Mercoledì , 24 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
18 Maggio 2008
 

La Commissione Regionale Pari Opportunità interviene sul tema 'Violenza sulle donne' e invita il Parlamento, le Regioni, le Amministrazioni provinciali e le Amministrazioni comunali a farsi carico, ciascuno per propria competenza, del problema.

Tale documento richiama il ruolo della Provincia:

- istituire un Osservatorio contro la violenza e i maltrattamenti alle donne per monitorare l'entità del fenomeno a livello provinciale;

- istituire un tavolo di confronto provinciale composto da tutti i soggetti istituzionali preposti (Provincia, Comuni, Forze dell'Ordine, ASL, sistema scolastico, etc.) per costruire interventi multisettoriali di informazione, educazione, formazione, prevenzione e contrasto.

Le donne di Usciamo dal Silenzio hanno scritto al Presidente della Provincia sottolineando come «tale documento vada nella direzione da noi auspicata ed espressaLe, di costituire, tra l'altro, un tavolo provinciale interistituzionale».

 

il movimento Usciamo dal silenzio

sondrio.uds@gmail.com

 

 

La Commissione Regionale Pari Opportunità della Lombardia, nella seduta del 17 aprile 2008 ha approvato il seguente O.d.G.

ORDINE DEL GIORNO

per contrastare la violenza sulle donne

La Commissione Regionale Pari Opportunità della Lombardia

preso atto

che il tema delle violenza sulle donne è un attacco all’inviolabilità della persona e alla libertà individuale;

che, così come definito dalla “Dichiarazione dell’Onu sull’eliminazione della violenza contro le donne” adottata nel 1983, è considerata tale “qualunque atto di violenza sessista che produca, o possa produrre, danni o sofferenze fisiche, sessuali o psicologiche, ivi compresa la minaccia di tali atti, la coercizione o privazione arbitraria della libertà, sia nella vita pubblica che nella vita privata”;

che i Capi di Stato e di Governo degli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno riconosciuto l’importanza della lotta alla violenza contro le donne e che, nel 2006, hanno lanciato una campagna internazionale di contrasto al fenomeno;

che, nel 2006, il Consiglio d’Europa ha istituito una Task Force contro tutti i tipi di violenza sulle donne, compresa quella domestica, per valutare i progressi conseguiti a livello nazionale;

che 22 paesi membri del Consiglio d’Europa hanno realizzato un piano d’azione Nazionale per combattere la violenza contro le donne;

che il Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, dando continuità all’iniziativa già intrapresa negli anni precedenti attraverso il Progetto “Rete Antiviolenza tra le città Urban Italia”, ha attivato un’ampia azione sperimentale di contrasto al fenomeno della violenza intra ed extrafamiliare. Si tratta in particolare del progetto “Rete Nazionale Antiviolenza e gestione di un call centre -1522 - a sostegno delle donne vittime di violenza”;

considerato che

i dati raccolti a livello nazionale dalla prima indagine Istat interamente dedicata al fenomeno della violenza fisica, psicologica e sessuale contro le donne dimostrano una preoccupante tendenza in aumento del fenomeno. Secondo il rapporto Istat, infatti, un terzo delle vittime subisce violenza più volte e in Lombardia il 34,8% delle donne ha subito una qualsiasi forma di violenza almeno una volta nella vita, ma solo l’11% delle vittime ha presentato denuncia;

nel 2006 oltre 2 mila donne si sono rivolte ai Centri antiviolenza della Lombardia e i dati raccolti mostrano un quadro del fenomeno assolutamente trasversale, distribuito in tutte le classi sociali, culturali e professionali;

che molte Regioni italiane si sono da tempo dotate di leggi in materia;

che al Consiglio Regionale della Lombardia sono già stati presentati due progetti di legge di iniziativa consiliare (pdl n. 0284 del 21.11. 2007 “Interventi di prevenzione e di controllo della violenza di genere e misure a sostegno delle donne in difficoltà e dei minori vittime di violenza” e pdl n. 0300 del 05.03.2008 “Istituzione del fondo regionale di finanziamento per le case delle donne, servizi e centri antiviolenza delle donne”

CHIEDE

al Parlamento Italiano di

licenziare in tempi brevi una legge contro la violenza e il maltrattamento sulle donne, che, oltre a definire una drastica riduzione dei tempi processuali e la certezza della pena, metta in campo strumenti di prevenzione e adeguate risorse economiche per sostenerle;

al Consiglio e alla Giunta Regionale della Lombardia di

approvare in tempi brevi una legge regionale contro la violenza di genere che preveda, oltre al : potenziamento dei Consultori:

  • il riconoscimento dell’importante ruolo delle Case delle donne maltrattate, dei Centri Antiviolenza e delle Associazioni che da anni svolgono sul territorio un’azione di sostegno alle vittime

  • l’istituzione di un fondo regionale che consenta a tali organizzazioni di dare continuità all’erogazione dei loro servizi

  • l’istituzione di un Osservatorio Regionale contro la violenza e i maltrattamenti alle donne per monitorare l’entità del fenomeno

a tutte le Amministrazioni Provinciali della Lombardia di

istituire un Osservatorio contro la violenza e i maltrattamenti alle donne per monitorare l’entità del fenomeno a livello provinciale;

istituire un tavolo di confronto provinciale composto da tutti i soggetti istituzionali preposti (Provincia, Comuni, Forze dell’Ordine, ASL, sistema scolastico, etc.) per costruire interventi multisettoriali di informazione, educazione, formazione, prevenzione e contrasto

alle Amministrazioni Comunali di

impegnarsi a porre come prioritario nelle Politiche Territoriali di Piano e nelle Politiche Sociali il tema del contrasto alla violenza ;

realizzare, ove necessario ed in collaborazione con la Provincia, case di ospitalità in cui le vittime di violenze e maltrattamenti possano essere ospitate con i/le loro figli/ie.


Articoli correlati

  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy