Domenica , 23 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. Sorprende la sorpresa di tanti...
Edoardo Baraldi,
Edoardo Baraldi, 'sinistra arcobaleno' 
18 Aprile 2008
 

Una delle cose che maggiormente sorprendono, in questi giorni, è la grande sorpresa che tanti mostrano di avere di fronte al successo elettorale della Lega di Umberto Bossi, anche in aree del paese fino a ieri considerate immuni dal “morbo” federalista; e, in via subordinata, per il tracollo della sinistra estrema: quell’eterogeneo cartello elettorale che ha visto uniti Rifondazione comunista, comunisti italiani e verdi che si era presentato alle elezioni con il simbolo dell’Arcobaleno. In realtà, i “sorpresi” avrebbero dovuto per tempo spiegarci, interpretare, aiutare a capire. Evidentemente i “sensori” per captare gli umori del paese sono tutti saltati e ognuno va là dove lo porta il cuore. È significativo che sia un osservatore americano, il politologo Edward Luttwak, analista del Centro Internazionale per gli Studi Strategici, a mettere il dito sulla piaga: «Può essere sorpreso solo chi non aveva letto attentamente il livello di scontento che si era accumulato in Italia contro la sinistra. Intere aree, come la Campania di Iervolino e Bassolino erano in rivolta perché gli amministratori della sinistra avevano lasciato sopravvivere interessi clientelari sotto la loro gestione. A livello nazionale il problema era aggravato dal sostanziale stallo del governo Prodi, bloccato dai numeri e dalla mancanza di intese».

L’analisi di Luttwak risponde anche alla domanda: a cosa si deve il crollo rovinoso della sinistra “arcobaleno”? La spiegazione, anche in questo caso, era sotto gli occhi di tutti, invisibile solo a chi ha deciso di tenerli chiusi. Ma, per dire, c’è ancora qualcuno che si ricorda i libri che scrisse ormai molti anni da Daniele Vimercati, il primo giornalista che – certo, anche per sua intima simpatia – seguì con attenzione il fenomeno Bossi? Rileggerli può esser utile, e qualche risposta alle domande d’oggi la si può trovare.

Spesso – lo dicono in molti – il successo della Lega e il crollo della sinistra estrema si intreccia. Non è un travaso meccanico; però non c’è dubbio che la Lega ha saputo intercettare molto del malcontento e dell’insoddisfazione che prima aveva trovato una sponda nei partiti di Fausto Bertinotti, Oliviero Diliberto e Alfonso Pecoraro Scanio. Una quota poi di sinistra che aveva dato il suo consenso alla sinistra a sinistra dei DS, questa volta ha optato per “il voto utile”, e dirottato il suo consenso sul Partito Democratico; una “cannibalizzazione” aspramente contestata, col senno del dopo, da Bertinotti, Diliberto e Pecoraro Scanio; ma da quando si rimprovera a un contendente di provare di catturare consensi? Loro, senza riuscirci, non hanno tentato di fare altrettanto? No, non è davvero questo un modo serio di ragionare.

Può “semplicemente” essere che una consistente, determinante “fetta” di opinione pubblica si è semplicemente stancata del “partito del NO”? Il “partito” del NO alla riduzione delle imposte sul reddito di impresa, che nei paesi confinanti al nostro sono sensibilmente più basse o inesistenti; il “partito” del NO alle infrastrutture necessarie e urgenti, per mantenere competitività: in Spagna la linea ferroviaria ad alta velocità Madrid-Barcellona è in fase di completamento, la rete autostradale, pur servendo un minor numero di abitanti ha un chilometraggio che supera il nostro; in Slovenia il sistema autostradale permette già il collegamento con Italia e Austria, e tra breve sarà pronto l’allacciamento con Ungheria e Croazia. Stupirsi dunque se la Spagna ci sopravanza nelle classifiche di tutti gli osservatori europei e mondiali? Stupirsi se tanti imprenditori preferiscono trasferire armi e bagagli la loro attività nei paesi confinanti? Non si sta parlando di Stati Uniti o di Nuova Zelanda, o Irlanda. Si sta parlando di paesi che, per arrivarci praticamente basta uscire di casa e attraversare la strada. Nel 2007 la Slovenia è entrata nell’area Schengen: lì il costo del lavoro è di un terzo inferiore a quello italiano, il reddito di impresa è tassato al 22 per cento, ed entro il 20 per cento; in più godrà dei fondi strutturali UE. Cosa dovrebbe fare un imprenditore settentrionale?

Sentito mai parlare di Lione e di Sophia Antipolis in Francia? Vengono offerti supporti nella ricerca scientifica e tecnologica, rapidità di risposta nei permessi e nelle autorizzazioni, incentivi per l’acquisto di aree destinate alla costruzione di capannoni e impianti, risorse umane altamente qualificate. Secondo i dati contenuti nel sito Lyon-business.org, oggi a Lione operano 50mila imprese, 150 delle quali sono leader mondiali nel loro settore; quella regione si colloca tra le prime dieci in Europa per quel che riguarda la creazione di ricchezza. Fino a poco tempo fa, Sophia Antipolis era una sconosciuta cittadina tra Nizza e Cannes; ora è sede di alcune tra le più importanti aziende specializzate in elettronica, informatica, telecomunicazioni, biotecnologie, ricerca farmaceutica. Provate a immaginare che cosa sarebbe potuto accadere se avessero dovuto fare i conti con un equivalente francese di Bertinotti, Diliberto, Pecoraro Scanio...

Non parliamo poi dell’emergenza rifiuti: ci sommergono un po’ ovunque: non come a Napoli, ma insomma, sono un grosso problema. Però, tetragoni, dicono NO ai termovalorizzatori, NO a nuove discariche, NO a tutto. SÌ solo a comportamenti illegali, come occupazioni di linee ferroviarie e autostrade... Andiamo avanti? Si prenda il caso Alitalia. Non ci si vuole impantanare nella discussione se sia opportuno o meno vendere l’azienda al colosso Air France o privilegiare un’altra cordata. Il problema è come si è arrivati a questa situazione: monopolio, e poi divieto di licenziamento perché l’articolo 18 non si tocca, diritto di sciopero esercitato in maniera selvaggia. Così Alitalia è precipitata in un “triangolo maledetto”, dove i profitti si riducono e i costi aumentano in maniera esponenziale e all’infinito. Il risultato è quello che vediamo: un’azienda al collasso, tecnicamente fallita; e al contribuente costa un milione di euro al giorno. Lasciamo perdere le “cordate” e quella parola d’ordine berlusconiana: “Amo l’Italia, volo Alitalia”. Qualcuno provi a spiegare perché, per amare l’Italia devo volare su una compagnia che fa pagare un Roma-Venezia più caro di Roma-Venezia-Roma in un’altra compagnia; e a pari trattamento.

Grazie al NO del “partito del NO” in Italia ci sono 28 chilometri di ferrovie ogni 100mila abitanti, mentre la Germania ne ha 43,4, la Francia 51,1 e l’Austria 70. Il 61,7 per cento della nostra rete ferroviaria è a binario unico (9935 chilometri), il restante 38,3 per cento (6173) a doppio binario. Il 33,6 per cento (ben 5420 chilometri) non è ancora elettrificato. A parte la nuova linea ad alta velocità che per il momento riguarda solo Torino e Novara, e tratti della Bologna-Milano e della Napoli-Roma-Firenze, possiamo contare su un sistema ferroviario uguale a quello di un secolo fa. Nel 1981 l’Italia aveva 150 chilometri di ferrovia ad alta velocità; nel 2006 è arrivata a 562. La Francia ne aveva 301 e oggi ne ha 1.573. La Germania e la Spagna sono partite da zero, ora ne hanno 1.291 e 1.225 e stanno costruendo nuove tratte.

Sono cifre che si commentano da sole. Un malinteso senso della difesa dell’ambiente, un ancor più miope difesa di interessi corporativi di cui il partito del NO sempre e comunque è stato alfiere e paladino, ha creato una situazione intollerabile; e che alla fine non è stata tollerata. Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani e Verdi siano stati sonoramente puniti dall’elettore.

 

A Chianciano forse di questo non si riuscirà a parlare. Altro che due giorni occorrerebbero. Ma sono temi, questioni, problemi che non si possono eludere. Se qualcuno vuole capire le ragioni del successo della Lega, e della sconfitta della sinistra comunista e verde, qualche risposta deve cominciare a cercarla anche indagando da queste parti...

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 18 aprile 2008)


Articoli correlati

  Mario Ciancarella. Errori di prospettiva (Terza e ultima parte)
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
  Valter Vecellio. Del Governo Berlusconi, dell’opposizione, di noi stessi
  Francesco Pullia. L’eclissi dei verdi
  Mario Ciancarella. Errori di prospettiva (Prima parte)
  Lidia Menapace. “Chiedo l'iscrizione a Rifondazione comunista”
  Una nuova organizzazione sociale
  Lidia Menapace. Proposte e cattiverie
  Ricostruzione della sinistra (blocco storico della trasformazione)
  Lidia Menapace. Falce, martello e...
  Antonia Sani. riflessioni post e pre
  strategie unitarie, non mozioni
  Antonia Sani. Spunti di discussione sulla Sinistra
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. Sul rosso emiliano che diventa verde padano e... qualche domanda per Chianciano
  Mario Ciancarella. Errori di prospettiva (Seconda parte)
  immoralità e amoralità berlusconiane
  Gli approfondimenti e le riflessioni di Fausto Bertinotti
  Emma Bonino. Radicali in Parlamento: 6 eletti per scelta determinata, 3 “per caso”
  “Assemblea dei Mille”. Dal 2 al 4 maggio a Chianciano, con Emma Bonino e Romano Prodi
  Valter Vecellio. PD: quali idee, quali progetti? E soprattutto, quali regole?
  Sergio Ravelli. PD: fai qualcosa di democratico!
  Valter Vecellio. Una proposta a Federico Orlando
  Valter Vecellio. Sinistra e dintorni. Non è la minigonna a fare e dare le idee…
  Valter Vecellio. Elezioni in Abruzzo: tre sonori “ceffoni” per il PD
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. La “lezione” di Roma
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. L’emergenza giustizia in cinque punti
  Valter Vecellio. Il miglior alleato di Berlusconi è Di Pietro, e il miglior alleato di Di Pietro è il PD, e…
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. L’altra casta, il Sindacato
  Valter Vecellio. Un articolo del “Foglio”, le riflessioni di Andreatta, un saggio di Walzer
  Valter Vecellio. Buongiorno a Veltroni, che si accorge del gioco di Di Pietro
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Svenduta Alitalia ora toccherà a Trenitalia?
  Alitalia. Svendita differita
  ADUC. Alitalia come la fenice?
  Assegni sociali annullati. È il terzo dito di Bossi
  Italo Calvino: Apologo sull'onestà. Rilettura con commento suggerita da Carlo Forin
  Primo Mastrantoni. Alitalia e Alemanno. Caro Sindaco...
  Roberto Biscardini. Alitalia: finirà come la Sabena. E il Sindaco da che parte sta?
  Roberto Biscardini. Alitalia. In un altro Paese ci sarebbe crisi di governo
  Di Berlusconi, Veltroni, D’Alema. E del rischio di Putinismo. L’opinione di Zbigniew Brzezinski
  Vincenzo Donvito. Alitalia: La novella degli stenti… e della vergogna
  Alitalia e blocco dei voli. Chi paga i danni ai passeggeri? Interrogazione
  Primo Mastrantoni. Alitalia: paghi Berlusconi
  Valter Vecellio. Alitalia, scuola (e risorse per le scuole private cattoliche), gli accordi con la Libia…
  Carlo Forin. La crisi non è alle spalle, secondo Calenda
  Primo Mastrantoni. Alitalia. Voli Roma-Milano. 100% in ritardo
  Un successo italiano: la nuova Alitalia al via, anche grazie a Fantozzi e Toto
  Ryanair. Il sottosegretario Castelli lancia avvertimenti mafiosi, intervenga il Presidente del Consiglio
  Alitalia. Sindacati a Canossa
  Alitalia. Scusi, Presidente... Che fine ha fatto la cordata?
  Aduc. L'Alitalia impoverisce l'Italia. Urgente chiuderla subito
  Alitalia. Occorre l'eutanasia
  Alitalia. I finti padroni privati vanno penalizzati col non-uso: “Viaggiatori, non volate Alitalia!”
  Alitalia. La speranza di milioni di malati per un pugno di posti di lavoro inutili?
  Alitalia. Come la mettiamo con le class action che la coinvolgono in Usa e Canada?
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Alitalia: 19 bilanci in rosso negli ultimi 20 anni. La colpa non è del personale. Interrogazione
  “Vola Alitalia e paga l'Italia”. Campagna di boicottaggio!!!
  British più Iberia, Air france più Klm, Lufthansa più Swiss air, Delta più Nortwest, Continental più United Arlines. Alitalia... più Air One?
  Alitaliana
  Carlo Forin. Qual è il volto vero dell’avvoltoio?
  Valter Vecellio. Governo: confusionari, pasticcioni, pericolosi
  Roberto Biscardini. Formigoni ha sempre lisciato il pelo ad Alitalia
  Gli Industriali della provincia di Sondrio a difesa di Malpensa
  Alitalia. I favori del Governo per salvarla saranno pagati dai consumatori
  Alitalia. Infrazioni sulla concorrenza in ambito comunitario?
  Tassa imbarco Alitalia a 3 euro. Stravolgimento di economia e logica
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy