Venerdì , 24 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Rumore 
A libro aperto: pensieri peregrini a sera… - 3
28 Agosto 2017
 

I momenti di pace e di raccoglimento nei quali, a sera, cerchiamo di rifugiarci, facilmente cadono in frantumi sotto i colpi di spada nemica: il rumore infrange il silenzio e l’offende.

Ma... forse che l’éra nostra non si distingue per assenza di armonie e di suoni?

Povera di parole, essa è stracolma di “voci” che non “dicono”, ma stordiscono col caos della dispersione, dello smarrimento dell’essenziale.

Assistiamo alla corsa verso locali affollati alla ricerca di musica assordante, di concerti rok e simili.

Giovani a branco si espandono, a notte avanzata, nelle vie, nelle piazze, in folle corsa nelle autostrade; fa paura il branco perché facilmente esplode coralmente nella sua brutalità, volgarità, aggressività. Eppure… se si osserva attentamente il volto di ciascuno di loro, vi si scorgono i segni della debolezza, dell’insicurezza.

Psicologi e sociologi spiegano che alla radice dell’“imbrancarsi” c’è la paura della solitudine dello stare con se stessi.

Personalmente ritengo che vivere e convivere con la solitudine – ieri come oggi – è una delle imprese più ardue e non solo per i giovani.

Cosa offriamo ogni sera a noi stessi? Il rumore del mondo che passa?

Siamo privi di quella saggezza che ci consigliava l’imperatore romano Marco Aurelio, la saggezza di dedicare pochi momenti della nostra giornata al raccoglimento, in solitudine, lontano dal frastuono.

Solitudine come oasi per l’anima e non come isolamento o mancanza di relazioni che equivarrebbe a prigione.

Il filosofo Arthur Schopenhauer in Aforismi della saggezza del vivere scrive: …uno degli studi principali dei giovani dovrebbe essere quello di imparare a sopportare la solitudine perché questa è fonte di felicità e tranquillità d’animo e B. Pascal aggiunge che la sorgente di tante sventure dell’uomo sta nel suo non essere capace di rimanere un’ora al giorno da solo nella sua stanza.

Le nostre giornate troppo “esistenzializzate” non hanno un solo istante “essenziale”.

Abbiamo forse smarrito il piacere della parola efficace, del silenzio rigeneratore e fecondo? (G. Rando)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy