Lunedì , 15 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Laura Sicignano. La Strega. Al Litta di Milano fino al 19 ottobre
13 Ottobre 2008
 

Per cercare le chiavi del presente, e per capirlo, bisogna uscire dal rumore: andare in fondo alla notte, o in fondo al nulla; magari laggiù, un po’ a sinistra e un po’ oltre il secondo cavalcavia, sotto il «macigno bianco» che oggi non si vede. Nel villaggio fantasma di Zardino, nella storia di Antonia. E così ho fatto. In tal modo si esprime nella Premessa Sebastiano Vassalli, 67enne novarese nato a Genova da padre lombardo e madre toscana (e laureatosi in Lettere a Milano discutendo con Cesare Musatti, il grande psicanalista, una tesi su psicanalisi e arte), in relazione a La chimera, il suo romanzo edito nel 1990 e che ha mietuto infiniti successi di vendita (oltre venti le edizioni, con svariate traduzioni all'estero) e di critica (Premi Strega e Campiello). Un romanzo che trova collocazione a cavallo del Seicento, una storia cruda e crudele, una magistrale invenzione narrativa, con le lucenti e tragiche stimmate della Storia, di uno degli autori più amati del pubblico italiano, sempre originale e mai scontato (La notte della cometa, Dux, Stella avvelenata et alia).

«Un romanzo indimenticabile», lo definisce Laura Sicignano, che ne ha curato adattamento e regia per lo spettacolo La Strega (orari: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 17, lunedì riposo. Biglietti: posto unico € 12. Info e prenotazioni: tel. 02.86454545), che con la Compagnia Teatro Cargo ha aperto la stagione del Teatro “Litta” (Sala La Cavallerizza, Corso Magenta 24, Milano) e qui in programma sino al 19 ottobre. Fiammetta Bellone interpreta Antonia, la bella Antonia, deposta in fasce, in una gelida notte del gennaio 1590, quella di Sant'Antonio, vicino al Convento di San Michele, a Novara, e condannata ad ardere sul rogo vent'anni dopo la sua nascita, nel settembre 1610. Un triste e durissimo epilogo, la bellezza vissuta come una colpa, una parabola fra gioia panica, amore, dolore e incomprensione estrema, la ribellione inutile (?) al mondo spietato, un apologo sulla verità, illusioni, speranze e ingiustizie, una metafora quanto mai attuale dell'oscurantismo sociale e culturale.

«Antonia cresce con una coppia di contadini che l'adottano e vive in un mondo fatto di poveri cristi: mendicanti, soldati mercenari, spacciatori di finte reliquie, falsi preti, pazzi, comari maligne e pettegole, nel clima della Controriforma. S'innamora di Gaspare, un camminante, ossia un vagabondo, e spesso lo incontra di nascosto la notte, ignara di quello in cui le malelingue avrebbero potuto trasformare la storia d’amore tra due ragazzi. In paese infatti iniziano a circolare voci orribili sul suo conto e chi l’ha vista scomparire nel bosco tutte le notti crede prenda parte a dei Sabba di streghe. Subito è il vuoto intorno alla bella ragazza dai capelli neri e dai tratti spagnoleggianti, subito pullulano leggende sui presunti malefici da lei compiuti. Da qui il processo. Antonia si trova davanti all'Inquisitore e una fila di testimoni depone contro di lei, non c’è scampo, e a vent'anni la sua vita è tragicamente spezzata», è la presentazione che viene fatta del lavoro, la cui messa in scena avviene peraltro in uno spazio scarno ed essenziale: una sedia, luci di candele, frutti scarlatti e odorosi infilzati in acuminati spiedi.

«È la storia di una persona divorata dalla Storia» spiega la Sicignano. «Antonia è una gesù crista. Il capro espiatorio di una collettività che, imbevuta di sensi di colpa, deve espiare i suoi mali nel fuoco e nel sangue. L’ennesima storia di Cristo in croce per lavare i peccati del mondo. Ma Antonia non ha il senso del peccato, non è Giovanna d’Arco, sfolgorante martire grata al proprio martirio. Antonia non è una strega, è solo un animale di carne che vive la propria carne in una ribelle gioia dei sensi, in un forsennato istinto di sopravvivenza. Antonia è predestinata ad essere capro espiatorio fin dalla sua nascita di oscura orfana, marchiata da una nefasta bellezza carnale che non le consente di nascondersi nelle pieghe della vita, ma la espone agli sguardi morbosi del mondo. È la mela biblica, la mela marcia e la mela del rito magico e ancora la mela che in campagna si conservava durante l’inverno nelle stalle». Le mele della scena... simboli.

Il Teatro Cargo, che gestisce anche il “Teatro del Ponente” di Genova, vanta più di venti produzioni, coniugando tradizione e sperimentazione e proponendo sia spettacoli in cui si rivisitano testi classici sia testi originali della stessa Laura Sicignano.

 

Alberto Figliolia


Foto allegate

Laura Sicignano
Articoli correlati

  Il potere di cacciare le streghe
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Miriam Della Croce. Lacune bibliografiche
  Maria G. Di Rienzo. La strega
  Piero Tognoli. Tra passato e futuro contro l’ignoranza che genera intolleranza
  Cristian Copes. Convegno ai Bagni di Màsino sulla stregoneria
  Giorgetta e Scaramellini. E le ceneri gettate nell'acqua
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  Maria G. Di Rienzo. Streghe
  Debutto del romanzo di Massimo Prevideprato, “La donna senza volto”. Sabato conferenza a Ponte; Venerdì anteprima a "Radioattività"
  Stregoneria e paesaggio. Convegno a Triora
  Annagloria Del Piano. Il ricordo di Maria Salvadora de’ Mossini
  “Cantiere Teatrale Permanente”. Sabato sera al Museo di Bormio
  Swati Safena. Caccia alle streghe
  Valtellina, terra di streghe
  Erveda Sansi. Stop all’elettroshock
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.6%
NO
 24.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy