Domenica , 29 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Galia Golan. Perché sono ottimista
27 Agosto 2010
 

All'interno di Israele la situazione è la peggiore che si sia mai vista, per molti aspetti sembra persino senza speranza. Abbiamo una coalizione di estrema destra al governo, con un primo ministro che ha una maggioranza enorme nella Knesset e nessun altro interesse che non sia il restare al potere. Allo stesso tempo, la leadership palestinese è debole, e lotta per ottenere sostegno mentre Hamas controlla Gaza con la forza e minaccia di guadagnare posizioni nella West Bank.

In aggiunta, non vi è in corso un processo di pace e Netanyahu rifiuta di accettare qualsiasi progresso sia stato fatto nelle passate negoziazioni, e aggiunge condizioni per la cosiddetta pace come lui la intende. Sommate a questo un non così sottile indebolimento della democrazia interna ad Israele e la sensazione diffusa di disperata indifferenza, e cioè la diffusa opinione secondo cui la pace non sarebbe possibile.

Ma io credo che in qualche modo noi si sia più vicini alla pace ora di quanto lo fossimo quando vennero siglati gli Accordi di Oslo nel 1993. Lasciate che spieghi.

 

In primo luogo oggi, e in modo consistente da ormai parecchi anni, la maggioranza degli israeliani è a favore dell'opzione che prevede due stati, convenendo che uno stato palestinese accanto allo stato di Israele sia la sola soluzione. Ricordo che all'inizio degli anni '90 la maggioranza degli israeliani non credeva neppure che esistesse qualcosa come “il popolo palestinese”, e solo il 2% era a favore della creazione di uno stato palestinese. Oggi non solo la maggioranza degli israeliani ma persino il governo di destra sostiene questo.

Allo stesso modo, sino al 1988 i palestinesi cercavano il completo mandato sulla Palestina, ma in quell'anno si accordarono per limitare la loro richiesta a solo il 22% di quell'area e pensarono ad uno stato fatto della West Bank e di Gaza: a fianco di Israele, invece che al posto di Israele. Solo fino a poche settimane fa, il governo, i tribunali e l'opinione pubblica guardavano alla “linea verde” (il confine pre-1967) come alla linea guida per i futuri accordi sul confine, con il principio di scambi di territorio accettati come modo di sistemare quanti più coloni possibile soddisfacendo allo stesso tempo la richiesta palestinese di un territorio contiguo eguale all'area della West Bank prima del 1967. Possiamo aggiungere, ai progressi compiuti, i piani fatti per trasformare Gerusalemme nella capitale di ambo gli stati, piani su cui ci si e' trovati persino d'accordo durante le passate negoziazioni, e lo smantellamento di alcuni insediamenti.

Inoltre, Israele ha accordi di pace molto solidi con i suoi vicini, Egitto e Giordania, accordi che hanno prodotto cooperazione sulla sicurezza ed altre questioni, e la Siria sta tentando di condurre Israele ad un trattato di pace da un bel po' di anni, ed è andata vicina ad ottenerlo durante gli ultimi mesi del governo Olmert.

Infine, una delle cose più promettenti è l'Iniziativa araba per la pace del 2002, con cui la Lega Araba (22 stati più i palestinesi) propone la pace, la fine del conflitto, la sicurezza e relazioni normali con Israele una volta che quest'ultimo si sia ritirato dai territori del 1967 ed uno stato palestinese sia stato creato.

L'Iniziativa, pubblicamente sostenuta da tutti i 57 membri della Conferenza Islamica, Iran incluso, contiene anche nuove formule, più flessibili, rispetto alla questione dei rifugiati. Ciò è ben distante dalla posizione della Lega Araba nel 1967, in cui essa rigettava persino il riconoscimento di Israele.

 

Perciò, stante tutto questo, io credo ci sia speranza: nel momento in cui avremo una leadership del tipo di quella di Rabin. Il che significa una leadership che abbia la volontà di fare un accordo. Sarebbe facile e veloce adottare i piani su cui si è già lavorato nelle precedenti negoziazioni. Sono piani che si propongono di mettere fine all'occupazione e creare uno stato indipendente palestinese, e che avrebbero il sostegno non solo del popolo palestinese ma della Lega Araba: qualcosa che Hamas troverebbe impossibile sfidare. Ecco perché sono ottimista.

 

Galia Golan

Traduzione di Maria G. Di Rienzo

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 27 agosto 2010)

 

 

Galia Golan (foto) è un'intellettuale femminista e pacifista israeliana, scrittrice, docente di scienze politiche, giornalista, cofondatrice di Bat Shalom (www.batshalom.org) e di Peace Now (www.peacenow.org).


Articoli correlati

  Coraggio israeliano
  Israele contro Iran. Conflitto ineluttabile? E, a quanto pare, si resta a guardare
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Una iniziativa a Viterbo e una lettera al Presidente del Consiglio contro il massacro a Gaza
  Pensioni, primarie PD e Hamas. Così Emma Bonino all’appuntamento settimanale con Radio Radicale
  Valter Vecellio. A Padova, le sfide, gli impegni
  L'europeista Renzi si faccia federalista e quindi alfiere di Israele nell'Unione europea!
  «Israele nell'UE». Autocensura presidenziale postuma, oppure un’allucinazione?
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  Grazia Di Veroli. Israele è anche questo
  Questa sera a Bergamo. Presentazione del 13° numero di “Diritto e Libertà”, con Bruno Mellano
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Valter Vecellio. Le possibili alternative ai sempre più insistenti venti di guerra
  Pannella – Mecacci. Rapporto sulla missione in Cambogia
  Matteo Mecacci. Europa brancaleone ad Annapolis per la “Pace in Medio Oriente”
  Valter Vecellio. Gli attentati del PKK, i venti di guerra
  Israele e Palestina nell'Ue. Parola ai giovani di Fatah
  Valter Vecellio. Punti e spunti per un dibattito. Israele nell’Unione europea
  Emma Bonino. Perché Israele deve entrare nell'UE
  Israele nella Ue contro la guerra senza confini
  Dodici donne israeliane. Noi non obbediremo
  Valter Vecellio. Capita di sognare!
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Israele e Palestina. Questa sera a Milano
  Alessandro Tessari. Ho ben compreso la proposta di Pannella? Allora mi toccherà reiscrivermi al PR...
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Cappato e Perduca. Ma quale pace senza politica?
  Delegazione del Partito radicale in Israele. Dal 7 al 12 novembre
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
  Brunello Mantelli. Ragionare su un disastro
  Luigi Fioravanti. Chi permette la violenza comanda che si faccia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy