Lunedì , 10 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Banalità, malattia diffusa 
A libro aperto: pensieri peregrini a sera… - 13
07 Luglio 2018
 

Se per banalità s’intende anche ordinarietà, o mediocrità, oltre che mancanza di originalità, al pensiero riflettente possono aprirsi tante strade, vicoli o vialetti.

Per i nostri padri latini l’aurea mediocritas aveva una connotazione positiva, intesa come il rifiuto di ogni eccesso rimanendo nel giusto mezzo. Oggi la mediocrità o banalità rasenta la negatività divenendo anche simbolo di ignoranza e meschinità.

Il noto giornalista Beppe Severgnini ritrae così una persona media: …guarda senza vedere, sente senza ascoltare, respira senza percepire i profumi, parla senza pensare… simile in fondo al profilo del mediocre tracciato dallo scrittore e giornalista statunitense Richard Yates che parla della banalità come una malattia: …la gente ha smesso di pensare, di provare emozioni, di interessarsi alle cose; nessuno che si appassioni o creda in qualcosa che non sia la sua piccola, dannata mediocrità. È una malattia.

E chi si dedica troppo alle piccole cose a lungo andare diventa incapace delle grandi.

Per pigrizia spesso si preferisce non allontanarsi dal proprio “orticello” e si vive un’esistenza priva di fremiti e tensioni, non si accarezzano alte mete, non si vuole andare oltre, neanche col pensiero. Non si eleva lo sguardo verso un orizzonte più vasto e più luminoso.

Gian Giacomo Rousseau, filosofo svizzero di lingua francese, uno dei massimi esponenti del pensiero europeo del XVIII sec., osservava: L’anima si proporziona insensibilmente agli oggetti che la occupano e quindi sono i grandi orizzonti quelli che fanno i grandi uomini.* (g.r.)

 

 

* J.-J. Rousseau, Discorsi sulle scienze e sulle arti. Sull’origine della disuguaglianza fra gli uomini, ed. BUR, 1997.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy