Martedì , 18 Giugno 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Paola Forlani. L’Ossessione Nordica 
Böcklin, Klimt, Munch e la pittura italiana
Munch,
Munch, 'La vanità' 
26 Febbraio 2014
 

Sulla prospettiva del tempo, e tenendo conto della qualità degli esiti, l’Impressionismo sembra dominare in modo esclusivo un intero ciclo storico e venire successivamente contestato proprio dai proseliti più ortodossi che ne esigono la formulazione canonica. Nella realtà, un altro corso artistico ad esso si appaia senza estrarne in relazione dialettica, ma evolvendo bensì parallelo e scavalcando quindi cronologicamente per seminare i suoi germi fin negli orti del XX secolo: è il Simbolismo, che tuttavia raggiungerà la sua stagione più rigogliosa negli anni ottanta e novanta.

Il termine Simbolismo è assai vago e serve del resto a designare un movimento dai contorni fluidi, una pluralità di tendenze eterogenee; esso caratterizza soprattutto una comune accezione dell’arte e della vita. Il Simbolismo contrappone l’idea alla realtà, la fantasia alla scienza, il rifugio nel sogno alla volgarità esistenziale. L’artista simbolista assume infatti un atteggiamento di netta opposizione sia nei riguardi del realismo sia dell’Impressionismo; escludendo qualsiasi interferenza scientistica – quando anche gli impressionisti allo scientismo erano stati attratti, almeno a livello teorico, nelle elaborazione della loro ottica – egli pretende di agire con l’esclusivo intento di «rivestire l’Idea con una forma sensibile». Le parole sono del poeta Moréas che sul Figaro del 18 settembre 1886 pubblicava appunto il manifesto del Simbolismo. Il Simbolismo affonda dunque le proprie radici nel terreno romantico, assegnando valore preminente all’interpretazione soggettiva, coinvolgendo la letteratura, la poesia, le arti figurative e condizionando anche il costume. Se compiutamente si afferma negli ultimi decenni del secolo, disponendo di una preistoria che tocca tempi e geografie diverse. Già sul finire del Settecento veniva adombrato dal filosofo Franz von Baader che, in una visione misticheggiante, tentava di cogliere le occulte relazioni intercorrenti fra la natura e la divinità; e mentre il poeta Novalis scriveva che «il vero oggetto della poesia d’arte sarà la poesia della natura, nella quale le esteriorità del discorso poetico diventano formule particolari di situazioni simili, segni simbolici di poesia nei fenomeni». Dall’Inghilterra la voce simbolista giungeva con Words-wort e con Coleridge – e dall’America con Edgar Allan Poe. Per non dire del grande Baudelaire che vedeva l’uomo passare «à travers de foréts de symboles».

A Rovigo, Palazzo Roverella ha voluto occuparsi su questo itinerario di un’altra area geografica, l’arte nordica (scandinava, baltica, scozzese e tedesca più in generale), con una mostra dal titolo “L’Ossessione nordica. Böcklin, Klimt, Munch e la pittura italiana”, aperta fino al 22 giugno 2014, a cura di Giandomenico Romanelli (catalogo Marsilio).

Il prologo è dunque vasto e composito così nelle lettere come nel pensiero filosofico e nella poesia, per cui il Simbolismo come momento storico definito si pone al culmine di una somma di esperienze che, per vie linguistiche diverse, tendono a dar divisa formale a un atteggiamento comune. Lo stesso avviene nelle arti figurative, il cui ricorso al simbolismo è palese in William Blake come Füssli e sotteso ai preraffaelliti a cui gli artisti del nord fecero riferimento, costantemente, per le loro poetiche. Per la rassegna rodigina, sono state selezionate un gruppo di opere fondamentali nel tracciato della scelta ‘nordica’ delle prime Biennali, proprio quelle che, suggestionate da alcuni riconosciuti capiscuola- su tutti spicca Arnold Boecklin (1827-1901). L’artista di origine svizzera, operò dapprima nel mondo tedesco, dalla cui cultura ricevette l’impulso verso un titanismo eroicizzante alimentato da una costellazione simbolica, e finì quindi per stabilirsi in Italia. Egli trapassa dall’esaltazione di una natura primitiva nella quale l’uomo s’immerge in un anelito di comunione panica, vedi in mostra Rovina sul mare 1880. Il percorso espositivo è suddiviso in diverse sezioni: Centauri, Tritoni, Sirene dalle Alpi alla Laguna; Dal Simbolo alla Natura: Gente del Nord; La Poesia del Silenzio; il Paesaggio dell’Anima: Neve e Fiordi, il Tempio e le Stagioni; le Maschere e i Volti; Venere senza Pelliccia; virtuosismi in nero. La mostra prende il via dal racconto delle prime Biennali e dalla loro evoluzione: da vetrine dell’arte storica e pompier al trionfo del Simbolismo con successiva forte attenzione alle Seccessioni di Monaco, Vienna; Darmstadt e alle conseguenze sui vari filoni dell’arte italiana, specie nei territori ‘di frontiera’ come il Trentino, il Friuli e l’area triestina, impegnati anche politicamente in una sorta di mediazione culturale di singolare originalità. La mostra presta, inizialmente, un’attenzione particolare al momento ‘svizzero’ della cultura tedesca – oltre, al già citato Boecklin, rimbalzano le sinuose forme di Hodler per passare ai grandi viennesi e tedeschi – Klimt, Klinger e von Stuck – impegnati tra evocazioni mitologiche e dense interpretazioni simboliche dei miti non meno che della vita e dell’anima della Belle époque mitteleuropea. Il Paesaggio, nelle sue valenze interiori e in tutte le sue sinfoniche coloriture è presente nella inquieta e silenziosa natura nordica, così propria e inconfondibile in tanta arte scandinava, fatta di distese innevate e fiordi e spiagge in cui la luce dipinge i più suggestivi paesaggi spirituali. Poi uno sguardo agli interni domestici: a spazi avviluppati, a universi raffinati e composti, a proiezioni di sentimenti per proseguire con il capitolo Maschere e ritratti in cui la figura umana, concepita tra tradizione accademica e indagine interiore, si fa carico dei nuovi strumenti di conoscenza e descrizione della psiche nelle molteplici e contraddittorie valenze. Nella sezione Venere senza Pelliccia risalta l’attenzione particolare, non più unicamente accademica o da atelier, riservata al corpo femminile in nudi di provocante sensualità. E per concludere la sezione Virtuosismi in nero, in cui le peculiarità dell’incisione e la ricchezza degli inchiostri trova sorprendenti e virtuosistiche applicazioni in cicli narrativi di straordinaria suggestione, magari partendo dalla tradizione cinquecentesca e approdando a soluzioni cariche di pathos e mistero.

 

Maria Paola Forlani



Foto allegate

Hodler,
Böcklin,
Larsson,
Sartorio,
Von Stuck,
Hammershøi,
Articoli correlati

  Alberto Figliolia: LAC. Orizzonte Nord-Sud
  Hodler – Segantini – Giacometti. Capolavori della Fondazione Gottfried Keller
  Maria Paola Forlani. L’arte nelle epidemie
  Maria Paola Forlani. Borderline: Artisti tra normalità e follia
  Maria Paola Forlani. Il Demone della Modernità
  Alessandra Borsetti Venier: A Firenze riapre “Villa Romana” fondata da Max Klinger nel 1905
  ROMA 900. De Chirico, Guttuso, Capogrossi, Balla, Casorati, Sironi, Carrà, Mafai, Scipione e gli altri
  Andrea Nascimbeni. Andar per giardini, d’inverno
  Maria Paola Forlani. Giacomo Manzù e il Concilio Vaticano II
  Maria Paola Forlani. TIZIANO
  Ebraicità al femminile. Otto artiste del Novecento
  Maria Paola Forlani. La Maison Goupil
  Le avanguardie nella Parigi fin de siècle: Signac, Bonard e i loro contemporanei
  Maria Paola Forlani. “Nuovi” capolavori per la Pinacoteca di Rovigo
  L’Orlando Furioso a Migliarino
  Maria Paola Forlani. RAFFAELLO a Milano
  Maria Paola Forlani. Il Cammino di San Pietro a Castel Sant’Angelo
  I Colori del Sacro. Il Viaggio.
  Franco Cardini. I Borgia e il loro tempo
  Maria Paola Forlani. Autoritratti. Iscrizioni del Femminile nell’arte italiana contemporanea
  La Ragazza con l’orecchino di perla
  Maria Paola Forlani. Le Stanze delle Muse
  Maria Paola Forlani. Seduzione Etrusca
  Maria Paola Forlani. Padova è le sue mura
  Maria Paola Forlani. Magie dell’India a Treviso
  Maria Paola Forlani. Il Sogno nel Rinascimento
  Gian Luigi Zucchini. “L'imperatore, il re del mondo, il cavaliere” di Franco Cardini
  Maria Paola Forlani. Un Cinquecento inquieto
  Maria Paola Forlani: ANTONELLO DA MESSINA
  Maria Paola Forlani. Sacri Splendori
  Maria Paola Forlani. Tiziano, Venezia e il papa Borgia
  Maria Paola Forlani. Testimonianze di un Territorio
  Maria Paola Forlani. NUOVI MONDI
  Maria Paola Forlani. La Madonna del Latte
  Le donne nella Bibbia
  Maria Paola Forlani. Zurbarán (1598 – 1664)
  Jacopo del Cosentino. E la pittura a Pratovecchio nel secolo di Giotto
  Maria Paola Forlani. Il Gran Principe Ferdinando De’ Medici (1663 – 1713) Collezionista e Mecenate
  Maria Paola Forlani. La Primavera del Rinascimento
  Maria Paola Forlani. Lo sguardo di Michelangelo Antonioni e le arti
  Maria Paola Forlani. Il Museo del Duomo di Milano
  Maria Paola Forlani. Verso Monet
  Il Collezionista di Meraviglie. L’Ermitage di Basilewsky
  Maria Paola Forlani. Andata e Ricordo. Souvenir de Voyage
  Franco Patruno. Il Dosso di Maria Paola Forlani
  Maria Paola Forlani. Manet. Ritorno a Venezia
  Maria Paola Forlani. L’Ottocento a Bologna
  Maria Paola Forlani. Sangue di drago Squame di serpente
  Alla Biennale di Venezia: Il Palazzo Enciclopedico
  Liberty. Uno stile per l’Italia Moderna
  Maria Paola Forlani. Dal Giglio al David
  Maria Paola Forlani. Louise Nevelson a “Roma Museo”
  Aldo Fallai. Da Giorgio Armani al Rinascimento
  Maria Paola Forlani. Wunderkammer. Arte, Natura, Meraviglia ieri e oggi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 69.1%
NO
 30.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy