Sabato , 11 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Scritture & Web
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sara Pozzato: Sulla maestria scenica di Verdi. La donna è mobile.
10 Ottobre 2009
 

Brevissima postilla musicale sul Rigoletto di Verdi. Che mi pare interessante per i lettori.  C'è un aspetto degno d'essere sottolineato: riguarda l'aria del Duca La donna è mobile e la sua orecchiabilità che permette immediata memorizzazione del "motivetto". Facilità che in parte è costata a Verdi la fama di compositore di ariette popolari, fruibili anche dal pubblico più ignorante. La "banalità" de La donna è mobile è in realtà consapevole, voluta dallo stesso Verdi proprio a fini drammaturgici. Rigoletto capisce che nel sacco che sta per gettare nel Mincio non c'è il Duca proprio perché sente intonare la suddetta aria in lontananza (da dietro le quinte), che lo stesso Duca aveva cantato all'inizio del III atto. Aria rappresentativa e caratterizzante del personaggio, suo leit motiv, in un certo senso. L'angoscia del dubbio (nel sacco c'è infatti Gilda morente, la figlia del buffone) che attraversa la mente di Rigoletto scatena il tremendo sospetto: ma se il Duca è vivo, dato che sento cantare la sua "canzone" - e altri non può cantarla che lui, allora chi c'è, morto, nel sacco? Nel medesimo istante anche il pubblico comprende la portata tragica della scena. Personaggio e platea vivono lo stesso pathos, contemporaneamente. Con risultato scenico ed emozionale fortissimo. Risultato possibile soltanto grazie all'orecchiabilità della stessa aria, talmente "facile", abbiamo detto, da essere ricordata e dunque riconosciuta dagli spettatori dopo soltanto un ascolto, e che ha loro permesso d'intendere il terribile sgomento di Rigoletto: il Duca è ancora vivo. Sarà Gilda, l'adorata figlia, a morirgli tra le braccia di lì a poco. 

 

                                                   Sara Pozzato

    

     


Finale - Duetto
Duca di Mantova: Marcelo Alvarez
Rigoletto: Leo Nucci
Gilda: Sumi Jo

http://www.youtube.com/watch?v=sLGFTMZX6B8

 


Articoli correlati

  Sara Pozzato: Gabriel Fauré, Barcarolle No 1 Op 26. Musica & Web 5
  Sara Pozzato: Sergej Rachmaninov op. 21 n. 7. Musica & web 1
  Diana Battaggia della casa editrice Lieto Colle interviene sulla “poesia per tutti”
  Sara Pozzato: Maurice Ravel, Quartetto per archi in Fa maggiore. Musica & Web 6
  Sara Pozzato: La riviera delle ville
  Don Giovanni di J. Losey. Una scelta.
  Bruno Prosdocimi incontra Sara Pozzato
  Sara Pozzato: Il castello nella nebbia che ad Este non c'è
  Sara Pozzato: Breve scelta da "Declinazione d'affetti" per Tellusfolio
  Sara Pozzato: Archeologia del Poetry slam
  Sara Pozzato: Quintetto op.115 di Brahms. Foto della Domenica 3
  Sara Pozzato: Ughi, Allevi, la musica (con proposta d'ascolto)
  Ville Venete sulla Riviera Del Brenta
  Sara Pozzato: Pomeriggio e piano di Shostakovich. Musica & web 2
  Sara Pozzato: " Vivaldi a notte fonda". Foto della Domenica 2
  Sara Pozzato: Due frammenti dalla Suite in stile antico Aus Holberg Zeit di E. Grieg. Musica & Web 3
  Spot/ Piccola maratona di lettura a Padova il 27 agosto
  In versi d'amore (7): Ausonio. A cura di Sara Pozzato
  Sara Pozzato: Viaggiare in camera con György Ligeti. Concert Romanesc. Musica & Web 4
  Sara Pozzato: L'uomo di ferro. Fiabe della domenica 1
 
 
Immagini correlate

  Rachmaninov (I) - Sara Pozzato - Tellus 30
  Rachmaninov (II) - Sara Pozzato - Tellus 30
  Riviera delle ville 4
  Riviera delle ville 2
  Riviera delle ville 3
  Riviera delle ville 1
  Illustrazioni per le poesie di Sara Pozzato (2)
  Sara Piuma per Shostakovich
  Sara Pozzato a Feltre con interno Vermeer 1
  Occhi faro
  Sara Pozzato - Santorini
  Sara Pozzato - Lacrimando nel bianco
  Sara Pozzato - Castello di San Salvatore, Susegana TV
  Sara Pozzato - Brahms con orizzonte azzurro-scuro
  Illustrazioni per le poesie di Sara Pozzato (1)
  Sara Pozzato alla libreria Draghi di Padova
  Sara Pozzato - Senza impronte I
  Illustrazioni per le poesie di Sara Pozzato (3)
  Sara-Parola pioggia grazie a Ravel
  Sara Pozzato a Feltre con interno Vermeer 2
  Sara Pozzato - Senza impronte II
  Sara Pozzato legge suoi versi
  Cielo di Padova
  Sara Pozzato e l'andante per flauto K 315 di Mozart
  Sara ricordo musicale
  La notte di Vivaldi e la mia
  Sara Pozzato - Castello inesistente ad Este
  Corso di nuoto per Sara P.
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy