace, celebre per aver anticipato il teatro dell’assurdo di Ionesco e Beckett con opere come Electra Garrigó, En esa helada zona, Falsa alarma, Dos viejos pánicos. Narratore originale soprattutto nei Cuentos fríos (1956) e nei romanzi Pequeñas maniobras (1963) e Presiones y diamantes (1967). In Spagna è uscita una preziosa raccolta dei Cuentos completos e il fondamentale La isla en peso, un volume che raccoglie tutta l’opera poetica.

Parliamo di Virgilio Piñera poeta con l’aiuto di Antón Arrufat, amico dello scrittore che ha curato il libro edito da Tusquets (Barcellona, 2000). Virgilio Piñera, insieme a Lezama Lima, è uno dei poeti che meglio rappresenta la generazione letteraria sorta intorno alla leggendaria rivista Origines. Un poeta segreto, occasionale, che non amava diffondere in pubblico le sue composizioni, ma comunque vero poeta, appassionato, ermetico, colloquiale, sempre in antitesi tra vita e letteratura. A Cuba è stata pubblicata parte dell’opera narrativa negli anni Sessanta, quando l’autore era ancora in vita, in Spagna sono state pubblicate alcune raccolte dopo la sua morte, ma la considerazione di Piñera è sempre stata soprattutto per l’aspetto drammaturgico. La poesia è il settore più trascurato della sua opera, sebbene il primo libro edito (Las Furias, 1941) sia stata una raccolta di poesie, ma successivamente è stato lo stesso autore a non avere interesse nel pubblicare liriche. Virgilio pubblicò Poesía y Prosa (1944), una raccolta di racconti e poesia nella quale la maggior parte delle pagine erano composte da prosa, quindi si dedicò al teatro. In ogni caso, alla sua morte, sono stati trovati molti manoscritti inediti di carattere poetico. I fattori della non pubblicazione delle raccolte poetiche possono essere molti, prima di tutto Piñera era povero e non poteva pagarsi la stampa dei libri come facevano altri scrittori cubani. Mandava avanti una rivista intitolata Poeta, con grande fatica, vendeva persino i suoi abiti per pagare le spese di stampa. Era un periodo oscuro, all’Avana non esistevano editori, ma soltanto imprese che stampavano un certo numero di copie dei libri per conto degli autori. Piñera non era un personaggio facile, povero ed eccentrico, il suo modo d’intendere la letteratura lo fece allontanare prima dalla rivista Orígines e subito dopo dal gruppo Espuela de Plata, fino a restare solo, come spesso racconta nelle sue poesie. In realtà stare solo era quello che più desiderava, ma questa scelta significò la perdita dell’aiuto economico di Rodríguez Feo, che finanziava la rivista Orígines. Nel 1960, su insistenza di Guillermo Cabrera Infante, trovandosi di fronte a un vetro editore (Ediciones R.), raccolse in un volume il suo teatro, curato da Antón Arrufat.

La poesia di Piñera divenne un fatto personale, da non pubblicare e neppure da leggere agli amici. L’autore non ne parlava mai. Nonostante tutto scrisse poesia fino alla morte, centinaia di inediti ritrovati testimoniano tentativi, abbozzi, esperimenti, esercitazioni. Va detto che Piñera aveva una grande considerazione per la poesia e del poeta, scriveva molti articoli di critica letteraria e amava la lirica come espressione artistica. Forse considerava i suoi lavori troppo imperfetti per essere pubblicati e finiva per condannare all’oblio ogni tentativo. La sua poesia non ha niente a che vedere con il barocchismo lezamiano, né con la poesia sentimentale, ma si tratta di una lirica moderna, di rottura. Nel 1968 Piñera acconsentì di raccogliere ne La vida entera le sue poesie giovanili e qualche inedito, scrivendo una nota di prefazione dove chiariva che non si considerava un poeta vero e proprio, ma solo “un poeta occasionale”, nel senso che scriveva poesia in particolari occasioni e su determinati temi che lo spingevano a comporre versi. Troppo modesto Piñera e molto ironico, perché non era davvero un poeta occasionale, così come non era un quasi drammaturgo e la sua opera non era quasi teatro. Eppure così scrisse nella prefazione al volume che raccoglieva l’intera opera teatrale, forse per strategia, per modestia, per fare un gesto elegante, ma al lettore distratto poteva sembrare anche disprezzo per le cose che scriveva. Forse Virgilio Piñera dubitava del valore della sua opera poetica? Possiamo soltanto fare congetture, perché non abbiamo certezze. Diciamo però che Virgilio scrisse poesia fino agli ultimi giorni della sua vita e che Una broma colosal è una delle cose postume migliori, un lavoro lirico al quale era intento negli ultimi giorni di vita. Il conflitto tra vita e letteratura è sempre stato lacerante in Piñera, lo notiamo nella narrativa, nel teatro e pure nella volontà di non definirsi poeta e nel rifiutare tutto quello che è costruzione retorica intorno all’opera d’arte. Piñera è scrittore essenziale, dotato di un linguaggio privo di orpelli retorici, secco, colloquiale, neutro, senza descrizioni paesaggistiche, luoghi comuni e frasi fatte.

Piñera resta poeta, suo malgrado. Grande poeta latinoamericano.

Vi invitiamo alla lettura di una breve antologia di opere tradotte dalla raccolta completa La isla en peso (Tusquets Editores, 2000).

 

 

 

Da Poemas desaparecidos (Poesie scomparse)

 

 

Chi sono

 

Poco importa il mio nome, e ancora meno la mia età.

Non devo contare i capelli caduti né dire “incanutisco”.

Devo fare solo una semplice confessione: non ho neppure un cane

a farmi compagnia,

e possiedo moltissime solitudini da regalare.

 

(1964)

 

 

Da Un bamboleo frenetico (Un dondolio frenetico)

 

 

Un mondo duro

 

Ieri me ne stavo solitario

nell’Avenida del Puerto,

pensando a mia madre morta

e pensando al futuro.

 

Come una tavola era il mare,

ma io mi stavo muovendo.

È una cosa molto seria

che il mondo tanto si muova.

 

Un uomo mi si avvicinò

con un volto avanero,

uno di quei volti che la stessa

Avana non regala a chiunque.

 

Venne scrollando le spalle,

lo sguardo fosco

la bocca contratta

e parlò proprio in questo modo:

 

Amico mio, non so a cosa stai pensando

ma so quel che io penso;

questo mondo è molto duro

ma speriamo che le cose vadano meglio;

perché se non sarà così,

ci ucciderà la durezza;

già le parole sono pallottole

e gli sguardi roghi.

 

Non le sembra, amico mio?

- mi disse e mi toccò il petto;

io piangevo come un bambino,

e il mare cominciò a indurirsi.

 

(1962)

 

 

L’evento

 

Non posso evitare di vedere

ciò che stan vedendo i miei occhi:

il mio vicino si mise una benda,

gli fece paura l’evento.

 

Andai in Monte y Pila una sera,

in un bar che ha

la porta come un sospiro

e il bancone come un sogno.

 

Andai per sfuggire a una domenica

che mi si aggrovigliava al collo

così entrai di fianco al bar

a bermi una birra.

 

Il mio amico stava ballando

con una mulatta integra.

Lo guardai come si guardano i morti,

e lui mi guardò come io ero.

 

All’improvviso entrò un tipo grasso

con uno di quei riflettori

che accendono lo sguardo,

e disse più o meno questo:

 

Il mondo è decomposto,

io sono ferito dentro,

se orientate gli occhi bene

vedrete che sto morendo.

 

Questo disse e tacque.

La luce cominciò a diventare terra,

terra il bar, terra i miei occhi,

e il grassone rotolò per terra.

 

(1962)

 

 

Quando verranno a prendermi

 

Quando verranno a prendermi

per andare al ballo degli zoppi,

dirò che non uso stampelle,

che le mie gambe sono intatte.

 

Ballerò chá-chá-chá e son,

fino a cadere a pezzi,

ma loro insisteranno

per portarmi a quel ballo strano.

 

Con due accettate sarò pronto,

con due stampelle andrò remando,

e quando entrerò da quella porta

mi metteranno una zoppa tra le braccia.

 

Lei mi dirà: Amore mio!

Io le dirò: Mia adorata!

Cosa accadde alle tue gambe?

Raccontami, che sto sanguinando!

 

Lei, con grande serietà,

mi racconterà che fu a bastonate,

ma facendo di necessità

virtù come un brillante,

lancerà una risata

che risuonerà nella sala.

Dopo, ce ne andremo

da questi eventi obbligati,

saluteremo a destra, a sinistra,

agitando le stampelle.

 

E quando nessuno lo attenda,

alle due del mattino,

verrà il boia degli zoppi

perché non restino tracce.

 

(1962)

 

 

La panchina che morì d’amore

 

Nella panchina d’un parco

due amanti si dettero appuntamento,

nella panchina si incontrarono,

nella panchina e niente più.

 

Nella panchina solitaria

si incontrarono veramente,

nella panchina che aveva occhi

da panchina e niente più.

 

Nella panchina si baciarono

ma con tanta intensità,

che la panchina perse i sensi,

perse i sensi veramente.

 

Perché era una panchina così sola,

così triste e sentimentale,

che passava le notti

pensando alla sua solitudine.

 

Se un’altra panchina mi volesse

un’altra panchina veramente,

se veramente mi volesse

mi volesse e niente più.

 

Il mio cuore le darei,

il mio cuore davvero;

sono una panchina molto triste,

che è sola e niente più.

 

Si siedono sulle mie ginocchia

gli amanti veramente,

si siedono, e io mi siedo

nella mia orrenda solitudine.

 

Non ne posso più, muoio,

muoio veramente,

muoio se non mi vogliono

e morì veramente.

 

(1967)

 

Traduzioni e commento di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Virgilio Piñera. Il ballo (1944)
  Virgilio Piñera. Nel Gatto Torto (1967)
  Lezama Lima e Virgilio Piñera, due scrittori per un destino
  Karla Suárez. La viaggiatrice
  Virgilio Piñera. Il parco (1944)
  Virgilio Piñera. L’album (1944)
  Poesie di Virgilio Piñera: Le Furie
  Virgilio Piñera. Una desnudez salvadora
  Rafael Alcides. Appunti per un discorso per i 100 anni di Virgilio Piñera
  Virgilio Piñera. Canto funebre per la morte del Principe Fuminaro Konoye (1946)
  Cuba. Omofobia e ragion di Stato
  Virgilio Piñera. Grafomanía
  Gordiano Lupi. Il centenario di Virgilio Piñera
  Gianni Minà racconta Cuba
  Virgilio Piñera. La isla en peso (1943)
  Cuba libre era solo un cocktail
  Virgilio Piñera. Unión indestructible
  Gordiano Lupi: L’Avana secondo Virgilio Piñera
  Virgilio Piñera. Come ho vissuto e come sono morto (1956)
  Virgilio Piñera. La decorazione (1956)
  Gordiano Lupi. Il regime cubano riabilita Cabrera Infante
  Virgilio Piñera. El cubo / Il secchio
  Virgilio Piñera. La battaglia (1944)
  Virgilio Piñera. Il poeta di bronzo (1978)
  Virgilio Piñera. Le nozze (1944)
  Yoani Sánchez. Soluzioni
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  Virgilio Piñera. Due o tre segreti, Parole di giovane (1978)
  Virgilio Piñera. Tra il freddo e il caldo (1959)
  Virgilio Piñera. Reversibilità (1978)
  Ángel Santiesteban. Il triste centenario di Virgilio Piñera
  Virgilio Piñera. Progetto per un sogno (1944)
  Virgilio Piñera. Il negozio (1944)
  Patrizia Garofalo. Ricordo di Virgilio Piñera
  Virgilio Piñera. Discorso contro la vasca da bagno non incassata (1962)
  Altre poesie di Virgilio Piñera
  Il giorno di Hugo Chávez e di Virgilio Piñera
  Il peso di un’isola. Opera poetica di Virgilio Piñera
  Virgilio Piñera. Colui che venne a salvarmi (1967)
  Gordiano Lupi. Un poeta di nome Virgilio
  Gordiano Lupi. Un poeta di nome Virgilio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy