Sabato , 07 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Il delicato e complesso risiko dietro la vicenda georgiana
05 Settembre 2008
 

Come nella favola del re che si pavoneggiava d’un vestito che non c’era, fino a quando un ragazzino non grida quello che tutti pensano ma non osano dire, e che cioè il re è nudo, Berlusconi si racconta la favola bella di un “amico di tutti” che persuade, smussa,convince, ieri Bush, oggi Putin, domani chissà. A forza di dirlo e di dirselo, magari si convincerà pure che la favola bella è realtà. Come nella vecchia canzonetta, Berlusconi come Pippo “non lo sa, che quando passa ride tutta la città”. Era penoso ascoltarlo in conferenza stampa, l’altro giorno con il sottofondo costante e premuroso di un Franco Frattini preoccupato di confermare ogni cinque secondi: “È proprio così”, “Sicuro!”, “Certamente…”.

Gli Stati Uniti, ha detto Vladimir Putin alla CNN soffiano sul fuoco georgiano perché in questo modo la Casa Bianca intende favorire uno dei candidati alle presidenziali americane. Putin non ha fatto nomi, ma è evidente che pensa a McCain. La Casa Bianca respinge al mittente le accuse, e attraverso la portavoce Dana Perino le giudica “irrazionali”. Per il Dipartimento di Stato americano si tratta di affermazioni “ridicole”, la Russia “è responsabile della crisi e il mondo sta rispondendo a quello che ha fatto”.

Sul New York Times di qualche giorno fa l’ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov, ha pubblicato un editoriale nel quale sostiene che la Russia “non voleva questa crisi”, che la leadership russa è internamente in una posizione abbastanza forte, “non ha bisogno di una piccola guerra vittoriosa”. In sostanza il padre della perestrojka sostiene che la Russia è stata trascinata nello scontro dall’avventatezza del presidente georgiano Mikhail Saakashvili, e che quest’ultimo “non avrebbe mai osato lanciare l’attacco senza appoggio esterno”. Per Gorbaciov, “la Russia non poteva permettersi di agire. La decisione del presidente Medvedev di fermare le ostilità è stata la mossa giusta di un leader responsabile”. Come si vede, perfetta aderenza con la “tesi” Putin.

Ben altra l’analisi di un politologo internazionale “realista” fino al cinismo come Edward Luttwak, senior fellow del Center for Strategic and International Studies: “La Russia sta costruendo una scena di tensione internazionale per nascondere e giustificare l’inasprimento del regime”. E aggiunge: “A me sembra che i russi abbiano già raggiunto l’obiettivo di creare un clima psicologico di assedio nel Paese, entro il quale ora saranno liberi di negare altre libertà fondamentali ai loro cittadini”.

Al di là del reciproco scambio di accuse, quella che si sta giocando è una partita senza esclusione di colpi, la cui posta è diversa e molto più importante di quella ufficialmente viene dichiarata.

Putin, che in quanto a spregiudicatezza non deve apprendere nulla da nessuno e che certamente sa mettere a buon frutto quanto appreso negli anni in cui era agente-dirigente del KGB, da sempre coltiva e insegue un sogno: quello di fare della Russia l’erede dell’URSS. Per questo alimenta, giorno dopo giorno, la vocazione imperiale che è nello spirito russo dai tempi di Caterina e Pietro il grande. Per questo non è disposto a concessioni alle 14 repubbliche ex sovietiche che – ad eccezione delle tre baltiche – sono tutte, chi più chi meno, delle satrapie governate da ex funzionari del PCUS che hanno rivoltato la casacca e nascosti i simboli della falce e del martello si sono scoperti una vena “nazionalista”. Mosca, insomma, mira esplicitamente – e non da ora – a ristabilire quelle “sfere di influenza” che erano uno dei suoi capisaldi negli anni Cinquanta e Sessanta. Per Putin la “provocazione” georgiana è un “pretesto”; per questo stiamo assistendo a una delicata partita di scacchi: se da Washington si muovono i “pedoni” della Polonia (i missili USA), ecco che Mosca risponde con le nuove installazioni in Bielorussia. Se la Casa Bianca sostiene l’avventuroso Saakashvili, ecco che Putin e Medvedev vellicano Chavez in Venezuela e lusingano la Siria. Con la rivista Kommersant il presidente siriano Bashir el Assad è stato esplicito: “Possiamo essere in Medio Oriente ciò che sono Polonia e repubblica Ceca per Washington”; il tutto accompagnato da una esplicita richiesta di forniture militari. In un futuro non troppo lontano missili russi potrebbero essere dislocati in Siria, e questo comporterebbe un ulteriore arroccamento d’Israele e degli Stati Uniti. Come si vede, un risiko complesso e delicato.

Del resto, Gorbaciov nel suo editoriale dice quello che Putin affida ai “fatti” compiuti: “Oggi negli Stati Uniti si parla molto di riconsiderare le relazioni con la Russia. Posso suggerire un’abitudine senz’altro da riconsiderare: parlare alla Russia con condiscendenza. I nostri due paesi possono dar vita a una seria agenda di cooperazione reale”.

Crudo come forse solo Henry Kissinger sapeva essere, Luttwak parla di “ennesimo fallimento della amministrazione Bush”, e avverte che il margine di manovra è molto limitato: “La questione non è più soltanto la difendibilità della Georgia, ma piuttosto quella dell’Ucraina e della provincia della Crimea che potrebbe essere il prossimo terreno di espansione per la strategia russa. Siamo pronti ad assorbire l’Ucraina nella NATO? Io penso di no”.

Putin nell’intervista alla CNN assicura che la Russia non bloccherà mai le forniture di idrocarburi come risposta alle pressioni europee per il conflitto in Georgia: “Noi non politicizziamo mai i rapporti economici. È vero che gli europei dipendono dalle nostre forniture, ma anche noi dipendiamo dagli acquirenti”. E si tratta di un messaggio trasparente, che sarà certamente recepito da chi doveva intenderlo. Altro che “Caro amico Vladimir” e “Caro amico George”...

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 4 settembre 2008)


Articoli correlati

  Georgia. Ma l'Italia con chi sta, con Putin o con l'Ue?
  Marco Cappato. Georgia: il PE approva Conferenza di pace transcaucasica aperta ai popoli non rappresentati
  Georgia e dintorni. Riflessioni
  Il reportage di Iacona sul Kosovo (Rai 3)
  “Etnia”, la parolaccia che avvelena il mondo
  Mao Valpiana. Contro la guerra, la nonviolenza
  Marco Perduca. Georgia. Frattini chieda a Kouchner un vertice UE a Tblisi
  Roma. I Radicali presentano oggi il dossier UNPO su possibili ulteriori focolai transcaucasici
  Georgia. Il ministro La Russa ha inviato gli ultimi soldati disponibili nelle piazze italiane?
  Marco Perduca. «La Goergia non è dall'altra parte del mondo, ma nel cuore d'Europa e come tale va trattata»
  Leonardo Mesa. Georgia: un contributo per una lettura disincantata
  Giulio Manfredi, Igor Boni. Crisi Georgia: Mosca scherza con il fuoco
  Garrincha. Sochi
  Jardim. L'ossigeno di Putin
  Igor Boni. Per dire la sua nella crisi ucraina
  Garrincha. Matrioska
  Garrincha. Il sogno di Putin
  Di Berlusconi, Veltroni, D’Alema. E del rischio di Putinismo. L’opinione di Zbigniew Brzezinski
  Marco Pannella. Messaggio aperto per Silvio
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Claudia Osmetti. Putin, Occidente avvisato mezzo salvato
  Jardim e le relazioni Usa – Russia
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Omar Santana. Le bandiere di Putin
  Omar Santana. Putin 1984
  Omar Santana. Il tiro alla fune di Putin
  Valter Vecellio: Boris Nemtsov, un altro che “non contava niente”
  Mellana. "Mani libere"
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy