Mercoledì , 24 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
(foto ControViolenzaDonne.org)
(foto ControViolenzaDonne.org) 
29 Dicembre 2007
 

Proviamo a dirlo in un altro modo, ecco qua.

*

Allora, lei sostiene di essere stata vittima di uno stupro?

Sì, cioè no, non vorrei fare del vittimismo. Come vede, sono una donna, e non posso permettermelo. Diciamo che mi sono trovata in una dinamica relazionale sbilanciata in cui, nel mentre ero soggetta all'uso applicato di un certo ammontare di brutalità... Crede che possa usare “soggetta” o è un'ammissione di debolezza?

Ma lo vuole denunciare o no il suo aggressore?

Ecco, sì, ma dipende. Non vorrei che questo poi mi facesse passare per vittima, capisce, le donne sono libere e felici, a priori, e se io finisco per dare un'impressione diversa da questa forse sbaglio, no?

*

Non mi pare che funzioni. Distinguere chi usa violenza da chi la subisce passa anche attraverso la consapevolezza che le vittime di violenza non sono colpevoli di ciò che viene loro fatto. Questo sì è un “a priori”: la violenza è sbagliata, sempre. So che può sembrare banale, ma la confusione fra aggressore e aggredito/a è la scappatoia (e la scorciatoia) costante dei picchiatori e dei violentatori.

*

Dire quindi che delle donne sono “vittime” di violenza non comporta né il piangersi addosso, né il “tornare indietro”. Distinguere chi alza le mani per colpire da chi alza il braccio per parare i colpi significa restituire la responsabilità della violenza a chi sceglie di usarla. È stato questo a portare in piazza così tante “donne comuni”, il cui pentolino ribolliva da mesi, stando almeno alla notevole quantità di mail che ho ricevuto io prima del 24 novembre scorso. Alla maggior parte delle mie corrispondenti non interessava analizzare la piattaforma della manifestazione, né si definivano femministe. Quello che volevano era un'occasione per dire pubblicamente “basta”.

E nessuna era così ottusa da non sapere che una donna non è solo la violenza che eventualmente subisce, non c'era alcun bisogno di fare esercizi linguistici per renderle edotte di ciò: perché al di là di ciò che ciascuna di noi può credere e pensare e inventare, ogni sfregio simbolico o reale sul viso di un'altra ci rimanda a ciò che potrebbe accadere a noi domani (o come parecchie mi hanno scritto, a ciò che era già accaduto). E ognuna di noi è una storia, ma sappiamo da tempo, e da un po' troppo tempo senza fare granché, che moltissime storie potrebbero essere più felici e soddisfacenti senza violenza.

*

Le donne sono libere per diritto di nascita, come qualsiasi altro essere umano. Quanti ostacoli vengano messi davanti all'esercizio di tale libertà è stranoto e non li ripeterò qui. Mi pare che purtroppo tali ostacoli sovente le rendano “libere” nel senso in cui, mettiamo, un commerciante è “libero” di non pagare il pizzo alla mafia, che poi gli fa saltare per aria la casa o gli rapisce un figlio. Così alcune sono “libere”, in tutto il mondo, di non aderire al credo della famiglia, o di vestirsi come a loro pare e piace, o di rigettare un matrimonio forzato: poi la libertà viene fatta loro pagare in mille modi meschini e troppo spesso persino con la vita, ma guai a dire che sono state vittime di violenza. È stata una perturbazione atmosferico-sociale, un uragano umano, un efflusso di ormoni storici, cose che capitano, non sia mai che ne chiediamo conto a quelli con le mani sporche di sangue.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 28 dicembre 2007)


Articoli correlati

  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy