Mercoledì , 24 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Quale cultura? 
A libro aperto: pensieri peregrini a sera… - 10
21 Gennaio 2018
 

Che la cultura abbia un valore è incontestabile. Che abbia una ricetta, dubito.

Nelle epoche passate era un lusso riservato alle classi dominanti, oggi è ramificata nelle sue diverse forme in tutte gli strati sociali proprio in virtù della consapevolezza che la cultura sia il miglior mezzo di promozione sociale. Cultura intesa ovviamente nel senso più vasto del termine, che miri alla formazione integrale dell’uomo e del cittadino.

Se si considera poi la vasta produzione scientifica, letteraria e artistica a livello mondiale non si può certo dire che oggi la cultura sia in crisi, anzi appare, come non mai, viva e vegeta.

Come si spiega allora quel certo oscurantismo che si diffonde sempre più, analizzato tra l’altro anche dal filosofo Zygmunt Barman (1925- 2017) nell’idea di modernità o “società liquida”?

Pare che, perduto il concetto di persona, l'identità e la certezza del diritto, le uniche soluzioni per l’individuo, senza punti di riferimento, siano l’apparire a tutti costi e il consumismo.

Che valore ha allora la cultura se è vero che ci stiamo dissolvendo in una società dove tutto è relativo e non esistono verità e certezze valoriali, ma solo opinioni?

Quale cultura potrebbe fare da antidoto a tanto disfattismo e come acquisirla?

Tempo fa, leggendo Carmine o della pittura* di Cesare Brandi (1906-1988), uno dei maggiori critici e storici dell’arte, scrittore e poeta, sono stata particolarmente attratta da una frase inerente alla la cultura sulla quale ho a lungo meditato: Sulla cultura non si dà ricetta, perché la cultura non è erudizione, cultura diviene solo quella , che entrando a far parte della conoscenza, accresce la coscienza.

In verità tutti abbiamo, bene o male, imparato qualcosa, abbiamo fatto studi, letto, ascoltato e tutti abbiamo incontrato eruditi boriosi, spesso incapaci di comunicare il loro “sapere”, ma abbiamo fortunatamente incontrato pure maestri appassionati che ci hanno fatto scoprire gli orizzonti della vera cultura. Essere colti non è sinonimo di essere sapienti.

La vera cultura non si esaurisce in un accumulo di dati, ma chiama in causa la coscienza perché essa si abitui ad esercitare il giudizio, a scendere nelle profondità dell’io, a scavare nei segreti dell’essere e della vita.

Un filosofo greco, vissuto a Roma, Epitteto (50-125 d.C.) nelle sue Dissertazioni affermava che solo l’uomo colto è libero. Ecco perché le dittature fanno di tutto perché il popolo suddito resti nell’ignoranza e contrastano con ogni mezzo la cultura. (g.r.)

 

 

* Cfr. Cesare Brandi, Carmine o della pittura, Editori Riuniti, 1992.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy