Martedì , 24 Aprile 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Cristian Copes. Convegno ai Bagni di Màsino sulla stregoneria
02 Novembre 2010
 

Nel suggestivo ambiente dei Bagni di Màsino (foto) la nuova gestione, che ha ridato vita alla storica struttura, ha organizzato in collaborazione con il Cire (Centro insubrico ricerche etnostoriche) un convegno di studi e una mostra di stampe antiche sul fenomeno della stregoneria.

Il convegno si è aperto il 30 ottobre con l’inaugurazione della mostra di stampe antiche su “I mille volti della strega” attraverso rare incisioni dal Cinquecento all’Ottocento, mentre le relazioni si sono svolte nel pomeriggio del giorno seguente nel salone dei congressi dello storico stabilimento termale, presenti decine di studiosi e molti interessati all’argomento.

Ha aperto i lavori il prof. Guido Scaramellini, presidente del Centro di studi storici valchiavennaschi, che ha parlato dei processi non solo alle streghe, ma anche alle “gattane” nel Quattrocento e nella seconda metà del Seicento, come sono detti i bruchi, cioè le processionarie, che periodicamente infestavano le selve in Valtellina e Valchiavenna. Hanno fatto seguito il prof. Paolo Portone di Roma, presidente del Cire, che ha tratteggiato la figura della strega diabolica tra mito e realtà, e il dott. Rossano Nistri che ha illustrato le erbe e i cibi che tradizionalmente si usavano contro le streghe.

La stregoneria ieri e oggi, attraverso i suoi vari aspetti storici e leggendari, è l’argomento che ha chiuso il convegno nella mattinata di lunedì 1° novembre.

Un argomento, quello della stregoneria, legato alla volontà di emarginare il diverso a vantaggio della supposta “normalità”, la quale ha portato anche nel territorio dell’attuale provincia di Sondrio alla morte di decine di presunte “streghe” tra Sei e Settecento ad opera – nel caso specifico – non dell’Inquisizione cattolica, che nelle due valli non poté operare durante i tre secoli di dominio grigione, ma del potere civile, tramite i giudici laici che erano i podestà e i commissari provenienti dalle tre leghe dominanti.

I partecipanti hanno anche potuto conoscere o ritrovare un ambiente unico in provincia di Sondrio, sorto attorno a un fenomeno raro nelle Alpi, rappresentato dall’acqua che sgorga a 38 gradi di temperatura e che è indicata per disturbi circolatori e articolari, ma in generale per rilassare il fisico e non solo, grazie anche all’ambiente immerso nella foresta di Màsino di interesse regionale e alla collocazione dello storico stabilimento in uno degli ambienti più suggestivi della provincia a quasi 1200 metri di quota.

 

Cristian Copes


Articoli correlati

  Giorgetta e Scaramellini. E le ceneri gettate nell'acqua
  Swati Safena. Caccia alle streghe
  Il potere di cacciare le streghe
  Miriam Della Croce. Lacune bibliografiche
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Maria G. Di Rienzo. Streghe
  Stregoneria e paesaggio. Convegno a Triora
  “Cantiere Teatrale Permanente”. Sabato sera al Museo di Bormio
  Maria G. Di Rienzo. La strega
  Laura Sicignano. La Strega. Al Litta di Milano fino al 19 ottobre
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  Piero Tognoli. Tra passato e futuro contro l’ignoranza che genera intolleranza
  Debutto del romanzo di Massimo Prevideprato, “La donna senza volto”. Sabato conferenza a Ponte; Venerdì anteprima a "Radioattività"
  Annagloria Del Piano. Il ricordo di Maria Salvadora de’ Mossini
  Valtellina, terra di streghe
  È uscito il nuovo “Clavenna” del C.S.S.V.
  Valtellina e Valchiavenna, riscoperta di una cucina
  Cristian Copes. Il Centro studi storici valchiavennaschi al Bersaglio
  Le scuole di Gordona-Valchiavenna intitolate a Giovan Battista Mazzina. La sua storia in un libro.
  Il Balbiano. Un palazzo a Ossuccio
  Cristian Copes. Tre nuovi libri editi dal Centro di studi storici valchiavennaschi
  Il 7 settembre a Sommarovina l’assemblea dei soci del Centro di studi storici valchiavennaschi
  Guido Scaramellini. Terra di Gordona
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 77.6%
NO
 22.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy