Venerdì , 13 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Igor Boni. Per dire la sua nella crisi ucraina 
L’Europa costruisca una vera politica estera comune
02 Settembre 2014
   

La vicenda russo-ucraina contiene germi di una pericolosità mai vista in Europa, simili per certi versi a quelli innescati dalla Serbia di Milosevic ma evidentemente più pericolosi perché la Russia di Putin non è paragonabile con la Serbia di allora.

Nulla nella storia si ripete uguale ma non vi è dubbio che le analisi che pongono in paragone quello che accade nell’Ucraina dell’est con l’ingresso di forze regolari e irregolari russe a “protezione” dei russofoni ucraini ricordano vicende del 1938 e 1939 che sono finite in una delle tragedie più gravi della storia.

Il recente passato ci racconta di Putin in Cecenia a distruggere qualsiasi opzione democratica radendo al suolo un’intera regione per ricostruirla consegnando nelle mani di improbabili gerarchi il Caucaso e ci parla della Georgia dove i confini sono stati modificati in seguito ad un intervento armato che non ha avuto alcuna conseguenza.

L’indifferenza è il primo dei complici di quanto accade.

Senza voler fare allarmismi o paragoni forzati credo che l’Europa debba cogliere questa vicenda come spinta in avanti per costruire un’unione politica verso gli Stati Uniti d’Europa.

A cominciare dalla politica estera e di difesa, per passare alla politica di gestione del fenomeno dell’immigrazione e a tutti gli altri aspetti che sono da affrontare con una sola voce (fisco, ambiente, energia, lavoro, etc.) e non in un pollaio di quasi 30 elementi. Una politica energetica comune che riuscisse ad affrancarci dalla dipendenza dal gas russo la chiediamo (come radicali) da anni; oggi toglierci dal collo il cappio di Gazprom significherebbe ridurre praticamente a zero il potere di ricatto di Putin.

Mi piacerebbe che il nostro Governo cogliesse l’occasione del semestre italiano per impegnarsi a fondo nella costruzione vera e concreta di una patria comune europea; sarebbe una risposta strategica contro il cieco euroscetticismo e darebbe un segno tangibile all’espansionismo di Putin, il quale sa benissimo che sulla carta, oltre alle parole, non esiste nemmeno la possibilità teorica per l’Europa di contrastare l’avanzata, dato l’evidente nanismo politico.

Oggi lo Zar ci ha ricordato che se volesse prendere Kiev gli basterebbero due settimane!

L’Europa del 1938 e 1939 voltò la faccia dall’altra parte, non facciamolo noi adesso.

 

Igor Boni

(dal suo Blog, 2 settembre 2014)


Articoli correlati

  Urlo imprigionato (Merendelli – Garofalo)
  Garrincha. Il sogno di Putin
  Olivier Dupuis. L'Ucraina siamo noi!
  Omar Santana. Ucraina
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Claudia Osmetti. Un referendum può salvare l’Ucraina (e l’Europa)
  Claudia Osmetti. Putin, Occidente avvisato mezzo salvato
  Asmae Dachan. #Siria #Ucraina: le nostre lacrime non cadono per terra
  Laura Harth. Kiev 2014: Gli eroi non muoiono mai
  Oggi a Milano e Roma: “Ucraina nell'Unione”
  Omar Santana. Le bandiere di Putin
  Omar Santana. Il tiro alla fune di Putin
  Omar Santana. Putin 1984
  Garrincha. Matrioska
  Jardim. L'ossigeno di Putin
  Di Berlusconi, Veltroni, D’Alema. E del rischio di Putinismo. L’opinione di Zbigniew Brzezinski
  Garrincha. Sochi
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Valter Vecellio. Il delicato e complesso risiko dietro la vicenda georgiana
  Marco Pannella. Messaggio aperto per Silvio
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Valter Vecellio: Boris Nemtsov, un altro che “non contava niente”
  Jardim e le relazioni Usa – Russia
  Mellana. "Mani libere"
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy