Lunedì , 24 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Di Berlusconi, Veltroni, D’Alema. E del rischio di Putinismo. L’opinione di Zbigniew Brzezinski
01 Ottobre 2008
 

Per riassumere lo stato dell’arte si potrebbe dire che il nemico del mio nemico è mio amico. Silvio Berlusconi il giorno del suo compleanno racconta che Walter Veltroni ha fatto di tutto e di più per impedire che la CGIL firmasse l’accordo Alitalia; poi interviene un D’Alema furibondo a rimettere le cose a posto, e la trattativa si è sbloccata.

«Ma vi rendete conto? Epifani era già convinto di firmare. Lui (Veltroni) ha fatto il diavolo a quattro per fargli dire di no. Poi però si è reso conto che l’85 per cento degli italiani stava con il governo…», racconta al Corriere della Sera. «Poi anche D’Alema ha chiesto a Walter se fosse impazzito e così gli è toccato tornare indietro… Sono così, io l’ho sempre saputo. Ci vorrà una generazione prima che cambi qualcosa là in mezzo».

Nelle stesse ore Veltroni accusa Berlusconi di tentazioni putiniane, la democrazia è a rischio.

«Lasciamo stare Putin», risponde secco, quasi infastidito, D’Alema, che tirato per i capelli concede che «la concentrazione di potere, anche economico, nelle mani di Berlusconi continua a essere una grave anomalia nella democrazia italiana»; ma il fatto politico è che a Veltroni viene a mancare la sponda dalemiana; ma non sono solo le esternazioni del segretario del PD e la “dipietrizzazione” del Partito, a dividere D’Alema da Veltroni. A lasciare perplesso D’Alema sono anche le tante, troppe svolte, spesso improvvisate e senza ampio respiro politico.

 

Un’altra pioggia di dichiarazioni è provocata dall’anticipazione del nuovo libro di Bruno Vespa. In sintesi, nel capitolo dedicato alle riforme costituzionali D’Alema riconosce che Berlusconi potrebbe benissimo essere candidato alla presidenza della Repubblica, come chiunque altro. Frase che D’Alema non smentisce, ma ne denuncia l’utilizzo strumentale, sostenendo che non è corretto estrapolare una frasetta dal suo contesto, e definisce “montatura” la polemica e la ricostruzione giornalistica sul dualismo tra lui e Veltroni.

Ora sarà anche vero che Veltroni e D’Alema – come assicura quest’ultimo – si incontrino e si parlino spessissimo, e che si scambino impressioni e giudizi. E fa parte del gioco politico che gli avversari del PD ne sottolineino contraddizioni e contrasti, amplificandoli. Però, non c’è solo fumo: una porzione d’arrosto ci deve essere.

La tregua e i fragilissimi equilibri raggiunti all’interno del PD, probabilmente reggeranno fino alla fine del mese. La manifestazione del 25 ottobre è troppo vicina, e troppo importante, perché il dissenso nei confronti di Veltroni si trasformi in scontro aperto. Indicativo, al riguardo, il silenzio osservato per esempio da molti leader del PD componente Margherita, Francesco Rutelli in testa. Ma sono in molti a posizionarsi in riva al fiume, in attesa del passaggio di Veltroni.

 

D’Alema, nel tentativo di fugare sospetti l’altro giorno si è affrettato a precisare di augurarsi che il governo Berlusconi duri il meno possibile; ma queste sono schermaglie di facciata, che ben sono conosciute da chi fa politica e da chi la studia; e che lasciano il tempo che trovano. Sotto la superficie, ben altro ribolle. Difficile credere che quel ringraziamento a D’Alema per il ruolo svolto in occasione della vertenza Alitalia sia una “voce dal sen fuggita”. Berlusconi, come ogni buon politico, non dice tutto quello che sa, ma certamente sa quello che dice. Berlusconi ha di fatto teso una mano a D’Alema, che appena potrà, cercherà di stringerla. In fondo, è quello che entrambi da anni vorrebbero e si augurano di poter fare; le vie delle intese spesso sono tortuose e complicate, ma gli interessi dei due leader sono più convergenti di quanto a prima vista possa apparire.

 

Ps.: a proposito di Berlusconi e del “putinismo”. Lasciamo pure stare Putin, come dice D’Alema. Però il 15 settembre scorso Zbigniew Brzezinski, ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Jimmy Carter, e ascoltato consigliere di Barack Obama, parlando della Russia di Putin non ha risparmiato un pesante sarcasmo su Berlusconi: «Putin sta seguendo gli esempi di Stalin e di Krusciov. Chiunque conosca un po’ la Russia se ne rende conto. Eccetto Silvio Berlusconi».

Alla domanda su cosa pensi del legame tra Putin e Berlusconi, Brzezinski risponde: «È simile a quello che Putin ha con l’ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder». Schroeder lavora per la Gazprom, osserva l’intervistatore, Maurizio Molinari de La Stampa, che chiede: «Intende dire che Berlusconi fa affari con Putin?» «La risposta che ho appena dato si spiega da sola», risponde Brzezinski. È probabilmente qualcosa di diverso da quello che intende Veltroni; però non sembra davvero il caso di lasciar perdere…

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 1° ottobre 2008)


Articoli correlati

  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Igor Boni. Per dire la sua nella crisi ucraina
  Marco Pannella. Messaggio aperto per Silvio
  Jardim. L'ossigeno di Putin
  Valter Vecellio. Il delicato e complesso risiko dietro la vicenda georgiana
  Garrincha. Il sogno di Putin
  Valter Vecellio: Boris Nemtsov, un altro che “non contava niente”
  Claudia Osmetti. Putin, Occidente avvisato mezzo salvato
  Omar Santana. Le bandiere di Putin
  Garrincha. Matrioska
  Garrincha. Sochi
  Omar Santana. Il tiro alla fune di Putin
  Omar Santana. Putin 1984
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Jardim e le relazioni Usa – Russia
  Marco Cappato a Mosca con una delegazione radicale. Nonviolenza e democrazia in Russia
  Cappato e In't Veld, sostenuti da 40 eurodeputati, chiedono al sindaco di Mosca di autorizzare il Gay pride
  Mosca. Gay Pride negato, fermati e arrestati quanti chiedono libertà di espressione
  Alitalia e blocco dei voli. Chi paga i danni ai passeggeri? Interrogazione
  Valter Vecellio. Alitalia, scuola (e risorse per le scuole private cattoliche), gli accordi con la Libia…
  Alitalia: 19 bilanci in rosso negli ultimi 20 anni. La colpa non è del personale. Interrogazione
  Carlo Forin. Qual è il volto vero dell’avvoltoio?
  Roberto Biscardini. Alitalia: finirà come la Sabena. E il Sindaco da che parte sta?
  Tassa imbarco Alitalia a 3 euro. Stravolgimento di economia e logica
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy